Esercizi per l’ernia del disco a seconda del punto

23 Settembre 2020
Diversi esercizi aiutano a combattere l'ernia al disco e possono essere adattati alle diverse circostanze. Cerchiamo di fare chiarezza su questo disturbo e su come svolgere gli esercizi più adatti.

Fare attività fisica per combattere l’ernia del disco è una delle indicazioni mediche che affiancano il protocollo terapeutico per questa patologia. Sia i professionisti sanitari sia gli sportivi concordano sull’importanza di svolgere precisi esercizi per l’ernia del disco.

L’ernia del disco si manifesta in diversi modi a seconda del punto della colonna vertebrale colpito. Al tempo stesso, il livello di gravità è variabile, così come i sintomi caratteristici. Continuate a leggere per saperne di più.

Quali sono i diversi tipi di ernia?

Un’ernia del disco è una protrusione del disco intervertebrale che fuoriesce dell’asse della colonna. La giunzione in questione entra così in contatto con altri tessuti, che comprime.

Qualunque punto della colonna vertebrale può soffrire di ernia. Questo aspetto contribuisce a classificare i diversi tipi,ovvero cervicale, toracica o lombare. La prima e l’ultima sono di gran lunga le più comuni.

Se pensiamo alla colonna vertebrale come a diverse vertebre l’una sull’altra,  capiremo che tra di esse deve essere presente qualcosa che funga da ammortizzatore. Questo qualcosa è il disco intervertebrale, composto da una capsula più fibrosa e un centro dalla consistenza morbida in grado di assorbire gli urti.

I dischi sono collocati tra i corpi vertebrali ossei, in posizione centrale nella schiena, che rispetta i confini delineati dalla ossa. Quando uno dei dischi fuoriesce a causa di un’ernia, in direzione di una costola, l’equilibrio interno viene meno e i nervi nelle vicinanze si infiammano. Possiamo dunque classificare l’ernia e la rispettiva sintomatologia in:

  • Cervicale: l’ernia del disco cervicale colpisce il collo e i suoi sintomi iniziali sono cervicalgia e dolore localizzato negli arti superiori.
  • Toracica: è la tipologia meno diffusa e si manifesta con fitte al petto e al costato.
  • Lombare: un’ernia del disco lombare tende a colpire gli arti inferiori, con sintomi di lombosciatalgia.
Uomo con ernia del disco.
Un’ernia del disco può colpire qualunque punto della colonna vertebrale. Esiste infatti l’ernia lombare, cervicale e toracica.

Per saperne di più: Consigli per mantenere la colonna vertebrale in salute

Quali esercizi per l’ernia del disco?

Bisogna suddividere gli esercizi per l’ernia a seconda del punto interessato. Non è consigliabile che le persone con cervicalgia eseguano movimenti specifici per gli arti inferiori.

Esercizi per l’ernia del disco cervicale

Massaggiare il collo è l’esercizio che gode di maggiori prove scientifiche a supporto. Il medico prescrive delle sedute di fisioterapia; il fisioterapista dimostrerà al paziente come eseguire i massaggi in casa propria.

Questi automassaggi possono essere eseguiti in qualsiasi momento, durante le pause al lavoro, mentre guardiamo la televisione o in un momento di relax qualunque.

L’attività fisica anaerobica in palestra non è controindicata, di solito è consigliata quando si accusano i primi dolori. Lo scopo è tonificare i muscoli del collo, che sostengono la colonna. Contribuiamo così a dare maggiore sostegno al baricentro della colonna.

I muscoli coinvolti sono quelli paravertebrali, che si posizionano in modo tale da non provocare dolore. Il peso deve essere sollevato con cautela, poiché i nervi tesi dell’ernia del disco cervicale sottraggono forza agli arti superiori, e ciò ostacola il sollevamento dei manubri.

Raccomandazioni sportive dell’ernia del disco toracica

L’ernia del disco toracica o dorsale è poco conosciuta. Molte persone, di fatto, potrebbero pensare che tale disturbo non coinvolga questo punto della colonna vertebrale. Ebbene, non solo esiste, ma il trattamento risulta più complesso.

