Le parole e i gesti altrui mi possono ferire solo se lo consento

Dobbiamo imparare a non lasciarci ferire dalle parole e dai gesti di chi ci circonda. Non è il caso di diventare insensibili, ma solo di sapersi difendere ed imparare a vedere le cose dalla giusta prospettiva

Ognuno di noi è più o meno permeabile. Per questo motivo, ci sarà sempre chi è più sensibile di altri e che vive certe cose diversamente.

Tuttavia, non dobbiamo mai dimenticare quanto sia importante poter contare su un buon sistema di barriere emotive.

Nelle nostre relazioni quotidiane, ognuno di noi dovrebbe essere in grado di applicare la famosa massima del “vivi e lascia vivere”.


Invece, purtroppo, troppo spesso ci troviamo davanti alla situazione opposta, circondati da persone che “vivono ma non lasciano vivere”.

Critiche, menzogne, egoismo, parole sibilline, falsa gentilezza, persone che amano discutere e che vedono problemi ovunque, quando in realtà esiste solo l’armonia…

Questi sono solo alcuni esempi di certi atteggiamenti poco rispettosi e tossici che possono arrivare a turbare il nostro equilibrio interiore.

Nonostante tutto, però, invece di dare troppa importanza a questi sentimenti negativi ed amplificarli, pensandovi di continuo, dobbiamo cercare di mantenere la mente fredda e lasciar correre.

Se consentiamo a questi elementi di condizionarci al punto di influire sul nostro stato d’animo, sul modo in cui ci relazioniamo e, addirittura, sul nostro modo di vedere la vita, avremo di sicuro la peggio.

Non dobbiamo diventare prigionieri di una mente rigida. Non dobbiamo farci controllare da ciò che non è importante. Dobbiamo accettare ciò che siamo e quanto valiamo, per poter essere liberi da chi, con il suo atteggiamento, vuole turbarci quando noi cerchiamo solo calma e armonia.

Le emozioni sono contagiose: apriamo il nostro ombrello protettivo

Abbiamo parlato all’inizio di permeabilità. Quel fenomeno per cui, all’improvviso, assorbiamo dagli altri una certa carica emotiva che cambia completamente il nostro stato d’animo.

È un fatto normale e pericoloso allo stesso tempo.

Vedete anche: C’è un giudice chiamato Tempo che mette tutti in riga

Lo stesso Daniel Goleman ne parla nel suo libro Intelligenza emotiva. Quasi nessuno è immune a questo fenomeno, poiché può succedere in ogni ambito della nostra vita.

Il comportamento di certe persone causa un determinato impatto sugli altri, nel bene e nel male. Inoltre, questa specie di “virus” emozionale, lungi dal fermarsi, continua a contagiare più persone.

Per capirlo meglio, è necessario fare un esempio.

  • Chi non ha almeno un amico o un conoscente che discute sempre su tutto? Il tipico personaggio che ama polemizzare. Le sue critiche costanti, la sua negatività e mancanza di rispetto hanno un grande impatto su di noi, mettendoci cattivo umore.
  • In certi casi, questo cattivo umore ci accompagna sino a casa, contagiando anche la nostra famiglia attraverso la nostra apatia e il nostro disagio.

Non vogliamo certo dire che dobbiamo essere insensibili a tutto. Oltre a non essere giusto, non sarebbe nemmeno possibile. L’uomo è un essere emozionale; pertanto non possiamo pensare di trasformarci in menti fredde come le pietre, prive di emozioni e sentimenti.

Si tratta, piuttosto, di cambiare il polo di tale energia negativa. Dobbiamo trovare l’equilibrio, aprire il nostro ombrello emotivo e ricordare che se consentiamo a determinate cose o persone di ferirci troppo, rischiamo di rimetterci in termini di qualità della vita.

Dobbiamo imparare a relativizzare per proteggerci.

Il nostro palazzo della calma

Che ci crediate o meno, lì, in un angolo del nostro cervello, c’e un angolo in cui regna la pace: è il nostro palazzo della calma. È più grande dentro che fuori, ed è un ottimo rifugio, in cui possiamo relativizzare e trovare armonia.

  • Lasciamo che gli altri parlino pure.
  • Lasciamo che i criticoni e i polemici si avvelenino con la negatività delle loro stesse parole.
  • Lasciamo che le persone caotiche si perdano nel loro caos.
  • Allontaniamoci da chi ci amareggia continuamente ricordandoci sempre le brutture del mondo.
  • Rifugiamoci nella nostra oasi di pace, cercando la calma dentro di noi, quando questi personaggi ci vorrebbero usare come bersaglio per le loro critiche perché non hanno altro di meglio da fare.

Questo palazzo della calma non è un nascondiglio. È un luogo in cui ricordare, prima di tutto, chi siamo. Un luogo in cui le critiche e le offese sono solo un rumore di sottofondo e non hanno nessuna rilevanza.

Perché quando si ha ben chiaro chi si è e quello che vale, ciò che gli altri dicono importa poco o nulla.

Leggete anche: Assorbire le emozioni altrui come una spugna

Le cose che ci feriscono vanno affrontate con dignità

Aprire il nostro ombrello emotivo per evitare che ci feriscano non significa essere passivi. Significa che non dobbiamo abbandonare ogni resistenza e lasciare che gli altri ci manipolino o ci attacchino.

  • Saper mantenere l’equilibrio interiore è un modo per non ingigantire certe situazioni, per le quali non vale la pena perdere tempo.
  • Ne sono un chiaro esempio le discussioni. Spesso con certe persone non è possibile nemmeno dialogare, perché si tratta di gente che non riesce a parlare senza alzare la voce. E non sa nemmeno cosa vuol dire dialogare senza voler avere sempre ragione.
  • Ci sono battaglie che è meglio non iniziare. Perché a volte, per vincere l’ignoranza altrui dovremmo metterci al loro stesso livello e, a quel punto, saremmo persi.

La cosa migliore è saper mantenere la mente fredda. Tuttavia, un mente equilibrata ha bisogno anche di dignità. Ogni volta che ci sentiamo oltraggiati, è necessario reagire immediatamente e imporre dei limiti.

Scoprite anche: I grandi errori delle persone dipendenti

In caso contrario, gli altri continueranno a guadagnare terreno, approfittandosi del nostro atteggiamento passivo. Parlare con assertività e con fermezza non vuol dire attaccare, ma semplicemente difendere i nostri diritti.

Agendo con rispetto, ma stabilendo con chiarezza quali sono per noi i limiti della tolleranza.

Per concludere, sappiamo che la convivenza non sempre è facile. Tuttavia, se impariamo a vedere la vita attraverso il filtro del rispetto, dell’armonia e della dignità, saremo in grado di evitare di dare importanza a certe cose.

A conti fatti, la gente ha sempre qualcosa da ridire: a noi sta decidere se darvi importanza o meno.