La peggiore tormenta è quella che si crea nella nostra mente

10 aprile 2017
A forza di pensare troppo e di rimuginare sui problemi, trasformiamo una semplice nuvola in una tormenta. Imparate a dare il giusto peso ad ogni cosa

Nella nostra mente si crea sempre la peggiore tormenta e le possibili situazioni disastrose, perché drammatizziamo ed intensifichiamo ogni emozione.     

Pensiamo alla fine di una relazione amorosa, a tempo debito abbiamo sofferto, pensavamo di non farcela e che il mondo ci cadesse addosso.

Leggete anche: 5 abitudini che danneggiano la mente

Tuttavia, come vanno ora le cose dopo che sono trascorsi alcuni anni? Non era poi così grave, abbiamo esagerato.

Questo accade perché la peggiore tormenta non è quella che si verifica davvero, ma quella che si crea nella nostra mente.   

La tormenta più difficile a cui porre fine

Perché ci è tanto facile cadere in questa specie di circolo vizioso? Perché finiamo sempre per intensificare ciò succede, soffrendo, così, di più?

La risposta è semplice. Tendiamo a torturarci e ad esagerare tutto quello che ci capita. Pensiamo di continuo ad una situazione, alle sue conseguenze, a ciò che è già accaduto…

In questo modo, i nostri pensieri girano e rigirano senza fermarsi, e la cosa peggiore è che occupano gran parte della nostra mente.

In tutto ciò le emozioni ricoprono un ruolo fondamentale, perché forse non sappiamo gestirle in maniera corretta.

Invece di concederci una pausa, di aiutarci a liberare la mente, ci lasciamo trasportare da quello che proviamo e lasciamo correre la nostra immaginazione.

Leggete anche: Assorbire le emozioni altrui come una spugna

Tornando all’esempio di cui parlavamo all’inizio, probabilmente quella persona si è torturata pensando a tutti i motivi che hanno portato al termine la sua relazione.

La mente potrebbe pensare a possibili infedeltà, dubbi sulla sincerità della relazione e una paura tremenda del futuro che la attendeva.

Provava tutto all’estremo, viveva tutto in maniera così intensa da avere paura di andare avanti e continuare la sua vita senza il suo ex partner.

Tuttavia, prima o poi, tutti i pensieri sono svaniti e ciò che pensava è diventato solo un amaro ricordo.  

Vedere la realtà per quella che è

Quando ci sono i sentimenti e le emozioni di mezzo, non riusciamo a vedere la realtà esattamente per quella che è. L’appanniamo con i nostri pensieri, le nostre paure e i nostri dubbi, le nostre idee prive di raziocinio.

Perché trascorso un po’ di tempo finalmente ci riusciamo? Perché il tempo ci permette di vedere quanto successo da un’altra prospettiva.

In questo momento non siamo più angosciati né tristi… La rabbia non ci consuma più e siamo in grado di vedere ogni cosa chiaramente.

Avevamo bisogno di questo. Ma abbiamo preferito lasciarci trasportare e tormentare, soffrendo di più.

Leggete anche: Per ottenere la calma di cui dispongo, ho dovuto affrontare numerose tormente

La vita non finisce. Crediamo che sia così quando la negatività si presenta e lasciamo che ci faccia compagnia, la afferriamo con forza.

È normale finirsi per consumarsi, perché sono le cattive emozioni a dominare. Non lasciarle andare, impedire che vengano liberate, ci avvelena.

L’importanza di controllare i pensieri

Preoccuparci di quanto accade nella nostra mente è importante, e non bisogna dimenticarlo. Controllare i pensieri, saperli osservare per poi lasciarli andare, ci aiuterà ad essere assertivi e a trovare le soluzioni nel mezzo del caos.

Facciamo un esercizio di visualizzazione e pensiamo a quella tormenta che vive nella nostra testa come ad una stanza disordinata.      

Se non la riordiniamo, se spostiamo gli oggetti da un posto all’altro, alla fine il caos aumenterà e diverrà sempre maggiore.

La soluzione? Iniziare a organizzare tutto, poco a poco, mettendo ogni cosa al suo posto. 

Sarà difficile, ma probabilmente ci renderemo conto che alcune cose stanno occupando un luogo inutile. Cosa ne dite se le buttassimo via?

Questo esercizio di visualizzazione così semplice e pratico ci aiuterà a mettere in ordine tutti quei pensieri che girano senza fine.

Non perdetevi: Non piangere vi farà soffrire

È complicato, ma con un po’ di pratica potremo ottenere ottimi risultati. Non è tutto così orribile.

Schiaritevi la mente, aprite gli occhi e percepite la realtà esattamente per quella che è, senza additivi né trasformandola in una tormenta creata dall’immaginazione.

Guarda anche