Perché prudono i talloni? I rimedi per un disturbo comune

6 Gennaio 2020
Molte persone soffrono di prurito ai talloni e non ne conoscono il motivo. In questo articolo, vi spieghiamo le cause e vi diamo alcuni suggerimenti per evitarlo.

Perché prudono i talloni? Cercheremo di dare una risposta in questo articolo. I piedi hanno il compito di sostenere il nostro peso. Immaginate ciò, moltiplicato per la quantità di passi che facciamo ogni giorno… Il risultato potrebbe darci un’idea dello sforzo che compiono ogni giorno.

Tuttavia, i piedi, e in particolare i talloni, sono una delle parti del corpo a cui prestiamo meno attenzione. Di fatto, molte persone provano fastidio ai talloni senza nemmeno chiedersi il motivo.

In questo articolo, cercheremo di rispondere al quesito sul perché prudono i talloni, un fastidio che a volte ci impedisce persino di riposare la notte.

Perché prudono i talloni, questione di estetica o salute?

I talloni in quanto parte del piede, vengono spesso tralasciati. Ciò accade soprattutto d’inverno, dato che rimangono nascosti dalle calze e dalle scarpe.

Iniziamo a prendercene cura quando arriva la primavera, perché utilizziamo calzature aperte. Tuttavia, la cura di talloni, monta del piede, dita e unghie, non dovrebbe dipendere dalla stagione.

Bisognerebbe mantenerli in buono stato tutto l’anno perché, in caso contrario, possono provocare dolori e fastidi vari.

Perché prudono i talloni

Il prurito ai talloni, o alla pianta del piede, è più frequente di quello che si possa credere. Sebbene possa manifestarsi in qualsiasi momento della giornata, tende a peggiorare durante la notte. Tutto ciò è dovuto al contatto con le lenzuola o con l’acqua del bagno, causa del’aumento del prurito.

Capita spesso che alcune persone non riescano a dormire perché prudono i talloni.

Oltre a trattare il prurito, si dovrebbe anche prestare attenzione agli altri sintomi, dovuti in larga parte a questioni dermatologiche, ma anche alla presenza di un disturbo interno.

Pertanto, il prurito al tallone è una ragione sufficiente per recarsi dal medico. Sarà lo specialista a valutare se il questo problema dovrà essere trattato attraverso cure mediche.

Leggete: Rimedi naturali per talloni screpolati

Perché prudono i talloni? Ecco le cause

1. Dermatite da contatto

Si sviluppa quando la pelle viene esposta a materiali o sostanze che provocano una reazione allergica, come afferma questo studio condotto dall’Hospital La Fe di Valencia (Spagna). Ad esempio, il borotalco, il deodorante oppure il sapone possono essere la causa per cui i talloni prudono.

Un altro sintomo della dermatite da contatto è l’arrossamento della pelle. Talvolta è dovuta ai materiali con cui si producono le scarpe o alle calze che utilizziamo.

2. Eczema disidrotico

Conosciuto anche come disidrosi, presenta bolle e protuberanze nella zona interessata, come riporta questo articolo della Mayo Clinic. Oltre a causare prurito intenso, implica anche problemi per dormire o per camminare.

3. Micosi

I funghi possono anche insediarsi nei talloni (o per meglio dire, nelle sue crepe). Il Piede d’atleta e la onicomicosi (funghi alle unghie) possono contagiare qualsiasi altra parte del corpo, compresa la pianta del piede.

Uno dei sintomi più comuni è il rigonfiamento della pelle, che può anche presentare cambiamenti di colore (più giallognola o più bianchiccia).

4. Psoriasi

Questa malattia della pelle provoca placche di pelle secca ed ingrossa la pianta del piede ed i talloni. Quando si manifesta la Psoriasi Palmo Plantare, risulta fastidioso camminare a causa del prurito. Fortunatamente, secondo questo studio realizzato dal ealizado por el Dr. Robert Chalmers, esistono diversi trattamenti possibili.

Malattie interne

Oltre alle patologie esterne, esistono anche alcune malattie interne che spiegano perché prudono i talloni:

  • Ipotiroidismo. Secondo le informazioni divulgate Mayo Clinic, potrebbe influenzare l’infiammazione del piede
  • Problemi epatici
  • Insufficienza renale (correlata al piede diabetico, come afferma questa ricerca condotta dall’Ospedale Universitario di Gran Canaria in Spagna).
  • Morbo di Crohn
  • Diabete, come afferma questo rapporto del National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases.
  • Celiachia, come suggerito da questo studio condotto dall’Università di Valencia (Spagna).
piedi sulle scarpe

Perché prudono i talloni? Suggerimenti per alleviare il fastidio

Circa l’ 85% delle persone soffre o ha sofferto di problemi alla pelle dei piedi. La maggior parte di esse non vi dà molta importanza fino a quando i sintomi non diventano insopportabili. Non bisogna arrivare a questo punto!

