5 metodi per sviluppare la resilienza

Forse all'inizio risulta faticoso, ma la resilienza è un elemento fondamentale per riconoscere a noi stessi l'importanza che meritiamo e per essere molto più felici

Durante l’arco della nostra vita, le avversità continueranno sempre a prenderci alla sprovvista. Per affrontarle, dunque, è bene imparare a sviluppare la resilienza.

La resilienza è semplicemente la capacità che abbiamo di sopportare e affrontare i colpi che la vita ci può infliggere. Maggiore è la nostra resilienza, maggiore sarà la fermezza che avremo per affrontare tutti i problemi che possono sorgere.

Ma come si fa a creare la resilienza? Si impara con l’esperienza. Tuttavia, oggi vi aiuteremo suggerendovi alcuni metodi per rendere il processo molto più facile.

Tecniche per sviluppare la resilienza

1. Le crisi non sono ostacoli insormontabili

Un ragazzo che aiuta una ragazza in montagna, aiutandola a creare la resilienza

In molti casi sviluppare la resilienza diventa difficile perché vediamo le crisi come ostacoli insormontabili.

Non ci rendiamo conto che, in realtà, lo sono semplicemente perché non gurdiamo la situazione con la giusta prospettiva.

Se ci voltiamo verso quelle esperienze da cui pensavamo che non saremmo mai usciti, ci rendiamo conto che non erano così  negative come sembravano… Non è vero?

Domandatevi sempre quanto sono catastrofici i pensieri che avete nei confronti di una specifica situazione. Non lasciatevi travolgere da questi pensieri e sforzatevi di prendere una certa distanza.

Vi accorgerete che non è nulla che non possiate superare.

2. Il cambiamento fa parte della vita

Ragazzo dentro una scatola che rappresenta la sua comfort zone

Il processo decisionale, i cambiamenti… Sono cose difficili, perché ci adagiamo sulla vita quotidiana e sulla routine, ovvero su tutto ciò che ci dà sicurezza e comfort.

Scopri: Come cambiare la propria vita in 25 giorni

Ma quando un problema ci minaccia, la nostra vita improvvisamente viene capovolta. Non sappiamo cosa fare, ci sentiamo persi!

È importante smettere di prendere i cambiamenti come qualcosa di negativo. Non abbiamo alcun motivo per rifiutarli o per vederli come qualcosa da temere.

I cambiamenti possono essere più positivi di quanto non pensiamo. Se non ci credete, provate a ricordare alcuni cambiamenti passati. Di sicuro vi hanno innanzitutto fornito un grande insegnamento.

3. Prendetela come un’opportunità di crescita

I problemi, le difficoltà, gli ostacoli non sono così terribili come li vogliamo immaginare. E possono rappresentare una grande opportunità per crescere e per imparare di più su noi stessi.

Chi di noi non ha scoperto una parte della sua personalità che non era emersa fino a quando non si era trovato di fronte ad un ostacolo?

Vedere le avversità come vere e proprie disgrazie è socialmente visto di buon occhio, ma se le intendessimo anche come un’opportunità per migliorare come persone?

Se siamo in grado di vedere con occhi nuovi le situazioni più terribili, allora possiamo creare la più potente resilienza. Perché in qualsiasi esperienza negativa c’è sempre anche qualcosa di positivo.

Impariamo a vederlo?

4. Gestire le emozioni è molto importante!

Donna che tiene cartelli con facce che mostrano emozioni opposte, rappresentando la sua capacità di gestire le emozioni

Nessuno ci insegna a gestire le emozioni, per questo ci danno così tanti problemi. A volte le reprimiamo, a volte le esprimiamo senza alcun controllo.

A volte ignorare le nostre emozioni nel momento in cui dobbiamo capire quello che stiamo provando ci porta ad avere reazioni eccessive e a non saper controllare i nostri impulsi.

Questo ha un impatto negativo sulle nostre relazioni, inoltre mina la nostra autostima e provoca quella terribile sensazione di essere sopraffatti dai nostri sentimenti.

Praticare la mindfulness, la meditazione o lo yoga può aiutarci a osservare i nostri pensieri e sentimenti, a conoscerci meglio, a immergerci dentro di noi e, soprattutto, a ottenere maggiore resilienza.

5. Non dimenticatevi di voi stessi

Ragazza rilassata che pensa a sé stessa ed è contenta della sua vita

Il modo migliore per costruire la resilienza è prenderci cura di noi stessi. Tendiamo sempre a preoccuparci per gli altri, ma chi si preoccupa per noi?

Fare sport, mangiare bene, dare la priorità a noi stessi quando è necessario, imparare a dire di “no” sono atteggiamenti che sembrano semplici, eppure di solito li mettiamo in secondo o anche un terzo piano.

Non ci rendiamo conto dell’importanza che meritiamo di avere, e questo ha delle conseguenze quando ci troviamo di fronte ad un problema.

Se cominciamo ad ascoltarci, scopriremo che siamo in grado di rimanere più stabili dinanzi ai colpi della vita. Saremo pronti a tutto e potremo godere di una grande resilienza.

Da non dimenticare: Sono forte da quando ho imparato ad alzarmi da solo

Ora che sapete come sviluppare la resilienza, è importante iniziare a fare piccoli cambiamenti nella vostra vita che vadano a suo favore, mai che la ostacolino.

A volte, senza rendercene conto, remiamo contro la nostra salute e il nostro benessere, seguendo un modello inconsapevole di comportamento che porta al vittimismo, al dramma e allo sviluppo di una bassa autostima.

È ora di dare una svolta, di iniziare a vedere il lato positivo degli eventi negativi e di cominciare a essere molto più felici.

Guarda anche