Pelé muore in ospedale per tumore al colon: quali sono le complicanze di questa malattia e come si cura?

L'82enne ex calciatore del Brasile si stava sottoponendo a un lungo trattamento contro il cancro. Vi raccontiamo come viene trattato il cancro al colon di Pele e quali sono le complicazioni più comuni.
Pelé muore in ospedale per tumore al colon: quali sono le complicanze di questa malattia e come si cura?
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 04 gennaio, 2023

A Pelé (Edson Arantes do Nascimento) era stato diagnosticato un cancro al colon più di un anno fa, alla fine di agosto 2021. Si era recato all’ospedale Einstein di San Paolo (Brasile) per un controllo di routine, ma i risultati avevano evidenziato l’esistenza di un problema.

Con la conferma, il 4 settembre 2021 era stato sottoposto a un intervento chirurgico per rimuovere il tumore, insieme a parte dell’intestino. È una procedura standard.

Era quindi seguita la chemioterapia per il cancro al colon. Anche questo fa parte del protocollo di approccio alla malattia.

Le sedute di chemioterapia si erano ripetute e l’ex calciatore si era recato spesso in ospedale. In alcune di queste occasioni, aveva richiesto una degenza ospedaliera più lunga a causa degli effetti dei farmaci o di complicazioni legate all’evoluzione della malattia.

Alla fine di novembre, durante un nuovo controllo, Pelé era stato ricoverato in ospedale, per non uscirne più. L’ospedale aveva rilasciato una dichiarazione:

Edson Arantes do Nascimento è stato ricoverato all’ospedale Israelita Albert Einstein per una rivalutazione del trattamento chemioterapico del tumore al colon identificato a settembre 2021. Dopo la valutazione medica, il paziente è stato trasferito in reparto, senza necessità di ricovero in unità semi-intensiva o terapia intensiva. L’ex giocatore ha il pieno controllo delle sue funzioni vitali e presenta uno stato clinico stabile.

– Dichiarazione dell’ospedale Albert Einstein di San Paolo nel novembre 2022 –

Ma la stella del calcio è peggiorata e non è riuscita a superare la progressione della sua condizione oncologica. Giovedì 29 dicembre, la figlia ha annunciato sui social la sua scomparsa:

Tutto ciò che siamo è grazie a te. Ti amiamo infinitamente. Riposa in pace.

Instagram di Kely Nascimento di giovedì 29/12/2022

Quali sono le complicanze più frequenti del cancro al colon?

I ricoveri di Pelé per tumore al colon sono stati diversi a partire da settembre 2021, cosa prevedibile nel corso di una malattia oncologica come quella che lo ha colpito.

Le complicanze più frequenti di questa patologia sono:

Le prime due sono prodotte dal danno causato dal tumore nella parete dell’intestino crasso. Le cellule maligne, quando proliferano, possono arrivare a chiudere il lume interno del tubo digerente. Allo stesso modo, possono anche produrre un foro nel colon, con conseguenze gravi.

Per quanto riguarda l’emorragia, c’è da aspettarsi che tutti i tumori maligni del colon sanguinino. Tuttavia, meno dell’1% ha un forte sanguinamento.

I dati statistici indicano che le complicazioni sono prevedibili.. Secondo l’American Society of Clinical Oncology, il 64% dei pazienti sopravvive 5 anni dopo la diagnosi di cancro. Ciò significa che circa 4 pazienti su 10 muoiono in questo lasso di tempo.

Una diagnosi precoce migliora notevolmente le possibilità di sopravvivenza. Tuttavia, il Ministero della Salute argentino riferisce che, anche con il trattamento, fino al 50% dei pazienti presenta recidive e l’80% di esse si verifica nei primi 3 anni dopo la diagnosi.

Pelé si trovava a poco più di un anno dalla diagnosi di cancro al colon ed era logico che avesse delle ricadute.

Cancro al colon.
Le complicanze del cancro del colon sono frequenti, anche nei pazienti trattati precocemente.

Qual è il trattamento per il cancro al colon?

Il trattamento del cancro al colon di Pelé è iniziato con un intervento chirurgico ed è proseguito con la chemioterapia. Questi approcci sono quelli raccomandati dalle attuali linee guida mediche.

Chirurgia

La rimozione del tumore è l’approccio di routine. Se è stato rilevato in tempo, di solito viene eseguito un intervento chirurgico localizzato che rimuove le cellule maligne e una porzione del tessuto circostante.

L’opzione della chirurgia laparoscopica è praticabile in un certo numero di pazienti. Se possibile, il vantaggio è che le incisioni sono più piccole e il tempo di recupero è ridotto.

Nel caso in cui il tumore sia molto grande e sia stato individuato tardi, esiste l’alternativa della colostomia. Questo comporta l’asportazione di gran parte dell’intestino e la rifunzionalizzazione dell’area con un’apertura verso l’esterno, che rende necessario un sacchetto per raccogliere gli escrementi. Purtroppo, può essere l’unica soluzione possibile per alcuni pazienti, complicando la qualità di vita futura.

Chemioterapia

Una volta rimosso il tumore, l’équipe medica che dirige il trattamento deve decidere se integrare con altre terapie. Una delle più comuni è la chemioterapia, come è successo con Pelé.

In genere, vengono combinati più farmaci in diverse applicazioni o sessioni. Può trattarsi prima di un singolo farmaco e poi di altri; oppure di uno scaglionamento di farmaci in fasi successive.

