Linfocitosi: possibili cause e trattamenti

La linfocitosi è una condizione in cui il numero di linfociti nel sangue appare troppo alto. Bisogna sapere che è la conseguenza di una patologia, non una malattia in sé.
Linfocitosi: possibili cause e trattamenti

Ultimo aggiornamento: 16 luglio, 2022

Il termine linfocitosi si riferisce ai valori di un tipo di globuli bianchi (linfociti) superiori a 5000 nel paziente. In altre parole, si tratta di una proporzione che supera il 40% dei linfociti nel sangue.

Sebbene questa condizione possa verificarsi a causa di malattie di natura infettiva, secondo l’American Cancer Society, la leucemia linfocitica cronica (LLC, cancro del sangue) è la causa più comune di questo conteggio elevato negli anziani.

Per questo e per altri motivi, è fondamentale sapere cos’è la linfocitosi, le sue possibili cause e i trattamenti disponibili. Continuate a leggere!

La linfocitosi: chi ne soffre

Prima di entrare a pieno titolo nel campo teorico di questa condizione atipica, riteniamo necessario soffermarci su chi ha maggiori probabilità di soffrire di linfocitosi. Esistono diversi studi che raccolgono dati epidemiologici, soprattutto per quanto riguarda la leucemia linfocitica cronica. Alcune cifre sono le seguenti:

  • La leucemia linfatica cronica (LLC) ha un’incidenza annuale di 2,7 casi ogni 100.000 persone negli Stati Uniti.
  • Il rischio di svilupparla aumenta con l’età.
  • Gli uomini hanno fino a 2,8 possibilità in più di soffrirne rispetto alle donne.
  • Nel mondo occidentale la leucemia linfocitica cronica rappresenta il 30% di tutte le leucemie diagnosticate.
  • Fino a 50 persone su 100.000 di età superiore ai 70 anni ne soffrono.

Pertanto, la linfocitosi associata a questo processo cancerogeno è comune tra gli anziani. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che questa condizione può essere legata anche a molte altre cause, come vedremo di seguito.

Cos'è l'emofilia nelle donne?
Un numero elevato di linfociti nel sangue può indicare la leucemia linfocitica cronica (LLC, cancro del sangue).

Potrebbe interessarvi: Sintomi della leucemia che spesso trascuriamo

Cos’è la linfocitosi?

La linfocitosi è la presenza atipicamente elevata di linfociti nel sangue. Secondo la Mayo Foundation for Medical Education and Research (MFMER), i linfociti sono responsabili della lotta contro le malattie, quindi è normale che la loro proporzione nel sangue aumenti di numero durante un’infezione.

Negli adulti, un conteggio di oltre 3.000 linfociti per microlitro di sangue è considerato linfocitosi. Nei neonati, invece, questo valore può aumentare fino a 9000 prima di essere considerato una situazione atipica. Va notato che queste soglie possono differire nei laboratori.

Questo processo è la conseguenza e non la causa di una patologia sottostante, quindi è legata al processo patologico che lo accompagna. Possiamo distinguere due diversi tipi di linfocitosi. Questi sono:

  • Monoclonale: evidenzia una malattia proliferativa. Il numero di linfociti aumenta a causa di un difetto intrinseco.
  • Policlonale: aumento dei linfociti prodotti a seguito di un processo infiammatorio o infettivo.

Possibili cause

Affrontare le cause di questa condizione è complesso, poiché le condizioni che possono favorire un aumento dei linfociti nel sangue sono molteplici. Secondo la Mayo Clinic, le cause più comuni di linfocitosi sono:

  • Leucemia linfocitica acuta o leucemia linfatica cronica: oltre alla sua velocità di progressione, questo tipo di tumore può aumentare la presenza di linfociti nel sangue.
  • Malattie di origine virale: infezioni da citomegalovirus, epatite, HIV, mononucleosi, influenza e altre patologie virali.
  • Malattie di origine batterica: ad esempio sifilide, tubercolosi o pertosse.
  • Altre patologie, come linfomi o ipotiroidismo.

Come abbiamo visto, le cause possono essere sia intrinseche che estrinseche al paziente. Patologie di natura infettiva, tumori del sangue o linfatici e malattie autoimmuni possono generare una proporzione insolita di linfociti nel sangue.

Va notato che, nel caso del cancro, l’elevata presenza di linfociti non risponde a una maggiore efficacia nella lotta alle infezioni. Le cellule leucemiche non agiscono come protettori.

linfociti B.
La linfocitosi può rispondere a un processo infettivo o a una malattia cronica come la leucemia linfocitica.

Trattamento

È necessario sapere come differenziare la linfocitosi acuta dovuta a processi infettivi da quelli cronici, poiché il trattamento della leucemia non ha nulla a che fare con una malattia di origine virale, ad esempio.

Di fronte alle infezioni virali, può essere prescritto l’uso di antiretrovirali (in casi come l’AIDS) e altri farmaci che combattono questi agenti patogeni, mentre gli antibiotici sono la via suggerita per i processi infettivi generati dai batteri.

Senza dubbio, le cose si complicano se l’aumento dei linfociti risponde a un cancro del sangue. Secondo la pubblicazione dell’American Cancer Society, di solito sono necessari sia i trattamenti principali che quelli sistemici.

Indubbiamente, in questo caso specifico, non si tratta di eliminare un agente infettivo estraneo, ma le cellule tumorali che proliferano senza controllo nel malato.

Cosa significa un numero elevato di linfociti?

Come abbiamo potuto osservare, una linfocitosi transitoria è normale sia negli adulti che nei bambini, poiché di solito risponde a un’attivazione del sistema immunitario di fronte a un’infezione, sia virale che batterica.

Purtroppo, e soprattutto nella popolazione anziana, una presenza atipica di linfociti nel sangue per periodi prolungati può essere sintomo di patologie molto più gravi: leucemia linfocitica acuta o leucemia linfatica cronica.

Potrebbe interessarti ...
Presenza di leucociti nelle urine: cosa significa?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Presenza di leucociti nelle urine: cosa significa?

La presenza di leucociti nelle urine indica una possibile infezione a carico del sistema urinario, come cistite, uretrite, prostatite, ecc.