Mangiare una pera al giorno: quali benefici?

· 3 Marzo 2019
Mangiare una pera al giorno è ideale per chi soffre di diabete, ma anche per chi desidera perdere peso, in quanto aiuta a mantenere sotto controllo i livelli di glucosio.

La pera è un frutto delizioso e rinfrescante, inoltre ha numerose proprietà. Volete sapere perché è importante mangiare una pera al giorno?

Dopo aver letto questo articolo, non potrete più fare a meno di mangiare una pera al giorno e ricevere tutti i suoi nutrienti.

Le pere e i loro benefici

La pera è un frutto che può essere mangiato in qualsiasi periodo dell’anno ed è inoltre alla base di numerose ricette. Offre ancora più benefici se mangiata cruda, con o senza buccia.

Se è matura, aiuta a digerire. Inoltre è dolce, saporita ed è una ricca fonte di nutrienti. Per questo è consigliata in caso di molti disturbi e malattie.

È ricca di acqua, dunque è ideale per idratare il corpo, evitare la ritenzione idrica e combattere la sensazione di fame continua (è perfetta per le persone che desiderano dimagrire).

Leggete anche: Come sapere se soffriamo di ritenzione idrica?

Non ha grassi né calorie né troppi zuccheri, quindi è lo spuntino ideale per gli atleti prima e dopo l’attività fisica. È ben tollerata anche dalle persone diabetiche e, dato che contiene fibre solubili e insolubili, favorisce la regolarità intestinale.

Chiunque può mangiare questo frutto, dai neonati agli anziani. La pera è indicata anche in caso di:

  • malattie cardiache
  • ipertensione
  • anemia
  • diabete
  • sovrappeso o obesità
  • colesterolo alto
  • stitichezza
  • ulcera e gastrite
  • diarrea
  • gozzo
Pere

Varietà di pera

Sono molte le varietà di questo delizioso frutto:

  • William (o Bartlett): ottima per preparare la marmellata, perché non ha un sapore molto forte. La si può trovare in estate e autunno.
  • William rossa (o Bartlett rossa): ha un colore intenso e va mangiata cruda, in insalata o negli antipasti. La si può trovare in estate.
  • Kaiser: è molto buona cotta al forno ma anche tagliata cruda nelle insalate. La si può trovare in autunno e inverno.
  • Abate: ottima cruda e per preparare macedonie. È presente sul mercato in tutte le stagioni, un po’ meno d’estate.
  • Conference: è una pera profumata e succosa, dal leggero sapore speziato. Ideale da mangiare sia cruda che cotta. Si trova sul mercato da novembre a giugno.
  • Decana del Comizio: molto dolce, succosa e croccante. Perfetta con formaggio o al forno con le mele. La si può trovare in autunno e in inverno.
  • Seckel: sono più piccole delle altre, con sapore dolce e polpa soda. Sono ideali per preparare plum cake e torte. Anche questa varietà la si può trovare in autunno e in inverno.

Mangiare una pera al giorno: quali benefici?

Ora che conoscete alcune proprietà di questo frutto e anche le varietà presenti in commercio, è arrivato il momento di scoprire perché dovremmo mangiare una pera al giorno.

Combatte i radicali liberi

I radicali liberi sono i responsabili dei danni cellulari, perché ne accelerano il processo di invecchiamento. Grazie ai suoi antiossidanti, la pera protegge il corpo dai radicali liberi e aiuta a mantenersi sani e in forma.

Riduce il rischio di cancro

L’accumulo di acidi biliari nell’intestino aumenta la possibilità di sviluppare il tumore del colon-retto e diversi problemi intestinali. La fibra presente nella pera protegge e preserva la salute delle pareti del colon, quindi riduce il rischio di cancro.

D’altra parte, i nutrienti presenti nella pera contrastano la formazione di cellule cancerogene nello stomaco e nell’esofago.

Bambino addenta una pera

Leggete anche: Torta di pere: un dolce sano per la vostra dieta

Tiene sotto controllo il diabete

La pera conta su un basso indice glicemico; è quindi un dessert o uno snack perfetto per chi soffre di diabete e ha voglia di qualcosa di dolce. Il sangue ne assorbe i carboidrati e regola i livelli di glucosio.

Stimola la digestione

Le pere hanno un’azione molto importante nel processo di digestione. Mangiare una pera al giorno apporta all’organismo il 20% della quantità giornaliera di fibre necessarie.

La pera ha effetto lubrificante sull’intestino e favorisce una rapida evacuazione, evitando quindi problemi di stitichezza. Inoltre, stimola la secrezione dei succhi gastrici e regola i movimenti intestinali in caso di diarrea.

Abbassa la pressione arteriosa

Contenendo potassio in abbondanza, la pera protegge la salute cardiaca. Il potassio, infatti, è un ottimo vasodilatatore.

Oltre ad abbassare la pressione arteriosa, previene la formazione di coaguli che potrebbero causare danni al sistema cardiovascolare.

Aumenta l’afflusso sanguigno, quindi la quantità di ossigeno agli organi e riduce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari o infarto.

misuratore di pressione

Mangiare una pera al giorno: altri vantaggi

Ecco altri fantastici benefici che possiamo ottenere da questo gustoso frutto:

  • Grazie alla pectina, la pera abbassa i livelli di colesterolo.
  • Rafforza il sistema immunitario, così evitiamo di ammalarci, soprattutto in inverno.
  • Aiuta l’organismo a trattenere il calcio delle ossa, ritardando o migliorando l’osteoporosi.
  • Grazie all’apporto di acido folico, la pera previene le malattie che possono colpire il feto e la mamma.
  • Previene i crampi, perché è ricca di potassio.
  • Le maschere a base di pera migliorano la salute e l’aspetto di pelle e capelli.
  • È perfetta da includere in una dieta depurativa o dimagrante.
succo di pera

Come scegliere le pere migliori?

Ecco, infine, come scegliere le pere migliori e usarle nelle preparazioni che più vi piacciono.

  • Scegliete le pere più dure, con la buccia morbida e senza ammaccature.
  • Evitate le pere che presentano macchie più scure e molli (conseguenza di urti).
  • Comprate la frutta e mangiatela prima possibile.
  • Potete conservare le pere in frigorifero per qualche giorno, ma è meglio conservarle a temperatura ambiente.
  • Tastate la parte superiore del frutto, accanto al picciolo. Se questa parte è molle, significa che la pera è matura.
  • Diabete. net. Quando la pera è meglio della mela. https://www.diabete.net/notizie/quando-la-pera-meglio-della-mela/
  • Sun, J., Chu, Y. F., Wu, X., & Liu, R. H. (2002). Antioxidant and antiproliferative activities of common fruits. Journal of Agricultural and Food Chemistry. https://doi.org/10.1021/jf0207530
  • Sarkar, D., Ankolekar, C., Pinto, M., & Shetty, K. (2015). Dietary functional benefits of Bartlett and Starkrimson pears for potential management of hyperglycemia, hypertension and ulcer bacteria Helicobacter pylori while supporting beneficial probiotic bacterial response. Food Research International. https://doi.org/10.1016/j.foodres.2014.12.014