Perdita dell'udito: 5 professioni a rischio

Molte professioni sono legate alla perdita dell'udito dovuta all'esposizione costante a rumori forti. Per fortuna, alcune misure possono ridurre i danni.
Perdita dell'udito: 5 professioni a rischio

Ultimo aggiornamento: 13 luglio, 2021

L’udito è uno dei sensi più delicati, necessario per la sopravvivenza dell’essere umano. I rumori prodotti nel corso delle varie attività lavorative sono associati a significativi danni all’udito. Presentiamo 5 professioni che causano la perdita dell’udito.

La perdita dell’udito è il risultato dell’invecchiamento e dell’esposizione a suoni ad alta intensità. Questa condizione è l’infortunio sul lavoro più comune negli Stati Uniti, con oltre 22 milioni di lavoratori esposti ogni anno. La gravità del danno dipende dall’intensità del rumore a cui la persona è esposta, calcolata in decibel.

In genere, una conversazione normale raggiunge i 60 decibel. L’Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH) stabilisce un limite salutare per l’orecchio umano di 85 decibel. Le professioni che espongono le persone a livelli superiori a 85 decibel provocano la perdita dell’udito.

5 professioni che causano la perdita dell’udito

La maggior parte delle persone si abitua ai suoni di lieve e moderata intensità che fanno parte della vita quotidiana. Tuttavia, le attività lavorative sono la principale fonte di rumore forte e continuo negli adulti.

In seguito a ciò, molti lavoratori perdono progressivamente la capacità uditiva e, con il passare del tempo, possono diventare persino sordi.

1) Fabbri e operai

Il fabbro è una delle professioni più a rischio quando si parla della perdita graduale dell’udito. Gli strumenti metallici utilizzati durante la forgiatura e la fusione generano rumori superiori a 100 decibel. Con il passare del tempo, questi suoni diventano comuni per gli operai, tanto che generalmente passano inosservati.

Il NIOSH stima che l’86% dei fabbri e degli operai sia periodicamente esposto a livelli dannosi per l’apparato cocleare.

Il rischio di perdita dell’udito associato a queste professioni è molto alto e aumenta la necessità di applicare quanto prima delle misure preventive.

2) Assistenti di volo e piloti

Donna che sta per salire su un aereo.
Quando si sale a bordo di un aereo, c’è scarsa consapevolezza di questo problema.

Uno dei livelli di rumore più elevati si trova negli aeroporti e nelle grandi autostrade, con un’intensità che solitamente supera gli 80 decibel. Gli assistenti di volo e i piloti sono esposti a più di 130 decibel di rumore durante il decollo, che sono determinati dalle condizioni di pressione all’interno dell’aereo.

L’effetto del rumore sul personale che lavora sull’aereo è principalmente associato a danni strutturali alla membrana del timpano e ad alterazioni neurosensoriali dell’organo cocleare.

3) Musicisti

La perdita dell’udito e la sordità sono i rischi professionali più comuni per i musicisti. Si stima che tra il 30 e il 50% degli artisti soffra di ipoacusia. La gravità e il decorso progressivo della condizione è legata al genere musicale, al tipo di strumento e allo spazio in cui vengono usati.

In genere, i concerti e gli eventi musicali emettono tra i 100 e i 115 decibel di rumore per più di tre ore. Tuttavia, solo 10-20 minuti di esposizione a questi livelli di rumore aumentano il rischio di perdita permanente dell’udito. Inoltre, la prevalenza è maggiore nei musicisti che non utilizzano le protezioni adeguate.

4) Agricoltori e perdita dell’udito

Veterinario in una fattoria.
Anche se potrebbe non sembrare così, anche questa professione provoca problemi di udito.

La zootecnia e le attività agricole sono tra le professioni più strettamente legate alla perdita dell’udito. Gli strumenti utilizzati dal personale dell’allevamento emettono rumori che superano i limiti fisiologici e sono compresi tra 90 e 110 decibel.

Allo stesso modo, questi lavoratori sono esposti a un grande carico di rumore ambientale emesso dal bestiame e da altri animali da cortile.

Gli studi dimostrano che i bovini possono emettere suoni con un’intensità superiore a 88 decibel durante la mungitura. Inoltre, i maiali possono raggiungere i 130 decibel quando gridano.

