Recuperare le ore di sonno perduto è possibile?

8 Agosto 2019
Non è possibile recuperare le ore di sonno perdute. Sebbene a volte si avverta meno la fatica, gli eccessi a cui sottoponiamo il cervello e il corpo non si possono compensare.

Se siete tra quelli che pensano di poter bilanciare il riposo facendo le ore piccole oggi e dormendo di più il giorno dopo, vi sbagliate di grosso. Recuperare le ore di sonno è biologicamente impossibile. Il sonno perduto non si recupera più e può anche causare problemi di salute.

L’organismo ha bisogno di un determinato numero di ore di riposo per poter funzionare in modo normale. Un sonno “normale” prevede dalle sette alle nove ore di riposo al giorno. Con un numero di ore inferiore, prima o poi cominciano a farsi sentire gli effetti negativi.

Il corpo funziona a cicli, non è un contenitore da riempire. Se non viene completato un ciclo, quello seguente comincia con un deficit. Ogni ciclo non prende a prestito da quello precedente per trovare l’equilibrio, bensì si svolge in modo autonomo.

Scoprite cosa comporta la perdita delle ore di sonno e perché non è più  possibile recuperarle.

Perdere ore di sonno: quali conseguenze?

Ragazza stanca si massaggia gli occhi

Il sonno è un processo fisiologico fondamentale per l’uomo e per la maggior parte degli animali. In realtà, il cervello non riposa mai e anche mentre dorme resta attivo presiedendo a processi essenziali di organizzazione e autoriparazione.

Quando non si dorme abbastanza, i primi a risentirne sono i processi cognitivi. Le conseguenze sono una minore capacità di elaborare le informazioni, di apprendere e di concentrarsi. In più, siamo di cattivo umore.

Quindi, se il vostro stile di vita vi porta ad andare a letto molto tardi e ad alzarvi all’alba, sarete costantemente in deficit.

Se, ad esempio, andate a dormire alle due per alzarvi alle sette, siete in debito di almeno due ore nei confronti del vostro corpo. In una settimana sono 14 ore, vale a dire due notti intere di sonno.

Quando la situazione si prolunga per molto tempo, gli effetti cominciano a essere permanenti. Questo significa che, in generale, rischiate di avere una resa intellettiva più limitata, un umore pessimo e qualche problema di salute.

Recuperare le ore di sonno è impossibile. Possiamo quindi dire che questo stile di vita è negativo.

Leggete anche: Consigli per schiarire la mente e dormire meglio

Recuperare le ore di sonno

Chi pensa che sia possibile recuperare le ore di sonno, comincia a organizzare la propria vita su cicli irregolari di riposo. Oltre alle conseguenze già citate, uno degli effetti che derivano da questa situazione è l’alterazione del ritmo circadiano.

Si tratta di una specie di orologio biologico presente in tutti noi. Alterare il ritmo circadiano porta, come prima conseguenza, a uno squilibrio nella produzione ormonale.

Il corpo lavora in modo sincronizzato, alterare una funzione significa alterare anche le altre. È come se volessimo cambiare la velocità di una delle lancette dell’orologio: anche l’altra comincerebbe a segnare l’ora sbagliata.

Variazioni nella produzione degli ormoni possono comportare, ad esempio, a un aumento di peso, disturbi dell’appetito o malattie della pelle.

A lungo andare, tutto il metabolismo si modifica e ci espone al rischio di contrarre malattie gravi come il diabete, l’ipertensione o i disturbi cardiaci.

Potrebbe interessarvi anche: Diabete e disturbi del sonno: relazione molto comune

L’igiene del sonno

Donna sorridente abbracciata al cuscino

Invece di pensare a come recuperare le ore di sonno perdute, è bene modificare le nostre abitudini per garantirci un riposo adeguato e proteggere la nostra salute. Ecco alcuni consigli:

  • Imparate a conoscere il vostro ritmo circadiano. Fate una piccola auto-analisi. Per due settimane segnate su un foglio l’ora in cui vi viene sonno e quella in cui vi svegliate. Questo vi aiuterà a capire quali passi fare per migliorare la qualità del vostro sonno.
  • Organizzate l’ambiente per favorire il riposo. Eliminate le luci forti, i rumori e tutti gli stimoli che possono disturbare il sonno.
  • Un buon materasso è sempre un ottimo investimento: nel letto passiamo quasi un terzo della nostra vita. Non merita di essere comodo?
  • Stabilite un orario. Andate a dormire sempre alla stessa ora e lo stesso vale per il risveglio. Mantenete questa tabella di marcia per 45 giorni e probabilmente la trasformerete in un’abitudine. Dovete sempre dormire come minimo 7 ore.
  • Esercizio e rilassamento. Per dormire bene, bisognerebbe fare almeno 15 minuti di esercizio fisico al giorno. Tuttavia, non fatelo mai prima di andare a letto. Prima di chiudere gli occhi, gli unici esercizi consentiti sono quelli di rilassamento.
  • Leonardo, S. M. (2013). Trabajo en turnos, privación de sueño y sus consecuencias clínicas y médicolegales. Revista Médica Clínica Las Condes, 24(3), 443-451.
  • Sierra, J. C., Jiménez-Navarro, C., & Martín-Ortiz, J. D. (2002). Calidad del sueño en estudiantes universitarios: Importancia de la higiene del sueño. Salud Mental.
  • Miró, E., Cano-Lozano, C., & Buela-Casal, G. (2005). SUEÑO Y CALIDAD DE VIDA. Revista Colombiana de Psicología.