I farmaci più comunemente usati per la chemioterapia del cancro del colon sono i seguenti:

  • Capecitabina.
  • Fluorouracile.
  • Oxaliplatino.

Gli effetti collaterali della chemioterapia sono abbastanza comuni. Il paziente di solito ha vomito, diarrea, alterazioni della sensibilità dei nervi e estrema stanchezza. Sebbene i nuovi farmaci abbiano ridotto queste reazioni, queste sono più intense nei giorni successivi alle sedute.

Chemioterapia per il cancro al colon.
La chemioterapia viene utilizzata come complemento o prima della chirurgia per ridurre le dimensioni del tumore da asportare.

Radioterapia

La radioterapia è solitamente indicata nel cancro del colon a causa della possibilità di recidiva del tumore. Cioè, i raggi X vengono applicati al tessuto che è stato colpito per cercare di prevenire la ricaduta nello stesso sito.

A volte viene eseguita con un raggio che emette radiazioni dall’esterno del corpo del paziente, mentre altre volte viene utilizzata la brachiterapia. Quest’ultima consiste nel collocare l’elemento radioattivo all’interno del corpo, in modo che agisca localmente.

Terapia mirata

La terapia mirata è una forma speciale di somministrazione di farmaci per il cancro. Sono farmaci che agiscono sui processi tipici di un tumore, come la formazione di nuovi vasi sanguigni o proteine. Esistono anche opzioni per bloccare i geni del cancro.

Bevacizumab è forse il farmaco più conosciuto in questo gruppo. È approvato in diversi paesi come trattamento iniziale per il cancro del colon, insieme alla chemioterapia.

Immunoterapia

Infine, il gruppo di farmaci utilizzati per l’immunoterapia basa la sua azione sul rafforzamento del sistema immunitario del paziente. Ha lo scopo di attivare le difese naturali del corpo e combattere il cancro.

I farmaci più comunemente usati in questo gruppo sono:

  • Pembrolizumab.
  • Nivolumab.
  • Ipilimumab.

Pelé ha lottato contro il cancro al colon fino all’ultimo

La diagnosi di cancro al colon di Pelé è arrivata alla stella del calcio all’età di 82 anni. Ha subito un intervento chirurgico e ha seguito un protocollo di chemioterapia di 1 anno. Ha avuto ricadute e complicazioni legate a infezioni che lo hanno aggredito a causa delle difese abbassate.

Alla fine, Pelé è morto per insufficienza multiorgano causata dalla progressione del cancro al colon.

Le complicazioni sono state più frequenti e forse più gravi a causa della sua età. Ma l’unico calciatore ad avere vinto 3 Mondiali ha inviato messaggi dalla sua stanza di ospedale, ringraziando per gli omaggi che si sono svolti in Qatar:

“Amici, sono in ospedale per la mia visita mensile. Fa sempre piacere ricevere messaggi positivi come questo. Grazie al Qatar per questo tributo e a tutti coloro che mi mandano buone vibrazioni”.

Il re del calcio si è ritirato dall’attività professionistica con  1.301 gol, di cui 775 in gare ufficiali. Ha segnato 12 volte in Coppa del Mondo e ha vinto tutto con il Santos. Messaggi di cordoglio si susseguono sui media, ricordando la carriera di colui che è stato il primo fuoriclasse di questo sport.

Nessuno può negare che Pelé abbia combattuto fino alla fine contro il cancro al colon. Ha vissuto un anno molto difficile, il 2022, con una serie di ricoveri. La sua eredità può forse essere riassunta nell’ultimo post pubblicato sul suo account Twitter ufficiale:

“Ispirazione e amore hanno segnato il cammino del re Pelé, che oggi è morto serenamente. Amore, amore e amore, per sempre”.

Potrebbe interessarti ...
Maradona: le 6 malattie che hanno segnato gli ultimi anni del pibe de oro
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Maradona: le 6 malattie che hanno segnato gli ultimi anni del pibe de oro

Di cosa è morto il pibe de oro? Analizziamo le malattie di Maradona e come hanno caratterizzato gli ultimi anni della sua vita.



  • Clancy, C., et al. “A meta‐analysis to determine the oncological implications of conversion in laparoscopic colorectal cancer surgery.” Colorectal Disease 17.6 (2015): 482-490.
  • Hashiguchi, Yojiro, et al. “Japanese Society for Cancer of the Colon and Rectum (JSCCR) guidelines 2019 for the treatment of colorectal cancer.” International journal of clinical oncology 25.1 (2020): 1-42.
  • Lloyd, S., et al. “Intraoperative high-dose-rate brachytherapy: An American Brachytherapy Society consensus report.” Brachytherapy 16.3 (2017): 446-465.
  • M McQuade, Rachel, et al. “Colorectal cancer chemotherapy: the evolution of treatment and new approaches.” Current medicinal chemistry 24.15 (2017): 1537-1557.
  • Pak, Haleh, et al. “Surgical complications in colorectal cancer patients.” Annals of medicine and surgery 55 (2020): 13-18.
  • Rosen, Lee S., Ira A. Jacobs, and Ronald L. Burkes. “Bevacizumab in colorectal cancer: current role in treatment and the potential of biosimilars.” Targeted oncology 12.5 (2017): 599-610.
  • Zaborowski, Alexandra M., Des C. Winter, and Lydia Lynch. “The therapeutic and prognostic implications of immunobiology in colorectal cancer: a review.” British Journal of Cancer 125.10 (2021): 1341-1349.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.