Negazione nella dipendenza: cosa fare?

10 Marzo 2021
Molte volte, la persona che soffre di una dipendenza non è consapevole di ciò che le sta succedendo e nega la sua situazione nel tentativo di fuggire dalla realtà. Ve ne parliamo in questo spazio.

La negazione nella dipendenza è una delle caratteristiche più comuni nelle persone che sono dipendenti da qualche sostanza o comportamento. Infatti, spesso sono i familiari, gli amici e il partner che fanno pressione su chi ha la dipendenza affinché possa ricercare l’aiuto necessario. Tuttavia, il diretto interessato non crede ci sia la necessità per farlo e, addirittura, nega il problema.

Questo situazione, anche se molto frustrante, ha un lato positivo: una volta che la persona scopre il suo problema e lo accetta, sarà pronto per iniziare il processo di riabilitazione. È importante sottolineare che soffrire di una dipendenza non deve essere necessariamente legato all’uso di droghe.

Ci sono persone con problemi legati all’abuso di qualche attività come il lavoro, il gioco d’azzardo o l’assunzione di cibo. Per questo motivo, approfondiremo l’argomento soffermandoci su alcuni aspetti fondamentali.

Le forme di negazione nella dipendenza

Tossicodependente e negazione della dipendenza.
I pazienti che negano la loro dipendenza non sono nemmeno consapevoli del loro problema.

La negazione nella dipendenza coinvolge diversi contesti, non è solo il meccanismo di mentire sulla realtà. Potete essere sicuri che è molto più complesso di quanto immaginate, ed è per questo che è così difficile affrontare le dipendenze. Tra le forme di negazione ci sono le seguenti:

  • Semplice negazione. Questa è la modalità che identifichiamo più facilmente. Consiste nel negare l’esistenza delle conseguenze negative che la dipendenza ha sulla vita quotidiana.
  • Giustificazione. Quando si giustifica, chi soffre di una dipendenza trova una spiegazione argomentata per il suo problema. Basandosi su fatti o situazioni, si convince che la dipendenza è l’unica via.
  • Razionalizzare. Come nel caso della giustificazione, consiste nel dare argomenti alla dipendenza che la rendono logica, quando in realtà non lo è.
  • Minimizzare. Per la persona interessata è fondamentalmente minimizzare le conseguenze negative della dipendenza, come se non avessero il reale impatto che hanno.
  • Futurizzare. È la negazione della fuga. Il dipendente vede il futuro come un modo per evitare di pensare o analizzare il presente. Lascia la possibilità di sfuggire alla dipendenza per un domani che non arriverà mai.
  • Proiezione. Questa forma di negazione nella dipendenza è ben spiegata nella scienza psicologica. Proiettare è attribuire a una terza persona questioni negative che sono nostre. Praticamente, chi soffre di una dipendenza trasferisce il problema ad un altro mentre il problema è il suo.

Vi potrebbe interessare leggere: Food craving: l’incontenibile voglia di mangiare

Negazione in famiglia

Non è solo il dipendente che soffre il meccanismo della negazione. Spesso è anche la famiglia o la cerchia ristretta che attraversa un periodo di negazione della realtà. Questo rende ancora più difficile affrontare le possibilità di trattamento.

Secondo alcune ricerche, qualsiasi famiglia con un membro che soffre di una dipendenza, diventa disfunzionale. L’equilibrio familiare è alterato e i ruoli si rompono con il rischio di annullare la rete di sostegno.

Questo genera processi disfunzionali dove i familiari, forse perché non capiscono il problema della dipendenza, amano e odiano allo stesso tempo. In mezzo a questa confusione, la comunicazione si interrompe e non si parla di ciò di cui si dovrebbe parlare.

Per saperne di più: Quali sono le droghe più pericolose al mondo?

Affrontare la negazione nella dipendenza

Visita psicologica.
La psicoterapia è una delle misure che possono essere affrontate per affrontare la negazione nella dipendenza. Inoltre, anche l’educazione alla salute è essenziale.

La negazione nella dipendenza non è solo presente prima del trattamento di disintossicazione, ma continua per la maggior parte della vita del dipendente patologico, come un fantasma che lo ossessiona.

A volte il passare del tempo e la spirale delle conseguenze negative portano il dipendente a riconoscere il suo problema. Queste sono situazioni limite che possono risultare in un approccio ritardato. Per evitare di raggiungere questi estremi, ci sono delle alternative:

  • Psicoterapia. Le sedute di psicoterapia fanno parte del processo di accompagnamento della disintossicazione. Gli psicologi hanno strumenti per cercare di invertire la negazione.
  • Diario comportamentale. Per i dipendenti patologici che hanno già iniziato la disintossicazione, un diario può essere utile. In esso riflettono su situazioni quotidiane e poi analizzano dove è apparsa la negazione.
  • Educazione sanitaria. Conversazioni, opuscoli, pubblicità, eventi che trattano il problema della dipendenza possono risvegliare in queste persone la necessità di ripensare i loro comportamenti. Questo ripensamento può essere il primo passo per uscire dalla negazione.

Nascondersi non è mai la soluzione

Molte volte, chi ha una dipendenza prova paura e si rifugia nella negazione per evitare di affrontare una certa situazione. La loro autostima è danneggiata e credono che fuggendo dalla realtà tutto andrà meglio. Tuttavia, questo non è vero.

In questi casi, la cosa più importante per aiutare queste persone è il sostegno. Dobbiamo dare loro tutta la comprensione, il rispetto e il sostegno che possiamo dare. Sarà difficile, ma è possibile recuperare e superare il problema, purché la persona interessata faccia la sua parte ed abbia gli strumenti necessari.

  • Deutsch, Roland, and Fritz Strack. “Reflective and impulsive determinants of addictive behavior.” Handbook of implicit cognition and addiction 16 (2006): 45-57.
  • Olson, Erin. “Seeing the Faces of Opioid Addiction.” (2019).
  • Pereira T. Neurobiología de las adicciones. Revista de Psiquiatría del Uruguay, 2009, 73 (1): 9:24.
  • Valverde Obando, Luis Alberto., Pochet Coronado, José Francisco. (2003). Drogadicción: los hijos de la negación. https://www.redalyc.org/pdf/153/15309904.pdf