Prestate attenzione a questi piccoli accorgimenti per avere piedi sani tutto l’anno:

  • Asciugate bene i piedi dopo aver fatto il bagno, uscendo dalla piscina o se vi bagnate con la pioggia.
  • Evitate di utilizzare saponi con profumi molto forti o acqua troppo calda.
  • Scegliete calzature comode che non stringano e che non vi diano fastidio.
  • Scegliete sempre calze di cotone in quanto evitano che il piede rimanga umido.
  • Non indossate le scarpe e le calze per molte ore, soprattutto se avete praticato sport o se fa molto caldo.
  • Applicate creme idratanti dopo aver fatto il bagno.
  • Praticate un’esfoliazione alla settimana.
  • Utilizzate la pietra pomice durante la doccia per eliminare la ruvidità della pelle dei talloni.

Perché prudono i talloni? Ecco alcuni rimedi fatti in casa contro il fastidio

La maggior parte delle volte il prurito nei talloni e nella pianta del piede è causato da una scarsa cura di questa parte del corpo. Con le seguenti ricette naturali potrete risolvere il problema.

Banana

Una volta mangiata la banana (che contiene molte proprietà benefiche per la vostra salute), non buttate la buccia. Questo studio dell’Halgekar Institute of Dental Science’s and Research Centre (India) afferma che possiede proprietà antibatteriche.

  • Strofinare la parte interna della buccia sui talloni per alcuni minuti.
  • Lasciare asciugare per 15 minuti.
  • Risciacquare con acqua tiepida.

Leggete:Come preparare una maschera alla banana

Banane

Un altro modo per trarre benefici dalla banana è:

  • Schiacciare un banana una ben matura.
  • Con la polpa ricavata, coprire le crepe o le lesioni del tallone.
  • Lasciare in posa per circa 10 minuti.
  • Risciacquare con acqua tiepida.

2. Succo di limone

Se avete i talloni molto screpolati ed è per questo che vi prudono, il limone può rivelarsi molto utile, in quanto ha proprietà antinfiammatorie, secondo quanto riporta questo studio dell’Università Federale di Rio de Janeiro. Tagliate una fetta di limone e strofinatela sulla zona interessata. Potete anche preparare una soluzione saponata e rinfrescante.

Ingredienti

  • Il succo di 1 limone
  • 3 tazze d’acqua tiepida (750 ml)
  • 1 cucchiaino di vasellina liquida (5 gr)
  • Sapone neutro

Procedimento

  • Mescolate bene tutti gli ingredienti e mettete i piedi a bagno fino a quando l’acqua non si raffreddi.
  • Toglieteli e risciacquateli con acqua pulita.
  • Asciugateli bene.

3. Olio di cocco

Noto anche come “il miracolo della pelle” per le sue proprietà straordinarie, l’olio di cocco è secondo questo studio della Himalaya Drug Company, un antinfiammatorio dall’applicazione topica. Non solo funge da idratante ma elimina anche le cellule morte, una delle ragioni perché prudono i talloni.

Come se non bastasse, ha la capacità di ridurre l’infiammazione e il prurito.

  • Tutte le notti, prima di andare a letto, fate un massaggio ai piedi con alcune gocce d’olio di cocco.
  • Indossate un paio di calze.
  • Lasciate agire per tutta la notte.

Al mattino, se lo preferite, potete risciacquarli, anche se non è necessario.

olio di cocco

  • Baran, R.; Faergemann, J., and Hay, R. J. (2007). “Superficial white onychomycosis–a syndrome with different fungal causes and paths of infection”,  J. Am. Acad. Dermatol, 57 (5): 879–882.
  • Baumgart, D.; Sandborn, C., and William, J. (2012). “Crohn’s disease”, The Lancet, 380 (9853): 1590-1605.
  • Rutgeerts, P.; Vermeire, S., and Van Assche, G. van (2009). “Biological therapies for inflammatory bowel diseases”, Gastroenterology, 136 (4): 1182-1197.