Pediluvi per ammorbidire la pelle dei piedi

31 Agosto 2019
Piedi morbidi e belli sono sinonimo di bellezza e benessere. Trascurarli può renderli secchi e screpolati. In questo articolo vi proponiamo 4 pediluvi per ammorbidire la pelle dei piedi.

Gli sbalzi climatici, gli squilibri ormonali e la poca cura, si riflettono tutti sullo stato di salute dei piedi. Tali fattori possono produrre secchezza cutanea, oltre a disturbi quali micosi, calli e ragadi. Per questo motivo, oggi vi proponiamo 4 pediluvi per ammorbidire la pelle dei piedi.

Sebbene una pedicure regolare contribuisca a mantenere i piedi belli e morbidi, anche il ricorso a questi 4 pediluvi è altrettanto benefico. Non solo facilitano l’eliminazione delle cellule morte, ma favoriscono anche il rilassamento muscolare, alleviando la stanchezza. Provateli tutti!

4 pediluvi per ammorbidire la pelle dei piedi

Sfruttando le proprietà di alcuni ingredienti di origine naturale, possiamo effettuare questi pediluvi per ammorbidire e rendere più belli i piedi. Sono l’ideale per calmare la fatica di una giornata pesante o per eliminare le cellule morte dalla pelle.

1. Pediluvio con aceto e olio di mandorle

Pediluvio all'olio e aceto
Il pediluvio con olio di mandorle e aceto è una vera e propria terapia rilassante e rivitalizzante.

L’aggiunta di aceto di mele e olio di mandorle all’acqua del pediluvio apporta grandi vantaggi. In primo luogo, l’aceto inibisce la crescita di funghi e batteri, prevenendo eventuali infezioni.

In secondo luogo, l’olio di mandorle produce un effetto idratante che permette di contrastare la secchezza cutanea. Quando usati in combinazione, inoltre, favoriscono l’eliminazione delle cellule morte rinnovando l’aspetto della pelle dei piedi.

Ingredienti

  • 1/2 tazza di aceto di mele (125 ml)
  • 4 tazze di acqua calda (1 litro)
  • 2 cucchiai di olio di mandorle (30 ml)

Preparazione

  • Per iniziare, diluite l’aceto di mele nel litro di acqua calda.
  • Poi aggiungete l’olio di mandorle e mescolate.

Modalità d’uso

  • Immergete i piedi nella soluzione, e teneteli immersi per 15 o 20 minuti.
  • Ripetete l’uso 2 volte a settimana.

Leggete anche: I calli ai piedi: come ridurli con 7 rimedi naturali

2. Sale marino, bicarbonato di sodio e olio di lavanda per uno dei pediluvi per ammorbidire la pelle dei piedi

Oltre ad ammorbidire la pelle dei piedi, questo pediluvio è estremamente rilassante e rivitalizzante. Realizzandolo 2 o 3 volte alla settimana, consente di ridurre la sensazione di tensione ai piedi e migliorare la circolazione. Inoltre, elimina le cellule morte e aiuta a mantenere la pelle pulita e priva di asperità.

Ingredienti

  • 4 cucchiai di sale marino (60 g)
  • 6 cucchiai di bicarbonato di sodio (90 g)
  • 10 gocce di olio essenziale di lavanda
  • 6 tazze d’acqua (1 litro e mezzo)

Preparazione

  • Prima di tutto, scaldate l’acqua.
  • Una volta raggiunta una temperatura tollerabile per la pelle, versatela in una bacinella e aggiungete il sale, il bicarbonato di sodio e l’olio di lavanda.

Modalità d’uso

  • Mettete a mollo i piedi nel liquido per almeno 20 minuti.

3. Pediluvio con argilla

Pediluvio a base d'argille
Grazie ai suoi effetti terapeutici, l’argilla è l’ingrediente ottimale per ammorbidire e rilassare i piedi.

L’argilla viene usata anche nella produzione di cosmetici naturali per via delle sue molteplici proprietà per la salute cutanea. In questo caso in particolare, aiuta a rimuovere i calli e ad eliminare le cellule morte. I suoi nutrienti penetrano nella pelle rendendola più sana.

Ingredienti

  • 6 cucchiai di sali inglesi (90 g)
  • 6 tazze di acqua calda (1 litro e mezzo)
  • 1 cucchiaino di olio di iperico (7 ml)
  • 1/2 tazza di argilla cosmetica (100 g)

Preparazione

  • Per prima cosa, mettete i sali inglesi in una bacinella con acqua calda.
  • Quindi, aggiungete l’olio di iperico e l’argilla cosmetica.

Modalità d’uso

  • Dopo aver mescolato gli ingredienti, tenete a mollo i piedi per 20 minuti.
  • Potete ripetere il trattamento anche 3 volte a settimana.

Può interessarvi anche: Calli ai piedi: le migliori alternative per rimuoverli

4. Zenzero e acqua ossigenata per l’ultimo dei 4 pediluvi per ammorbidire la pelle dei piedi

L’ultimo tra i pediluvi terapeutici che vi consigliamo è quello a base di zenzero e acqua ossigenata. La sua formula permette di calmare l’infiammazione e il dolore, la tensione da sforzo, nonché di eliminare le asperità e combattere la secchezza della pelle.

Ingredienti

  • 2 cucchiai di zenzero in polvere (40 g)
  • 6 cucchiai di acqua ossigenata (90 ml)
  • 6 tazze d’acqua (1 litro e mezzo)

Preparazione

  • Riscaldate l’acqua a una temperatura tollerabile per i piedi.
  • Quindi versatela in una tinozza o una bacinella.
  • Infine, aggiungete lo zenzero e l’acqua ossigenata.

Modalità d’uso

  • Tenete i piedi a mollo per 15 o 20 minuti.
  • Trascorso tale tempo, asciugateli per bene e rilassatevi.
  • Realizzate questo pediluvio 2 o 3 volte a settimana, preferibilmente prima di andare a letto.

Avete i piedi secchi o i calli? Cercate un po’ di relax per i vostri piedi? Allora non esitate a provare uno di questi pediluvi dalle meravigliose proprietà terapeutiche. Vi innamorerete della sensazione di benessere che possono offrirvi.

  • Ahmad, Z. (2010). The uses and properties of almond oil. Complementary Therapies in Clinical Practice. https://doi.org/10.1016/j.ctcp.2009.06.015
  • Lin TK, Zhong L, Santiago JL. Anti-Inflammatory and Skin Barrier Repair Effects of Topical Application of Some Plant Oils. Int J Mol Sci. 2017;19(1):70. Published 2017 Dec 27. doi:10.3390/ijms19010070
  • Mori HM, Kawanami H, Kawahata H, Aoki M. Wound healing potential of lavender oil by acceleration of granulation and wound contraction through induction of TGF-β in a rat model. BMC Complement Altern Med. 2016;16:144. Published 2016 May 26. doi:10.1186/s12906-016-1128-7
  • Williams LB, Haydel SE. Evaluation of the medicinal use of clay minerals as antibacterial agents. Int Geol Rev. 2010;52(7/8):745–770. doi:10.1080/00206811003679737
  • Moosavi M. Bentonite Clay as a Natural Remedy: A Brief Review. Iran J Public Health. 2017;46(9):1176–1183.