La solitudine della maternità: come sconfiggerla

11 settembre 2018
Trovare un equilibrio tra essere madre e donna non sempre è semplice, specialmente se vediamo che i nostri sforzi non sono sufficienti per essere una madre modello. Di seguito vi spieghiamo il perché della solitudine delle mamme

La maternità è una tappa segnata da grandi trasformazioni. Molti di questi riguardano l’arrivo del nuovo nato e le responsabilità che ne derivano. Questo altera il precedente stile di vita della donna. A volte, le trasformazioni spiazzano e la solitudine della maternità prende il sopravvento.

Conciliare efficacemente gli impegni di madre e donna non è per nulla facile. Come madri a volte si vivono fasi di incertezza, soprattutto se non si conta su una solida rete familiare. Tra le grandi trasformazioni che generano stress, influiscono anche i cambiamenti ormonali e fisici.

Come se non bastasse, le imposizioni sociali talvolta si contrappongono in maniera radicale al modo in cui le donne vivono e si percepiscono durante la maternità. Come risultato, non è raro che la frustrazione, l’incomprensione e la solitudine della maternità si manifestino durante questo periodo.

Il modello di madre ideale

La società ci presenta un modello di madre ideale. Avete mai fatto caso agli spot alla TV, ai programmi o ai film? Avete fatto caso al modo in cui le madri sono rappresentate insieme a neonati o bambini?

Maternità e solitudine

Avrete visto madri ballare e con enormi sorrisi, per di più ben curate. Donne magre, piene di energie e vitalità che cambiano i pannolini ai piccoli come se fosse un gesto artistico.

Le madri delle pubblicità sono donne che non sembrano soffrire lo tsunami della stanchezza, del sonno o del dolore. Per i media, la maternità è proprio questo, un naturale stato di felicità e gioia, persino di connessione spirituale.

L’ideale di madre implica mettere il figlio in cima alle proprie necessità. Si pretende dimostrare che è possibile portare avanti entrambi gli aspetti della propria vita. Come se fosse così semplice accudire un bebè che dipende interamente da sé. Una mamma vera non si rivede in questo modello, ecco perché a volte sopraggiunge la solitudine della maternità.

Consigliamo di leggere anche: Mamme impegnate: 4 consigli di bellezza

La vera maternità

Se avete già un bambino, saprete che la maternità ideale è praticamente al di fuori della realtà. Questo non vuol dire che la sia un’esperienza piena di sofferenza e amarezza. In realtà, è una fase nella quale c’è posto per l’amore e l’allegria.

La verità è che si tratta di un esercizio ambivalente, poiché convivono sentimenti opposti. Per esempio, durante la gravidanza potete sentirvi felici perché sentite una piccola vita dentro di voi che si forma, ma allo stesso tempo, avete nausea, vomito e malessere generale.

Dovrebbe essere normale poter mostrare l’indisposizione provata da una madre, ma la società impone che questi sentimenti debbano essere repressi. Così, non sentendosi libere di esprimere il proprio malessere o i propri pensieri, a volte le mamme si sentono sole.

Consigliamo di leggere anche: Mio figlio: il motivo della mia debolezza e della mia forza

La solitudine della maternità

La madre vera è una donna sola per diversi motivi. Per esempio, sembra essere un tabù dire che il parto sia doloroso, che essere madri consumerà tutto il tempo, le energie e il denaro.

La solitudine della madre

E non si dice nemmeno che a volte non si dorme o che sarete stanche e irritabili. Che vi sentirete incapaci e in colpa perché non riuscite a portare a termine tutti i doveri e gli impegni.

In qualche modo le donne hanno assimilato l’idea di poter vivere come madri indipendenti, come donne che possono farcela in ogni caso. Tuttavia, se si vuole affrontare la sfida della maternità con un ritmo di vita uguale a quello precedente, è possibile che ci si senta sole e incapaci.

Per questo motivo è molto importante trascorrere la maternità al fianco di persone che si amano e che facciano sentire non soltanto meno giù di corda, ma che possano anche dare un aiuto o dei consigli.

Cercare sostegno emotivo

Noi esseri umani siamo esseri sociali. Abbiamo bisogno di vivere in comunità e creare una rete di sostegno reciproco per affrontare i momenti difficili. La maternità è uno dei momenti che merita di ricevere questo aiuto.

Sfogarsi, chiedere consiglio, ricevere risposte di esperienze vissute e comprensione, chiedere favori sono tutte azioni estremamente importanti per liberare la paura, lo stress e la solitudine della maternità.

Cercare appoggio emotivo

Nei vari paesi, le madri che si sentivano sole hanno creato gruppi di maternità. In queste associazioni le donne si riuniscono per raccontarsi le loro esperienze, commentare dubbi, paure o speranze. L’obiettivo è evitare scacciare la solitudine e creare una rete d’appoggio che permetta loro di godere del loro ruolo di madri.

Le mamme non sono sole

Malgrado a volte la solitudine della maternità sembri invincibile, è importante ricordare che non siete sole. È importante ricordare che la stanchezza e la mancanza di sonno incidono sul vostro umore e la possibilità di staccare mentalmente e fisicamente.

Non siete, né potete essere, madri perfette e idealizzate. Siete donne, umane, con tanta forza, ma anche con dei limiti. A volte le mamme si sentiamo sole, ma non è sbagliato in fin dei conti.

Sentirci così vi ricorda che avete bisogno degli altri e che dovete anche prendervi cura di voi. Mantenere l’equilibrio non è semplice, ma non è impossibile. Se vi sentite sole, cercate sostegno. La maternità non è un cammino facile, ma regale grande felicità.

Guarda anche