5) Operai edili

Gli strumenti e i macchinari utilizzati durante la costruzione sono una fonte di rumore altamente dannoso per la salute dell’udito delle persone. Il NIOSH afferma che il 73% dei lavoratori edili è a rischio di perdita dell’udito e di sordità.

Le principali forme di rumore in questi ambienti sono i suoni metallici ed elettrici ad alta intensità. I trapani pneumatici producono 120 decibel di rumore e martelli perforatori fino a 115 decibel.

Oltre a ciò, si stima che più l’apparecchiatura è vecchia ed è dotata di meno tecnologia, maggiore sarà l’intensità del rumore.

Potrebbe interessarvi anche il seguente articolo: Terapia genica per curare la sordità congenita

Raccomandazioni per prevenire la perdita dell’udito

L’obiettivo centrale nella prevenzione della perdita dell’udito professionale è ridurre l’intensità e il tempo di esposizione al rumore.

Si consiglia l’uso continuativo di tappi per le orecchie e cuffie atte a ridurre fino a 30 decibel di rumore ambientale. Allo stesso modo, il NIOSH consiglia di seguire le seguenti linee guida per ridurre il rumore nell’area di lavoro:

  • Acquisire strumenti e attrezzature di lavoro silenziose: quando si seleziona uno strumento di lavoro, è necessario verificare che abbia un sistema integrato per ridurre l’impatto del rumore.
  • Effettuare la manutenzione degli attrezzi: si consiglia di lubrificare e pulire continuamente gli ingranaggi dell’attrezzatura per evitare i rumori dovuti all’attrito o all’usura.
  • Isolare la fonte di rumore in uno spazio chiuso: i macchinari ad alta potenza e che emettono rumore dovrebbero essere collocati in stanze appartate dotate di tecnologia di isolamento acustico.
  • Posizionare barriere su porte e finestre che isolano il rumore.

D’altra parte, le visite mediche regolari sono di vitale importanza. Attraverso l’otoscopia ed altri esami fisici, lo specialista sarà in grado di identificare se c’è qualche danno all’udito e consigliare un trattamento tempestivo.

Oltre a ciò, potrà ritenere necessarie altre misure preventive da applicare a seconda delle caratteristiche di ciascuna persona.

Se avete problemi di udito, non esitate ad andare dal medico

Purtroppo oggi la maggior parte delle professioni causano la perdita dell’udito, alcune con un rischio più elevato di altre. In generale, questa condizione tende a passare inosservata e viene diagnosticata in ritardo.

In caso di strani sintomi uditivi, come diminuzione dell’udito in un orecchio rispetto all’altro, dolore o ronzio, è necessario rivolgersi immediatamente a un medico.

Un approccio terapeutico tempestivo migliora la prognosi di questa condizione ed è associato a una migliore qualità della vita.

Potrebbe interessarti ...
Perdere l’udito: cosa dicono gli esperti
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Perdere l’udito: cosa dicono gli esperti

Una persona su dieci potrebbe perdere l'udito, in buona parte o del tutto, nei prossimi 30 anni se non si riducono i fattori di rischio.



  • Ganime J, Almeida da Silva L, Robazzi ML do C, Valenzuela Sauzo S, Faleiro S. El ruido como riesgo laboral: una revisión de la literatura. Enferm. glob. 2010; ( 19 ).
  • García Castro F, Zúñiga López A, Flórez Castañeda D, Cubides Cárdenas J. Niveles de ruido durante el ordeño de lecherías con sistemas mecánicos del trópico alto colombiano y su efecto en la calidad de la leche y el bienestar animal. Rev. investig. vet. Perú. 2019 ; 30( 2 ): 691-698.
  • Hernández Peña O, Hernández Montero G, López Rodríguez E. Ruido y salud. Rev Cub Med Mil. 2019; 48( 4 ): e431.
  • Montbrun N, Rastelli V, Oliver K, Chacón R. Medición del impacto ocasionado por ruidos esporádicos de corta duración. INCI. 2006;  31( 6 ): 411-416.
  • Sun K, Azman AS, Camargo HE, Dempsey PG. Risk assessment of recordable occupational hearing loss in the mining industry. Int J Audiol. 2019;58(11):761-768.
  • Mazitova NN, Adeninskaya EE, Pankova VB, Simonova NI et al. Influence of occupational noise on hearing: systematic review of foreign literature. Med Tr Prom Ekol. 2017;(2):48-53.