Monociti alti nel sangue: sintomi e terapie

26 Febbraio 2020
Sebbene le infezioni siano la causa più comune di alti livelli di monociti nel sangue, questo fenomeno può verificarsi anche nel quadro di un processo cancerogeno o infiammatorio.

Il nostro sangue contiene molti più tipi di cellule e sostanze di quelle comunemente conosciute (come sono i globuli rossi). Un buon esempio sono i monociti, cellule in circolo nel nostro sangue che provengono dal sistema immunitario. Cosa fare in caso di monociti alti in seguito alle analisi del sangue?

I monociti sono prodotti dal midollo osseo e trasportati dal sangue fino ai vari tessuti. Una volta raggiunti i tessuti, i monociti si trasformano in macrofagi, con funzione di difesa. Hanno il compito di eliminare determinate sostanze di scarto e agenti pericolosi per il nostro organismo.

Queste cellule agiscono anche nel processo infiammatorio. I monociti, poi, rappresentano tra il 4 e l’8% del totale delle cellule nel nostro sangue. Tuttavia, la loro concentrazione varia in base all’età, alle infezioni o alla presenza di un qualche processo infiammatorio attivo.

In questo articolo vi spieghiamo perché i livelli di monociti nel sangue possono alzarsi e quale importanza assume questo fenomeno. Si tratta di un aspetto fondamentale, che bisogna tenere in considerazione quando ci sottoponiamo alle analisi del sangue o per conoscere le condizioni immunitarie di una persona.

Perché i livelli di monociti nel sangue si alzano?

Come dicevamo, i monociti sono cellule che fanno parte del nostro sistema immunitario. Sono protagonisti nei processi infiammatori e infettivi. Si parla di monociti alti quando la loro concentrazione supera l’8% delle cellule del sangue.

Quel che sappiamo con certezza è che alti livelli di monociti non sempre sono sintomatici. Saranno tuttavia evidenti i sintomi della causa alla base di questo incremento. Per riassumere, potremmo dire che le cause più comuni sono:

  • Infezioni, ad esempio una persona affetta da malaria. Sappiamo per certo che le infezioni sono la causa più comune di tale fenomeno, sebbene si tratti di infezioni transitorie.
  • Malattie autoimmuni e infiammatorie. La più comune è l’artrite reumatoide.
  • Anomalie del sangue.
  • Processi cancerogeni, come leucemie e linfomi.
Analisi del sangue
Le analisi del sangue permettono di contare il numero di globuli rossi e globuli bianchi presenti nell’organismo.

Potrebbe interessarvi: Esami del sangue: ogni quanto farle?

Monociti alti a causa di un’infezione

Si tratta della causa più comune. Il numero di monociti aumenta in caso di infezione semplice come un mero raffreddore, così come nel caso di un’infezione cronica. Ne è un esempio la tubercolosi. Per questo motivo, i monociti alti nelle analisi del sangue non rappresentano un dato molto impreciso.

Malattie infiammatorie

Un alto numero di queste cellule può indicare anche la presenza di un processo infiammatorio nel corpo. Ad esempio, è il caso dell’artrite reumatoide, un disturbo infiammatorio cronico che colpisce le articolazioni e che causa dolore e perdita di motricità.

Neoplasie ematologiche

Anche le cellule del sangue possono essere coinvolte in processi neoplastici. Questo significa che i diversi tipi cellulari possono crescere in modo incontrollato e aumentare le proprie concentrazioni. Tra queste anche i monociti.

Cellule del sangue

Potrebbe interessarvi: Conoscere il gruppo sanguigno dei familiari

Monociti alti nel sangue: come leggere i valori?

In un’analisi del sangue completa in genere vengono indicati i valori di tutte le cellule presenti nel sangue. È un metodo semplice ed efficace per individuare eventuali patologie. Tuttavia, come dicevamo, alcuni dati sono aspecifici e vanno approfonditi.

A seconda del numero di monociti presenti, è probabile che si tratti di un processo piuttosto che di un altro. Ad esempio, se i livelli sono leggermente al di sopra della media, la cosa più probabile è che si tratti di una infezione lieve. D’altro canto, se i livelli sono molto elevati, potrebbero indicare la presenza di leucemia.

Sarà il medico a eseguire l’analisi della concentrazione di monociti. Se dovesse ritenerlo opportuno, eseguirà le analisi necessarie per individuare l’infezione o il processo infiammatorio, se presenti.

Proprio per questo motivo, è molto importante sapere se si sono presentati altri sintomi in concomitanza. Non esiste alcun trattamento per abbassare i livelli di monociti nel sangue; il trattamento si basa piuttosto sulla risoluzione della causa sottostante.

È tuttavia doveroso dire che l’esercizio fisico può aiutare a riequilibrare i livelli di monociti. Esso, infatti, aiuta a regolare il sistema immunitario e agisce da antinfiammatorio naturale.

Per concludere, l’importante è sottolineare che i monociti alti sono un sintomo aspecifico. Per poter ottenere una diagnosi corretta, è fondamentale consultare il medico. La maggior parte delle volte, inoltre, sono solo conseguenza di una infezione lieve e passeggera.

  • ¿Qué significan los Monocitos altos? | ClinicPoint. (n.d.). Retrieved January 5, 2020, from https://www.clinicpoint.com/blog/316/que-son-monocitos-altos
  • Trastornos de los monocitos – Trastornos de la sangre – Manual MSD versión para público general. (n.d.). Retrieved January 5, 2020, from https://www.msdmanuals.com/es-es/hogar/trastornos-de-la-sangre/trastornos-de-los-glóbulos-blancos-leucocitos/trastornos-de-los-monocitos
  • Monocitos: valores en sangre y su significado – Terapias del mar. (n.d.). Retrieved January 5, 2020, from https://www.fundacionrenequinton.org/blog/monocitos-valores-en-sangre-y-su-significado/?utm_campaign=RB+-+DSA+Anuncios+dinámicos+Fundación&utm_medium=ppc&utm_source=adwords&utm_term=&hsa_src=g&hsa_cam=1384904843&hsa_acc=6642924368&hsa_tgt=dsa-443672085288&hsa_kw=&hsa_mt=b&hsa_net=adwords&hsa_ad=331720786032&hsa_grp=56800720458&hsa_ver=3&gclid=Cj0KCQiAr8bwBRD4ARIsAHa4YyI0lq_Y1rHbDKoPZ51qkAy9I6V9Oe_r4RZAU8No_VNdl1QN8zpBjIcaAgJQEALw_wcB