Iperfagia: sintomi e cause dell’appetito eccessivo

9 Gennaio 2021
L'iperfagia è anche associata a problemi di sovrappeso e obesità, che possono causare malattie cardiovascolari o diabete.

Iperfagia deriva dal greco, dove iper significa “eccesso” e fagia “mangiare”. È un disturbo in cui il desiderio di mangiare è molto più forte del normale. Anche l’assunzione di cibo è fuori controllo.

Di solito la sensazione di appetito è il normale bisogno di mangiare quando il corpo lo richiede. Nel caso delle persone che soffrono di iperfagia, tuttavia, questo bisogno è incontrollabile al punto tale da ingerire enormi quantità di cibo.

Questa patologia è spesso accompagnata da altre complicazioni di salute. In questo articolo spieghiamo cos’è l’iperfagia e quali sono le sue cause principali.

In cosa consiste l’iperfagia?

L’appetito è un bisogno fisiologico che ci spinge a nutrirci quando il corpo lo richiede. Si parla di iperfagia quando questo bisogno aumenta in modo sproporzionato. In altre parole, l’assunzione di cibo diventa incontrollabile.

La persona con iperfagia tende a mangiare grandi quantità di alimenti in un unico pasto. Purtroppo, spesso si tratta di cibi che non sono salutari o nutrienti.

Iperfagia e irrefrenabile appetito di alimenti poco salutari.

Potrebbe interessarvi: Night Eating Syndrome: le abbuffate notturne

Quali sono i sintomi?

Il sintomo principale è un bisogno impulsivo di mangiare. Questa esigenza appare in qualsiasi momento, anche di notte. Il risultato è che la persona mangia di continuo, anche al di fuori dei pasti.

Oltre a ciò, tende a ingurgitare il cibo senza masticarlo e predilige gli alimenti grassi o zuccherati. L’iperfagia, tuttavia, è accompagnata anche da altri sintomi.

Le persone con questo disturbo spesso si vergognano della loro incapacità di controllarsi e provano anche un forte senso di colpa. Raramente è associata a vomito indotto o all’assunzione di lassativi, differenza principale con la bulimia.

Di conseguenza, a seconda della causa, questo aumento di appetito può portare a sovrappeso e obesità. Ovviamente, ciò influisce sulla propria autostima e il senso di insicurezza è molto più alto. Anche la depressione, pertanto, può essere considerata un sintomo di questa patologia.

Da questa condizione possono derivare anche altre gravi patologie come l’ipertensione e il diabete. L’iperfagia è legata a un aumento del colesterolo e dei trigliceridi che, come ben sappiamo, sono dannosi per la nostra salute cardiovascolare.

Mangiare in fretta e tanto, tra le altre cose, può anche causare disturbi digestivi. La digestione diventa più difficoltosa, alcuni nutrienti non vengono assorbiti correttamente e il rischio di disidratazione aumenta.

Ragazzo obeso con iperfagia.

Quali sono le cause dell’iperfagia?

Nella maggior parte dei casi, l’iperfagia è legata a un disturbo psicologico. Le cause principali sono scarsa autostima, paura o incapacità di relazionarsi correttamente agli altri. Questo disturbo, di fatto, è spesso una conseguenza dell’ansia prodotta da queste situazioni.

In realtà, può anche essere collegata a un problema specifico. Per esempio, può manifestarsi in alcune donne durante la sindrome premestruale oppure colpire le persone con malattie tiroidee o diabete. Altre possibili cause includono:

  • Bulimia.
  • Diabete gestazionale.
  • Alcuni farmaci, come gli antidepressivi.
  • Ipoglicemia.

Tutti questi fattori alterano i livelli di leptina, l’ormone responsabile della sensazione di appetito. Il risultato è che non si riesce a distinguere tra la sensazione di fame e quella di sazietà.

Leggete anche: Che cos’è il disturbo da alimentazione selettiva?

Come contrastare l’iperfagia?

Si consiglia di rivolgersi a un medico per risalire alle possibili cause del disturbo. Nel caso in cui si tratti dell’effetto collaterale di alcuni farmaci, verrà prescritto un nuovo dosaggio o il trattamento verrà sostituito.

Viceversa, quando è dovuto ad ansia o depressione, l’ideale è iniziare un adeguato trattamento psicologico, anche se prima andranno escluse possibili cause metaboliche. A tal fine vengono eseguiti diversi esami complementari.

In primo luogo, le analisi del sangue e delle urine. Si dovrebbe anche valutare la salute della ghiandola tiroidea per escludere una possibile patologia come l’ipertiroidismo.

In conclusione

L’iperfagia è una condizione che può avere molte cause, da una malattia della tiroide a un disturbo psicologico. Provoca non solo un problema di sovrappeso, bensì può innescare gravi malattie, come il diabete o l’ipertensione.

Risulta pertanto essenziale rivolgersi al medico in modo da sottoporsi agli esami pertinenti. Trovare la causa e stabilire un trattamento adeguato è essenziale per evitare che il problema peggiori.

  • Trastornos del apetito : anorexia e hiperfagia. (1982).
  • Hiperfagia: no puedo parar de comer – Psicólogos y Salud. (n.d.). Retrieved August 5, 2019, from http://www.psicologosysalud.cl/articulos/hiperfagia-no-puedo-parar-de-comer/
  • El aumento de hambre (hiperfagia). (n.d.). Retrieved August 5, 2019, from https://www.sanitas.es/sanitas/seguros/es/particulares/biblioteca-de-salud/dieta-alimentacion/bioestilo-nutricion/aumento-hambre-hiperfagia.html