Perché bisogna mettere in ammollo la frutta secca e i semi?

· 3 settembre 2017
I semi e la frutta secca, assunti al naturale, apportano molti benefici; ma tenendoli un po' in ammollo, ne potenziamo le proprietà.

La frutta secca e i semi sono alimenti importanti per la nostra dieta, perché hanno un ottimo valore nutrizionale, sono, infatti, cibi completi. Senza contare che saziano molto e perfetti per quando sentiamo il bisogno di stuzzicare qualcosa.

Scoprite con noi le loro proprietà e perché sarebbe meglio metterli a bagno prima di consumarli.

Benefici della frutta secca e dei semi

La frutta secca e i semi sono presenti nella piramide nutrizionale. Sono molto energetici e, in piccole quantità, sono sani perché ricchi di elementi nutritivi.

Pensate che con una manciata al giorno si eviterebbero deficit di vitamine e sali minerali di vario tipo.

  • Sono un’ottima fonte di proteine vegetali, quindi utili per chi vuole ridurre il consumo di proteine di origine animale senza rischiare il deperimento. Questo è il motivo per cui sono particolarmente consigliati agli sportivi e ai bambini.
  • Forniscono una buona quantità di grassi sani, essenziali per godere di un peso equilibrato.
  • Presentano un elevato contenuto di fibre, ideali per regolare la funzionalità intestinale e prevenire la stitichezza in modo naturale.
  • Sono un’ottima fonte di vitamine e sali minerali.

Leggete anche: Coda cavallina: pianta dimagrante e rimineralizzante

Quali scegliere?

La possibilità di scegliere è vasta, in base ai nostri gusti o agli effetti che ricerchiamo sulla nostra salute:

Frutta secca

  • Noci: ottime per migliorare le funzioni del cervello.
  • Nocciole: regolano i livelli di zucchero nel sangue e favoriscono il transito intestinale.
  • Mandorle: utili in caso di allattamento al seno, sono ricche di vitamina E e di calcio.
  • Noci di macadamia: hanno un alto contenuto di grassi sani.
  • Noci brasiliane: sono una fonte naturale di selenio.
  • Pistacchi: sono molto ricchi di ferro, quindi adatti a combattere l’anemia.
  • Pinoli: contengono molta vitamina B1.
  • Anacardi: sono ricchi di magnesio, ideali per i muscoli e i nervi.

Semi

  • Girasole: ricchi di vitamina B1, vitamina E, magnesio, ferro, fosforo e calcio.
  • Semi di zucca: uno dei migliori rimedi per prevenire i parassiti intestinali e i disturbi alla prostata.
  • Sesamo: è la fonte vegetale più ricca di calcio, essenziale se non consumiamo latticini.
  • Semi di lino: sono ricchi di acidi grassi essenziali, migliorano l’aspetto della pelle, dei capelli e delle unghie.
  • Semi di chia: stimolano l’evacuazione e riducono il livello di colesterolo.

Tenerli in ammollo è fondamentale

La frutta secca e i semi crudi, così come anche i legumi, sono ricoperti da uno strato di elementi chiamati “inibitori enzimatici”.

Gli inibitori hanno il compito di prevenire la germinazione prematura e aiutano a conservare all’interno del seme i nutrienti che serviranno alla crescita della futura pianta.

Nel nostro corpo, tuttavia, queste sostanze impediscono l’assorbimento di alcuni sali minerali e proteine, oltre a rendere meno agevole la digestione.

Tenendoli in ammollo per qualche ora, evitiamo questo problema e attiviamo il seme, che si prepara alla germinazione o a essere consumato. 

Ogni varietà di frutta secca o seme ha un suo tempo approssimativo di ammollo.

  • Mandorle: 12 ore.
  • Semi di chia e lino: 2 ore.
  • Noci e nocciole: 8 ore.
  • Semi di zucca e sesamo: 6 ore.
  • Semi di girasole: 4 ore.
  • Pinoli, pistacchi, anacardi, noci brasiliane e noci di macadamia: non è necessario alcun ammollo.

Dopo l’attivazione in acqua, possiamo tostarli per risaltarne il sapore.

Va ricordato che i semi di lino e di chia, se messi in ammollo rilasciano la mucillagine, una fibra molto utile per il transito intestinale. Per potenziare questa funzione, al termine frullateli insieme all’acqua di ammollo.

Vi consigliamo di leggere anche: 7 incredibili benefici dei semi di chia

Come includerli nella dieta

Benché la frutta secca e i semi si possano consumare in qualunque momento, ecco alcuni suggerimenti per non farli mai mancare a tavola. Usateli per:

  • Arricchire i cereali della prima colazione.
  • Preparare una crema di cacao e nocciole, dolcificata con il miele.
  • I vostri frullati, insieme alla frutta e all’avena.
  • Preparare l’impasto di torte e biscotti, ben macinati oppure in farina: sono molto più nutrienti della farina di frumento.
  • Insaporire i succhi vegetali preparati in casa.
  • Guarnire i dolci, insaporire le mele al forno o preparare una gustosa macedonia di arancia, miele e lamelle di mandorle.
  • Fate germogliare i semi e aggiungeteli ai vostri piatti e stuzzichini.
  • Il sesamo tostato e macinato, noto come gomasio, è un buon condimento per la pasta e il risotto.
  • I semi e la frutta secca tostati e sbriciolati possono essere aggiunti a salse e vinaigrette.
Guarda anche