La regola ABCDE in dermatologia

· 26 Marzo 2019
La regola ABDCE è un test diagnostico per scoprire se un neo o una macchia sulla pelle può essere di origine maligna. In caso di dubbio, dobbiamo consultare sempre il medico.

La regola ABCDE è una tecnica usata dai dermatologi per studiare nei e lesioni cutanee sospette e che potrebbero trasformarsi in tumore della pelle.

Secondo uno studio del 2014 del National Cancer Institute (NCI), il tumore della pelle è il terzo tipo di cancro più comune. Lo stesso studio dice che questa malattia colpisce principalmente le persone con la pelle chiara e assicura che in oltre il 90% dei casi i responsabili diretti sono le radiazioni ultraviolette.

Le abitudini preventive, come l’autovalutazione dei nei e i controlli annuali, svolgono un ruolo estremamente importante nella lotta contro questo cancro. Lo studio assicura inoltre che il 90% dei tumori della pelle rilevati in tempo possono essere curati.

A tale scopo, la regola ABCDE è un importante strumento diagnostico. Le parole “Asimmetria”, “Bordi”, “Colore”, “Dimensioni” ed “Evoluzione” compongono questo test. Grazie a questi parametri, è possibile differenziare nei e macchie per prevenire una delle forme di tumore della pelle più aggressive e pericolose: il melanoma.

La regola ABCDE: cosa cercare sui nei?

Persona con molti nei
La diagnosi precoce del tumore della pelle garantisce un’altissima sopravvivenza.

Alcuni nei hanno maggiori probabilità di trasformarsi in melanomi maligni. È il caso dei nei presenti sin dalla nascita e dei nei atipici.

Se non sappiamo come differenziare i nei, possiamo farci guidare dalle cinque lettere della regola ABCDE:

A: Asimmetria

La prima lettera ci dice che dobbiamo guardare la forma dei nei. Quelli di natura benigna hanno una forma rotonda e simmetrica, ovvero se si dovessero piegare in un piano, entrambe le metà si sovrapporrebbero.

Viceversa, quelli di natura maligna tendono a essere asimmetrici e senza una forma specifica.

B: Bordi

Neo con bordi irregolari la regola abcde
Forme irregolari o cambiamenti di colore possono indicare un tumore della pelle.

Il secondo aspetto da valutare è la regolarità dei bordi del neo. Questa caratteristica è un altro indizio per capire se un neo può essere maligno. Quando i bordi sono irregolari, frastagliati, ondulati o mal definiti, probabilmente il neo è maligno.

Potrebbe interessarvi: Neo sospetto, come riconoscerlo e cosa fare

C: Colore

I nei benigni hanno la stessa tonalità in tutta la loro area pigmentata. D’altra parte, una macchia che presenta una varietà di colori da una zona all’altra (marrone o nero, e a volte anche bianco, rosso o blu) potrebbe essere di natura maligna.

D: Dimensioni

Un altro aspetto importante da considerare riguarda le dimensioni della macchia. Se il diametro del neo, cioè la distanza da un’estremità all’altra, è di 6 mm o oltre, probabilmente è maligno. I nei benigni sono di piccole dimensioni.

Un riferimento che possiamo usare per misurare i nei sono le gomme da cancellare nell’estremità di molte matite che, appunto, solitamente misurano circa 6 mm.

E: Evoluzione

Infine, deve essere presa in considerazione l’evoluzione del neo. Se notiamo cambiamenti progressivi di colore e dimensioni o se appaiono altre macchie intorno al neo, questo è un chiaro segno che potrebbe essere un melanoma.

Questo rapido esame dermatologico può essere effettuato da noi stessi. Se scopriamo qualche anomalia, non dobbiamo esitare a rivolgerci a un medico. È raccomandato anche un controllo dermatologico annuale per prevenire qualsiasi problema.

Per rendere il test ABCDE ancora più completo e per distinguere l’eventuale presenza di gravi rischi per la salute, possiamo tenere in considerazione ulteriori aspetti. Ad esempio:

  • Gonfiore.
  • Prurito.
  • Sanguinamento.

Leggete anche: 5 consigli per evitare che il sole vi bruci e macchi la pelle

Alcuni suggerimenti per prevenire il tumore della pelle

Donna che cammina per la città spalmandosi crema solare
La prevenzione del tumore della pelle prevede l’applicazione di una crema solare adatta al nostro tipo di cute.

La principale misura di prevenzione è la protezione dalle radiazioni solari e dalle sorgenti artificiali di raggi UVA. È importante evitare cabine o lettini abbronzanti UV e applicare ogni giorno una protezione solare adeguata.

Queste sono alcune misure che dovremmo attuare per prevenire il tumore della pelle:

  • Non esporsi al sole senza una crema solare con filtro di protezione: applicare una protezione di almeno 30 SPF. Anche se quello di 50 è più efficace.
  • Evitare di prendere il sole tra le 12.00 e le 17.00, specialmente nei periodi più caldi dell’anno.
  • Non esporre al sole i bambini al di sotto dei 3 anni. Proteggerli con cappelli e creme solari con filtri di protezione adatti al loro tipo di pelle.
  • Schadendorf, D., van Akkooi, A. C. J., Berking, C., Griewank, K. G., Gutzmer, R., Hauschild, A., … Ugurel, S. (2018). Melanoma. The Lancet. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31559-9
  • Castañeda, Paola Eljure, J. (2016). El cáncer de piel, un problema actual. Revista de La Facultad de Medicina de La UNAM.
  • Merino, M. (2005). Prevención del cáncer de piel y consejo de protección solar. Revista Pediatría de Atención Primaria. https://doi.org/10.1504/IJADS.2017.084312