Gli esercizi per l’ernia in questo caso sono attivi e graduali. Si lavora sulla stabilità e sulla forza, per cui il fisioterapista insiste sulle posizioni statiche per la propriocezione.

A mano a mano che il paziente guarisce e recupera la forza muscolare, verranno definiti nuovi esercizi. L’affiancamento da parte di un professionista è di vitale importanza.

Esercizi di pilates per l'ernia.
L’esercizio fisico è determinante nella fase di riabilitazione dell’ernia del disco. Questa fase andrà seguita da un protagonista.

Per saperne di più: Alleviare la lombalgia grazie a 8 buone abitudini

Esercizi per l’ernia del disco lombare

La classica lombosciatalgia è il sintomo principale dell’ernia del disco lombare. Inizia con un dolore localizzato alla schiena che si diffonde lungo il nervo sciatico fino all’inguine, alla coscia e persino l’alluce.

Si consiglia di affiancare agli esercizi alla terapia del calore per rilassare le fibre muscolari che circondano la lesione; queste, di fatto, sono quasi sempre interessate da contratture muscolari, trattandosi della reazione del corpo al dolore.

Gli allungamenti sono fondamentali e dovrebbero essere ripetuti più volte. Gli arti inferiori devono estendersi al massimo, nei limiti delle possibilità di ogni paziente, in modo da allentare la tensione nervosa. Durante il lavoro è importante creare spazi per il recupero attivo.

È indicato anche l’uso delle palle da ginnastica per ricreare delle varianti del plank e per rafforzare la regione dei muscoli centrali. Anche in questo caso si prova a rafforzare la forza dei tessuti circostanti a supporto dell’equilibrio della colonna.

Combattere il problema in modo naturale

Gli esercizi per l’ernia del disco sono un’alternativa agli analgesici. Sebbene questi ultimi siano utili per calmare i dolori, è meglio evitarne l’abuso.

Con un programma di esercizi e seguendo una vita attiva, l’ernia del disco potrà essere gestita nella maggior parte dei casi. In caso di dolore, la cosa migliore da fare è rivolgersi al fisioterapista che potrà indicare le opzioni migliori a seconda del caso.

  • Neyra, Horacio Tabares, et al. “Hernia discal lumbar, una visión terapéutica.” Revista Cubana de Ortopedia y Traumatología 30.1 (2016): 27-39.
  • Cedeño Capa, Johanna del Cisne, and Elaine Elizabeth Tamayo Chilan. “Evaluación de los protocolos fisioterapéuticos que se aplican en la actualidad en pacientes que padecen hernia discal de 30 a 60 años que asisten al Departamento de Terapia Física y Rehabilitación del Hospital IESS-Machala Regional 9 El Oro, durante el período de Mayo a Septiembre del año 2015.” (2015).
  • Villanueva, Teresa Casanova, and José Ramón Sever Bermejo. “Hernias discales toracolumbares: tratamiento conservador versus tratamiento quirúrgico.”
  • Cuen, Ana Coral Laga, and Antonio Fernando Loste Ramos. “TRATAMIENTO DE LA HERNIA DISCAL LUMBAR.”
  • Mangas Cela, Ana. “Efectividad de los diferentes programas de ejercicio en el tratamiento del dolor cervical crónico.” (2020).
  • Picado-Baca, Mauricio Leonardo, et al. “Tratamiento de hernia discal torácica. Reporte de 2 casos.” Cirugía y Cirujanos 84.5 (2016): 415-419.
  • Montero, A. Alcántara, et al. “Actualización en el tratamiento farmacológico del dolor neuropático.” Medicina de Familia. SEMERGEN 45.8 (2019): 535-545.
  • Bachmann, J. “Hernia discal cervical.” Revista Internacional de Acupuntura 3.3 (2009): 125-128.
  • Ortiz Soler, M. “Tratamiento de la hernia discal mediante oxígeno-ozonoterapia.” Dolor. Investigación Clínica & Terapéutica 22.4 (2007): 187-194.