Scoperto un nuovo trattamento contro l’emicrania

10 maggio 2016

Presto potrebbe essere disponibile una nuova terapia che, mediante l’insufflazione di aria nelle orecchie, permette di ridurre la sovrattivazione del nervo responsabile dell’emicrania. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha classificato l’emicrania tra le malattie altamente invalidanti che impediscono lo svolgere delle normali attività.

Sono milioni le persone in tutto il mondo che soffrono di questo tipo di cefalea cronica, uno dei principali motivi di assenza sul lavoro per malattia.

Quando si arriva a soffrire di emicrania 10-15 giorni al mese, la qualità della vita è fortemente compromessa. Ogni caso clinico è diverso dall’altro, ma oggi il modo più comune per tenerla sotto controllo è ricorrere ai farmaci o cercare di evitare le possibili cause scatenanti, come alcuni cibi, il sole, lo stress, il vento, gli odori, etc.

Un recente studio pubblicato sulla rivista Functional Neurology, rehabilitation and Ergonomics descrive una nuova e curiosa tecnica per alleviare il dolore da emicrania.

L’emicrania: una delle malattie più invalidanti

Secondo le statistiche dell’OMS, in Europa l’emicrania colpisce quasi il 15% della popolazione adulta e, per questioni ormonali, soprattutto le donne che gli uomini, con un rapporto di 3 a 1.

  • Le crisi di emicrania in genere hanno una durata di 4 ore al giorno, due settimane al mese, per tre mesi consecutivi.
  • 9 persone su 10 dichiarano di provare anche nausea, vertigini, ipersensibilità alla luce, ai suoni e agli odori.
  • Colpendo seriamente la qualità della vita lavorativa e le relazioni personali, è piuttosto comune che porti anche a soffrire di depressione.

Vi consigliamo di leggere anche: Combattete l’emicrania con il limone e lo zenzero

l'emicrania processo

Cause dell’emicrania

  • L’emicrania si verifica a causa della stimolazione o irritazione delle fibre del nervo trigemino. Il trigemino è il nervo che con le sue fibre sensitive copre gran parte della testa. Ha tre rami, il nervo oftalmico, mascellare e mandibolare e da ognuno parte un ramo che porta alle meningi.
  • Sono le meningi ad avvertire maggiormente la sensazione del dolore, quando il nervo trigemino comincia a rilasciare sostanze infiammatorie.
  • Si tratta di una specie di infiammazione o “meningite” non infettiva, che provoca il tipico dolore pulsante in uno dei due lati della testa.
  • Qualsiasi movimento o stimolo intenso aumenta l’infiammazione e quindi il dolore.
  • Alcuni alimenti, come i cibi molto salati, i latticini o le sostanze eccitanti, attivano la vasodilatazione che tende a sovrastimolare il nervo trigemino.
  • L’emicrania spesso ha base genetica e colpisce in particolare le donne.

Leggete anche: 10 alimenti per trattare l’emicrania

Aria fresca nelle orecchie per alleviare l’emicrania

È una tecnica che per la sua semplicità può far sorridere e far pensare che sia uno dei tanti modi per calmare il mal di testa.

Ebbene, secondo lo studio citato, si tratta di:

  • Introdurre aria in una o entrambe le orecchie allo scopo di ridurre la sovraeccitazione nervosa.
  • L’aria introdotta stimola il nervo della faccia collegato direttamente al timpano. Questa operazione impedisce ai segnali del dolore di raggiungere il tronco cerebrale e di attivare la sensazione dolorosa.

Conosciamo meglio la tecnica di insufflazione modulata dell’aria

Questa tecnica viene effettuata mediante uno strumento chiamato otoscopio pneumatico. Si tratta di uno strumento molto simile a quello utilizzato dall’otorino per esaminare l’interno delle nostre orecchie

Ha un piccolo beccuccio conico attraverso cui viene soffiata l’aria fino al timpano. Con la stimolazione del timpano, il dolore si calma perché si blocca l’eccessiva attivazione del nervo trigemino (responsabile, come abbiamo detto, dell’emicrania).

otoscopio per l'emicrania

Attualmente alcuni centri specializzati applicano questa tecnica in via sperimentale. Il trattamento consiste nell’introduzione di aria a bassa intensità per la durata di venti minuti circa.

Se le speranze dei medici vengono confermate, avremo a disposizione una terapia che, con la stimolazione diretta dei nervi del canale uditivo e del timpano, calma il mal di testa in modo naturale ed economico.

Potremmo farlo a casa nostra?

Chiaramente quasi nessuno ha in casa un otoscopio pneumatico. Man mano che questa tecnica verrà sperimentata e verificata, potremo disporre di più dati e sapere anche se questo dispositivo sarà acquistabile.

Nel frattempo, il modo migliore per superare o prevenire l’emicrania è seguire i consigli del medico ed evitare gli alimenti che più facilmente la provocano.

Ricordiamo, infine, che ogni persona è un caso a sé e lo stesso rimedio non è efficace per tutti, ma vale la pena tenere d’occhio gli sviluppi di questa tecnica.

Guarda anche