Lizzie Velásquez: una donna bellissima

30 luglio 2015
Nonostante sia stata continuamente bersaglio di commenti ironici, la nostra protagonista ha raccolto le forze ed è andata avanti. Oggi è una delle orientatrici motivazionali più famose al mondo.

 Le persone più belle che abbiamo conosciuto sono quelle che hanno conosciuto la sconfitta, la sofferenza, lo sforzo, la perdita e hanno trovato la loro via per uscire dal buio. Queste persone hanno una stima, una sensibilità e una comprensione della vita che le riempie di compassione, gentilezza e un interesse di profondo amore. Le persone belle non capitano semplicemente, si sono formate.

Elisabeth Kübler-Ross

 

C’è chi ha definito Lizzie Velásquez la donna più brutta del mondo, chi l’ha derisa, chi ha provato a distruggerla e a farne crollare l’autostima. Ciò nonostante, Lizzie ha dimostrato al mondo di essere un grande esempio di bellezza.

Dopo aver subito anni di cattiverie e discriminazioni a scuola, il bullismo l’ha colpita anche dalla rete. Un gruppo di persone, forse con l’intento di renderle la vita impossibile, ha pubblicato su internet un video di Lizzie, additandola come la donna più brutta del mondo. Tristemente, questo video della vergogna è riuscito a raggiungere 4 milioni di visite.

La vita di Lizzie, che adesso ha 26 anni, non è stata facile. Dalla nascita soffre di una rara patologia che, tra le altre cose, le impedisce di accumulare grasso nel corpo e la obbliga a mangiare continuamente. È cieca da un occhio, ulteriore difficoltà che si è aggiunta alle altre.

bullismo-su-internet-390x217

Nonostante le difficoltà che ha dovuto affrontare, è diventata una donna dal cuore straordinario. Lizzie racconta l’umiliazione e il dolore che provò quando scoprì il video pubblicato da questi “bulli informatici” e le migliaia di commenti crudeli. Pianse a lungo, la sua prima reazione fu pensare che la sua vita fosse distrutta e che per lei fosse tutto finito.

Mette i brividi pensare che alcune persone, commentando il video, le diedero consigli su come togliersi la vita.

Quando Lizzie trasformò la sua debolezza in forza

Schiacciata dall’impotenza, dalla tristezza e da un senso di vulnerabilità, Lizzie si rese conto di essere al mondo per un motivo e questo motivo era propria davanti a lei. Lizzie si convinse che, di fronte alla cattiveria, sia inutile combattere il fuoco con il fuoco. Affrontare una persona cattiva con un atteggiamento carico di sentimenti negativi ha il solo risultato di sommare ulteriore negatività.

Per questo motivo, Lizzie riformulò i suoi obiettivi e si mise subito al lavoro. Doveva comunicare, raccontare al mondo quello che le stava succedendo, quello che aveva attraversato e come aveva intenzione di affrontare la vita a partire da quel momento. “Fai un bel pianto, alza la testa, sorridi e diventa positivo“, è il suo motto.

LIzzie-390x234

 

Lizzie, una donna oggetto di scherno e disprezzo, è riuscita a trasformare il dolore in vittoria. Con la sua storia e le sue parole ci invita a riflettere profondamente. È convinta che la sua malattia sia stata la benedizione che le ha permesso di trovare il senso della vita.

Smettere di guardare e cominciare a capire

Lizzie ha saputo rovesciare la situazione a suo vantaggio, da quando ha cominciato a considerare la sua malattia come punto di forza. Oggi, nelle sue conferenze, ci invita a prendere in mano le redini della nostra vita e ci rivela il segreto della sua rivoluzione. Perseguendo uno dei suoi più grandi sogni, è diventata un’affermata ed esperta motivatrice.

Possiede una tale capacità di trasmettere emozioni, che ascoltandola rapisce con la sua magia, riempie della forza necessaria a superare gli ostacoli, stimola ad abbandonare i limiti fisici ed emotivi che ci autoimponiamo. Con la forza di volontà, tutto è possibile, anche risolvere, ad uno ad uno, i nostri problemi.

specchio-352x252

Gli insegnamenti di Lizzie

Cambiare la nostra vita e la percezione della realtà è più semplice quando si possono seguire linee guida. Ecco alcuni suggerimenti di Lizzie utili ad orientarci.

  • Cercate uno scopo, incessantemente, fino a quando non lo trovate. Non smettete mai di sognare e, soprattutto, non abbandonate i vostri sogni per colpa di chi non crede in voi e fa di tutto per mettervi i bastoni tra le ruote. Non abbiate paura di avere un sogno o un obiettivo: una volta che li avete scoperti, impiegate tutta la vostra energia per raggiungerli. E quando li avrete raggiunti, cercatene altri.
  • Osservate e imparate a dimenticare quello che avete già appreso, per stimolare la vostra autocoscienza. Analizzate i vostri valori, cercate di capire dove si nascondono le barriere e le resistenze che frenano i vostri sogni. Ricordate che la lotta è necessaria alla crescita e il vostro successo, a volte, è la “migliore vendetta”.
  • Mantenete nella mente un’immagine positiva di voi stessi. Il vostro valore è maggiore di quello che gli altri vi attribuiscono.
  • Rinnovate costantemente la volontà che vi serve per raggiungere i vostri obiettivi. La fiducia è un sentimento fragile, basta un istante per far crollare il lavoro di anni: abbiatene cura. Pensateci due volte prima di distruggere tutto.
  •  Ogni vita ha valore. Convincetevi che le nostre azioni hanno una ripercussione incalcolabile sulla vita degli altri.
  • Non rifiutate i cambiamentiAmateli, venerateli, cercateli. Il cambiamento ci consente di rivedere continuamente le nostre convinzioni limitanti. Il cambiamento può dimostrare fino a che punto possiamo arrivare e dove invece dobbiamo fermarci.
  • Imparate qualcosa di nuovo su voi stessi e su chi vi circonda. Cambiate le scarpe, ma anche i vostri “occhi”. Ciò che avete fatto fino ad oggi vi ha aiutato ad arrivare fino al punto attuale, ma per fare un ulteriore passo avanti, forse, serve cambiare le lenti attraverso cui siete abituati a guardare il mondo.
  • Siate grati e scegliete di essere felici. Qualsiasi cosa succeda, siate soddisfatti per ogni giorno, ogni gesto, ogni opportunità. Vivete la vita, ne abbiamo una sola.

Vi invitiamo a vedere un video emozionante in cui Lizzie ci racconta la sua storia.

Guarda anche