Le alghe aiutano a curare l'endometriosi?

Le alghe vengono utilizzate come coadiuvanti contro i sintomi dell'endometriosi. Cosa dicono gli studi a riguardo? Ne parliamo in questo articolo.
Le alghe aiutano a curare l'endometriosi?

Ultimo aggiornamento: 06 agosto, 2022

L’uso di integratori a base di alghe (Fucus vesiculosus) è diventato popolare per il trattamento dell’endometriosi. Secondo i suoi sostenitori, la loro attività antiestrogenica agisce positivamente contro i sintomi di questa malattia.

In particolare si ritiene che promuova l’equilibrio ormonale, regoli il ciclo mestruale e riduca il dolore. Anche così, per ora non ci sono abbastanza studi clinici per supportare queste proprietà e dovrebbe essere usato con cautela. Vuoi saperne di più? Di seguito condividiamo tutti i dettagli.

Cosa bisogna sapere sull’endometriosi

L’endometriosi è una malattia ginecologica cronica caratterizzata dalla crescita del tessuto endometriale al di fuori dell’utero. In condizioni normali, l’endometrio riveste l’interno dell’utero e, in caso di gravidanza, ospita e nutre l’embrione.

Se la fecondazione non avviene, cade e si verificano le mestruazioni. Tuttavia, nell’endometriosi questo tessuto si trova solitamente nelle ovaie, nelle tube di Falloppio, nella vescica urinaria o nell’intestino.

Sebbene si ispessisca, si scomponga e produca sanguinamento mestruale, provoca un processo infiammatorio che si manifesta attraverso forti dolori mestruali, dispareunia (disagio durante i rapporti sessuali), sanguinamento eccessivo, gonfiore addominale e infertilità, tra gli altri sintomi.

Di solito si ricorre al medico per il forte dolore pelvico. Il professionista conferma la diagnosi attraverso esami complementari quali ecografia, risonanza magnetica e laparoscopia.

Successivamente, il trattamento può includere le seguenti opzioni:

  • Farmaci, come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).
  • Contraccettivi ormonali.
  • Terapia progestinica.
  • Agonisti e antagonisti dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH).
  • inibitori dell’aromatasi (per ridurre i livelli di estrogeni).
  • Chirurgia laparoscopica.
  • Trattamento di fertilità.
  • Rimozione delle ovaie.
  • Cambiamenti nello stile di vita, come il miglioramento della dieta e l’esercizio fisico.

La scelta di un’opzione terapeutica o di un’altra dipende da ogni caso particolare.

Oltre a questo, c’è chi ritiene efficace l’uso di alcuni integratori a base di erbe come coadiuvanti per ridurre i sintomi e migliorare la qualità della vita. Quelli alle alghe sono tra i più apprezzate. Funzionano davvero?

Dolore da endometriosi.
Il dolore dell’endometriosi è molto forte, tanto che alcune pazienti sono costrette ad interrompere le loro attività quotidiane.

Leggete anche: Sintomi dell’endometriosi: quali sono?

Proprietà delle alghe per il trattamento dell’endometriosi

L’endometriosi è una malattia estrogeno -dipendente; in questo senso il trattamento con le alghe sembra benefico per le sue qualità anti-estrogeniche.

Nello specifico, questi integratori sono associati ad una diminuzione del dolore causato da questa malattia. Sembrano anche aiutare a regolare il ciclo mestruale e ridurre l’infiammazione.

Tuttavia, le prove sono piuttosto limitate.

La ricerca condivisa attraverso BMC Complementary Medicine and Therapies ha scoperto che la somministrazione di Fucus vesiculosus promuove il sollievo dell’ipermenorrea e della dismenorrea. Pertanto, è associato alla sensazione di sollievo nell’endometriosi.

Tuttavia, il suo abbondante contenuto di fitonutrienti è anche legato ai suoi effetti positivi contro questa malattia. Come dettagliato in uno studio condiviso sulla rivista Marine Drugs, alcuni dei suoi componenti principali sono i seguenti:

  • Carboidrati (abbondanti in fibra alimentare).
  • Lipidi polinsaturi.
  • Proteine.
  • vitamine.
  • Minerali.

Un’altra teoria suggerisce che il contributo dello iodio ha a che fare con questi effetti. Questo e altri minerali nelle alghe aiutano a regolare l’attività della ghiandola tiroidea. Pertanto, promuovono l’equilibrio degli ormoni nel sangue.

Una dieta a basso contenuto di iodio è stata collegata a uno squilibrio ormonale legato all’endometriosi, ai fibromi uterini e ad altri disturbi della salute riproduttiva.

Potenziali rischi degli integratori a base di alghe

Sebbene gli integratori di alghe siano legati a proprietà benefiche contro l’endometriosi e altre malattie, non va ignorato che la loro assunzione comporta determinati rischi. In concomitanza con uno studio su Nutrition Reviews, alcuni dei suoi possibili effetti indesiderati sono i seguenti:

  • Eccessiva assunzione di iodio. Sebbene questo oligoelemento avvantaggia la tiroide, in eccesso ha l’effetto opposto. È associato a disturbi come il gozzo e il cancro alla tiroide.
  • Il suo abbondante apporto di potassio può essere dannoso per le persone con malattie renali.
  • A causa del suo contenuto di vitamina K, può interferire con l’effetto dei farmaci anticoagulanti.
  • Le alghe possono contenere metalli pesanti come arsenico, cadmio, mercurio o piombo.
Alga commestibile per il trattamento dell'endometriosi.
Le alghe sono molto rinomate in gastronomia. Tuttavia, il loro effetto terapeutico è efficace sotto forma di integratori.

Come si assumono le alghe?

In alcuni paesi, come il Giappone, le alghe sono incluse nella dieta regolarmente, come la verdura. Tuttavia, negli altri paesi è più comune assumerle come integratori, sia in polvere che in compresse.

È importante leggere l’etichetta e rispettare il dosaggio raccomandato dal produttore. In ogni caso, prima di utilizzare questo tipo di prodotto, è bene consultare il medico.

Da ricordare

Sebbene le alghe siano diventate popolari tra coloro che cercano trattamenti complementari per l’endometriosi, la verità è che non ci sono prove sufficienti sulla loro sicurezza ed efficacia.

Si pensa che le loro proprietà anti-estrogeniche aiutino, ma sono necessari ulteriori studi. Pertanto, questa opzione non dovrebbe essere un trattamento di prima scelta. L’alternativa migliore è seguire le istruzioni dello specialista.

Potrebbe interessarti ...
Alghe in cucina e valori nutrizionali
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Alghe in cucina e valori nutrizionali

Avrete sicuramente sentito parlare dell'uso delle alghe in cucina e forse vi sarete chiesti come si mangiano? dove si comprano? bisogna bollirle?



  • Tsamantioti ES, Mahdy H. Endometriosis. [Updated 2022 Feb 26]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK567777/
  • Catarino MD, Silva AMS, Cardoso SM. Phycochemical Constituents and Biological Activities of Fucus spp. Mar Drugs. 2018 Jul 27;16(8):249. doi: 10.3390/md16080249. PMID: 30060505; PMCID: PMC6117670.
  • Bilal, M. Y., Dambaeva, S., Brownstein, D., Kwak-Kim, J., Gilman-Sachs, A., & Beaman, K. D. (2020). Iodide Transporters in the Endometrium: A Potential Diagnostic Marker for Women with Recurrent Pregnancy Failures. In Medical Principles and Practice (Vol. 29, Issue 5, pp. 412–421). S. Karger AG. https://doi.org/10.1159/000508309