Calo del desiderio sessuale: cosa fare?

· 15 Aprile 2019
Piuttosto che concentrarsi sul problema, per recuperare il desiderio occorre impegnarsi, fuggire dalla routine e trovare il modo per ravvivare la passione.

Amiamo ancora il partner, ma non sappiamo per quale motivo, la passione si è spenta e non si prova più il desiderio di una volta. Cosa fare quando si verifica un calo del desiderio sessuale? Indica la fine della relazione?

Dopo molti anni può succedere di amare ancora il partner, ma tutto sembra essere cambiato. L’abitudine trasforma la vita sessuale della coppia. La novità passa, la scintilla si spegne e si arriva a pensare che la relazione sia agli sgoccioli.

In questi casi non bisogna perdere la calma. Il calo del desiderio sessuale è del tutto naturale, capita e non significa necessariamente che la relazione stia per finire.

Calo del desiderio sessuale: niente panico!

Donna in preda al panico

Quando l’attrazione verso il partner diminuisce, la nostra mente va nel panico e cerca disperatamente un modo per recuperare la magia iniziale. Purtroppo, come molti avranno provato sulla propria pelle, riavvolgere il nastro non è possibile.

Peggio ancora quando recuperiamo i ricordi più belli per rinfacciare al partner quanto una volta era disposto a fare per noi (e adesso non fa più). Se il nostro obiettivo è quello di ravvivare il fuoco, questo non aiuta.

La nostra cultura ci insegna che quando i termini di una relazione d’amore cambiano, bisogna entrare in “modalità dramma”. Questo atteggiamento, tuttavia, è dettato da un rifiuto forte e istintivo nei confronti del cambiamento.

Non tutti i cambiamenti sono negativi. La mancanza o il calo del desiderio sessuale per la coppia rappresenta senz’altro una nuova sfida, alla pari della decisione di prendere casa insieme o di avere un figlio.

Il problema è che la sfera sessuale viene considerata talmente importante che quando l’attrazione si riduce, ci disperiamo finendo per assumere atteggiamenti inutili, come quello di colpevolizzare il partner e aumentare così la tensione.

Leggete anche: Offrire sesso per affetto: un gioco pericoloso

Quali sono le cause del calo del desiderio sessuale?

Coppia litiga con rabbia

Prima di entrare nella “modalità dramma”, potrebbe essere utile analizzare i possibili motivi per cui la vita sotto le lenzuola ha subito una brusca frenata.

Le possibilità sono svariate ed essere onesti con noi stessi ci aiuterà a non rovinare la relazione e a non ferire noi e il partner.

Vediamo, quindi, alcune affermazioni in cui vi potrete identificare o meno. Ripetiamo, prima di tutto sincerità verso voi stessi!

  • “Non provo più il desiderio di una vola, perché mi sento al sicuro con le mie abitudini, la mia vita quotidiana. I grandi cambiamenti mi spaventano”.
  • “Ho smesso di dare attenzioni al mio partner o a dimostrare con piccoli gesti quanto lo ami: dopo tutto lo sa bene!”
  • “Il lavoro mi stressa, la fatica di dover far quadrare le spese mi mette di malumore. La mia frustrazione finisce per coinvolgere anche il mio partner”.
  • “Non riesco ad affrontare/ho deciso di ignorare i nostri problemi (la comunicazione tra noi è scarsa o nulla, dedica tutte le sue energie al lavoro, mi è stato infedele)”.
  • “Credo di non amare più il mio partner, ma continuo a stare con lui perché è più comodo così e ho paura della solitudine”.

Negare è la prima reazione e impedisce di valutare l’andamento della coppia con obiettività. Evitare di affrontare il problema è controproducente perché non si risolve l’origine del malessere.

Potrebbe interessarvi anche: Come capire se è l’amore della mia vita?

La terapia di coppia

Terapia di coppia

Quando la coppia non è in grado di risolvere da sola il calo della passione, la terapia di coppia può essere d’aiuto. Ma anche per questo è importante fare un lavoro preparatorio. Cosa significa?

Occorre smettere di incolpare il partner della situazione. La terapia va affrontata con gli occhi aperti e non accecati da un unico punto di vista. Bisogna essere pronti a vedere la realtà da un’altra prospettiva.

Come abbiamo detto, la negazione è il primo atteggiamento da abbandonare quando non si prova più il desiderio di una volta.

Tenendo ciò in mente, il primo passo è quello di vincere la comodità della routine. Perché non pensare a piccoli cambiamenti che potrebbero dare nuova vita alla relazione? Se il calo del desiderio sessuale vi preoccupa, smettete di adagiarvi sugli allori: il fuoco non si ravviva da solo!