Lisa Mary Presley muore per arresto cardiaco a 54 anni: ecco i dettagli

L'unica erede di Elvis Presley ha avuto un arresto cardiaco e le cure mediche non sono riuscite a salvarla: a cosa sono dovute queste morti improvvise?
Lisa Mary Presley muore per arresto cardiaco a 54 anni: ecco i dettagli
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio, 2023

Lisa Mary Presley si è spenta in seguito a un arresto cardiaco all’età di 54 anni, a meno di un mese da quello che sarebbe stato il suo prossimo compleanno. Il 12 gennaio è stata trovata priva di sensi nella sua casa in California, ma alla fine è stato dichiarato il decesso nell’ospedale in cui era stata portata.

I paramedici che l’hanno trovata nella sua abitazione hanno riferito che non respirava, quindi hanno iniziato il protocollo di rianimazione cardiopolmonare (RCP). La Presley aveva recuperato il polso ed era stata trasferita in un centro medico.

I medici l’hanno curata come di consueto in questi casi, ma non sono riusciti a ribaltare la situazione. Così, l’unica figlia di Elvis Presley si è lasciata alle spalle una storia travagliata sotto molti punti di vista: la gestione dell’ingente patrimonio del padre, quattro matrimoni e il suicidio di uno dei figli nel 2020.

Cos’è un arresto cardiaco?

Un arresto cardiaco, come quello di cui è stata vittima Lisa Mary Presley, si verifica quando il cuore smette di pompare il sangue. Secondo il National Heart, Lung, and Blood Institute degli Stati Uniti, la causa è solitamente un difetto elettrico che porta a un’aritmia.

In genere, il soggetto sviluppa una fibrillazione ventricolare. Si tratta di un battito del tutto disorganizzato dei ventricoli, che sono le camere responsabili dell’invio del sangue dal cuore alla circolazione nelle arterie e nelle vene.

La fibrillazione ventricolare è una delle cause più comuni di morte improvvisa. Spesso, quando viene riferito che un paziente è morto “improvvisamente” perché il suo cuore si è fermato, in realtà si trattava di una grave aritmia.

Le contrazioni disorganizzate delle fibre muscolari dei ventricoli impediscono al sangue di defluire verso il resto del corpo. Invece di una contrazione coordinata per ogni battito, la fibrillazione è una disorganizzazione del processo di contrazione che dovrebbe essere sufficiente a portare il sangue a tutte le cellule del corpo.

La conseguenza è la morte. Tanto che le statistiche indicano che la fibrillazione ventricolare (e altre aritmie simili) è responsabile dell’85% delle morti cardiache improvvise.

Non è la stessa cosa di un infarto

Sentendo i termini “arresto cardiaco” e “attacco cardiaco” si può pensare che si tratti della stessa cosa. Ma non è così. Sebbene un infarto possa portare all’arresto cardiaco, non sempre si verifica.

Allo stesso modo, un arresto non è sempre la conseguenza di un infarto.

Infarto o attacco di cuore sono i termini colloquiali per indicare l’infarto miocardico acuto, come chiarisce The Texas Hearth Institute. L’infarto è la morte di un gruppo di cellule, per cui il muscolo cardiaco diventa incapace di portare a termine il suo compito di contrazione.

Con una cura adeguata e tempestiva, l’infarto evolve positivamente in molti pazienti. Il progresso tecnico e i protocolli specifici attualmente in vigore hanno migliorato la sopravvivenza in queste circostanze.

donna con infarto cardiaco
Un infarto può portare all’arresto cardiaco. Ma non è sempre così.

Cause dell’arresto cardiaco

Tornando all’arresto cardiaco, che è stata l’ultima causa di morte di Lisa Mary Presley, va notato che alcune condizioni di base aumentano la probabilità di fibrillazione ventricolare. Esistono cioè circostanze, fattori e problemi di salute che aumentano il rischio di morte improvvisa.

Le cause più comuni di aritmia grave che portano all’arresto cardiaco sono le seguenti:

  • Coronaropatia: questo termine medico si riferisce all’aterosclerosi delle arterie che portano il sangue al muscolo cardiaco. La formazione di placche ateromatose riduce la quantità di ossigeno che le cellule cardiache ricevono, per cui tendono a cedere.
  • Sindromi ereditarie: alcune malformazioni e difetti che si trasmettono in famiglia sono responsabili di aritmie difficili da trattare e gestire. La sindrome di Brugada è un esempio.
  • Tossicodipendenza: i consumatori di cocaina presentano un rischio maggiore di aritmia. Secondo uno studio scientifico brasiliano, sono almeno 16 le alterazioni dell’elettrocardiogramma che possono essere rilevate nei consumatori abituali di questa droga. E tutti sono suscettibili di evolvere in cambiamenti elettrici fatali.
  • Ipertensione arteriosa: i pazienti che convivono con l’ipertensione arteriosa per molti anni subiscono un’alterazione della forma del cuore. Soprattutto se non c’è stato un trattamento adeguato o se il trattamento è stato ritardato.
Elettrocardiogramma
Il sistema elettrico del cuore coordina il battito cardiaco. Qualsiasi circostanza che la perturbi può provocare un’aritmia.

