Mal di testa da puntura lombare: cause e trattamento

27 Luglio 2020
Il numero dei casi di mal di testa dopo una puntura lombare si sono notevolmente ridotti nel tempo. All'inizio del XX secolo la percentuale era addirittura del 60%. Oggi è scesa all'11% se la puntura viene realizzata con un ago sottile.

Si stima che il mal di testa da puntura lombare colpisca circa il 40% delle persone che si sottopongono a rachicentesi o ad anestesia  spinale. Non dev’essere, tuttavia, motivo di preoccupazione poiché in genere è un fastidio destinato a risolversi in modo spontaneo.

La puntura lombare è una procedura realizzata a scopo diagnostico, terapeutico o per applicare un’anestesia locale. In alcuni casi può causare una riduzione della pressione intracranica; questo, a sua volta, può scatenare una cefalea.

Le prime punture lombari risalgono alla fine dell’Ottocento. All’inizio del secolo successivo, l’incidenza di mal di testa da puntura lombare era del 60%. Con il tempo questa percentuale è scesa ulteriormente, e la pratica è tuttora in uso.

Che cos’è una puntura lombare?

Descrizione della puntura lombare

La puntura lombare è una procedura medica praticata allo scopo di prelevare del liquido cefalorachidiano.Tale liquido si trova intorno al cervello e al midollo spinale, agendo come una specie di cuscinetto. Oltre a ciò, viene eseguita anche per iniettare l’anestesia o un farmaco.

Il medico inserisce un ago tra due vertebre lombari, all’interno del canale spinale. A seconda dello scopo della puntura, realizza poi una delle seguenti azioni:

  • Estrae un campione di liquido cerebrospinale, che verrà esaminato in laboratorio.
  • Preleva una certa quantità di liquido per ridurre la pressione nel canale spinale.
  • Inietta un anestetico o un farmaco.

Infine l’ago viene rimosso. Se si verifica una perdita abbondante di liquido cerebrospinale, la pressione nella cavità cranica si riduce, provocando mal di testa.

Mal di testa da puntura lombare

Il mal di testa dopo la puntura lombare in genere si verifica bilateralmente, cioè su entrambi i lati della testa. È tipico che insorga immediatamente o, in ogni caso, in un periodo non superiore ai cinque giorni dopo la puntura. In genere scompare da solo in meno di una settimana.

Il dolore tende a peggiorare in posizione seduta o in piedi. Si consiglia pertanto di restare sdraiati. La cefalea si manifesta soprattutto nelle donne di età compresa tra i 18 e i 30 anni.

D’altra parte, l’intensità del mal di testa dipende in gran parte dal tipo di ago utilizzato, dalla tecnica applicata e dall’abilità del professionista che esegue la procedura. Minore è lo spessore dell’ago, minore è il rischio di mal di testa. Con aghi molto sottili, l’incidenza scende all’11%.

Leggete anche: Microfibre: nuova frontiera per riparare il midollo spinale

Il mal di testa da puntura lombare è caratterizzato da un dolore pulsante e sordo, con intensità da lieve a invalidante. Il dolore aumenta quando si è in piedi e diminuisce da sdraiati.

Può essere accompagnato da altri sintomi come vertigini, ronzii, visione doppia o offuscata, nausea, perdita dell’udito, rigidità e dolore al collo. La risonanza magnetica rivela, tra le altre cose, un calo delle strutture intracraniche.

La diagnosi è clinica. Il medico può richiedere una risonanza magnetica o altri esami per escludere altre possibili cause del mal di testa.

Leggete anche: Mal di testa in estate e come calmarne i sintomi

Altri dati da prendere in considerazione

In caso di mal di testa da puntura lombare l’ideale è restare sdraiati per un periodo non inferiore alle 12 ore. Il dolore compare in genere 15 minuti dopo essersi alzati, quindi non è controindicato eseguire alcune azioni come alzarsi per andare in bagno o a mangiare.

Bere molti liquidi aiuta a recuperare il liquido cerebrospinale perso, soprattutto nelle 24 ore successive. Allo stesso modo, a meno che non vengano date indicazioni diverse, è consigliabile bere caffè o bevande a base di caffeina.

Il mal di testa dovrebbe attenuarsi. Se il dolore non diminuisce o addirittura aumenta, è necessario farsi visitare dal medico al più presto. Lo stesso in presenza di vomito, formicolio, intorpidimento delle gambe, difficoltà a urinare, dolore o sanguinamento nel punto di inserimento dell’ago.

  • Herrera Salas, S. (2016). Cefalea post punción lumbar. Revista Médica de Costa Rica y Centroamérica, 73(620), 443-448.