Il ruolo della rianimazione cardiopolmonare nell’arresto cardiaco di Lisa Mary Presley

La rianimazione cardiopolmonare, o RCP, è fondamentale nell’approccio dell’arresto cardiaco, come nel caso di Lisa Mary Presley. Tuttavia, l’accesso a un defibrillatore è l’ultimo modo per salvare la vita e completare la rianimazione. Secondo quanto riferito, i paramedici hanno praticato la rianimazione cardiopolmonare sulla Presley e sono riusciti a ristabilire il battito e a trasferirla in ospedale. Questo trasferimento è stato essenziale per ottenere l’accesso a un defibrillatore per contrastare la fibrillazione ventricolare.

La disponibilità di questi dispositivi è così fondamentale per la sopravvivenza che molti Paesi hanno reso obbligatoria l’installazione di defibrillatori automatici esterni nei luoghi affollati. In effetti, sono già state effettuate analisi di costo-efficacia. Tuttavia, ci sono pazienti che non rispondono positivamente. L’arresto cardiaco di Lisa Mary Presley è un caso esemplificativo. Nonostante l’azione coordinata del servizio sanitario, la rianimazione non è stata sufficiente.

Ciò che dovrebbe essere chiaro è che la rapidità degli interventi e delle risposte a una persona in stato di incoscienza può fare la differenza tra la vita e la morte. Personale addestrato alla rianimazione cardiopolmonare, efficaci meccanismi di emergenza e l’accessibilità ai defibrillatori sono le pietre miliari di una buona strategia.

È con il cuore spezzato che devo condividere la devastante notizia della scomparsa della mia bellissima figlia Lisa.

~ Dichiarazione di Priscilla Presley, madre di Lisa

Potrebbe interessarti ...
Lo stress da lavoro associato al rischio di infarto
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Lo stress da lavoro associato al rischio di infarto

Lo stress da lavoro è associato al rischio di infarto. In questo articolo vi spiegheremo tutto ciò che si sa al riguardo.



  • Abad, A. M. D., Aparicio, L. G., Lahoza, E. L., Gracia, A. F., Bergasa, J. C., & Traid, J. R. (2022). Síndrome de Brugada. Revista Sanitaria de Investigación3(10), 14.
  • Borrayo-Sánchez, G., Alcocer-Gamba, M. A., Araiza-Garaygordobil, D., Arias-Mendoza, A., Aubanel-Riedel, P., Cortés-Lawrenz, J., … & Reyes-Terán, G. (2020). Guía práctica interinstitucional para el tratamiento del infarto agudo de miocardio. Gaceta médica de México156(6), 569-579.
  • de Oliveira, P. P. C., Bertholucci, G. P., Dantas, K. M., Rezende, H. T., Carrijo, A. V., Silva, C. H. H., & Junior, A. D. S. M. (2021). Alterações eletrocardiográficas relacionadas ao consumo de cocaína que são preditores de morte súbita cardíaca: revisão sistemática. Brazilian Journal of Development7(3), 29979-29995.
  • Osorio-Cuevas, D. I., Avellaneda-Lozada, P., Mejía-Mejía, A., Cañón, L., Navarro-Vargas, J. R., Orjuela-Guerrero, A., … & Matiz, H. (2019). Costo-efectividad de la reanimación cardiopulmonar con el uso del desfibrilador externo automático, comparado con reanimación cardiopulmonar básica, para personas con pérdida de conciencia en espacios de afluencia masiva de público. Revista Colombiana de Cardiología26(1), 17-23.
  • Rodríguez-Reyes, H., Muñoz Gutiérrez, M., Márquez, M. F., Pozas Garza, G., Asensio Lafuente, E., Ortíz Galván, F., … & Mariona Montero, V. A. (2015). Muerte súbita cardiaca. Estratificación de riesgo, prevención y tratamiento. Archivos de cardiología de México85(4), 329-336.
  • Sepúlveda, J., Jofré, M. L., Lira, G., Veas, N., Lindefjeld, D., & Pardo, J. (2021). Muerte Súbita Cardíaca por Fibrilación Ventricular… Revista Chilena de Cardiología40(1).

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.