Perdere grasso addominale con l’aiuto dello zenzero

· 31 maggio 2016
Grazie al suo effetto termogenico, lo zenzero aumenta la temperatura del corpo e stimola il metabolismo così da bruciare le calorie più facilmente, oltre ad apportare una sensazione di sazietà.

La maggior parte delle persone desidera un ventre piatto e tonico, oltre a sfoggiare una silhouette più snella e in forma. Tuttavia, sfortuna vuole che per molte persone sia propria la zona addominale ad infiammarsi, non solo per il consumo eccessivo di calorie, ma anche per la ritenzione idrica e le sostanze di rifiuto che si accumulano quando il corpo ha difficoltà ad eliminarle.

Una dieta equilibrata ed attività fisica quotidiana sono le chiavi principali per dire addio al grasso addominale e ai problemi che esso comporta. Vale la pena tenere in considerazione anche alcuni aiuti “extra” che possono essere utili per ottenere migliori risultati.

Stiamo parlando della radice di zenzero, una spezia molto conosciuta sia nell’ambito della gastronomia sia in quello della medicina alternativa.

La ricchezza e le proprietà nutrizionali di questo alimento sono conosciute fin dall’antichità in molte culture e oggi lo zenzero è piuttosto comune tra le persone che desiderano uno stile di vita più sano.

Perché lo zenzero aiuta a perdere il grasso addominale?

Zenzero grasso addominale

Esistono diversi motivi per cui lo zenzero è considerato uno dei migliori alleati per ridurre il grasso addominale in poco tempo.

Uno di questi è perché ha un potente effetto depurativo che favorisce la funzione di organi come il fegato, responsabili del metabolismo dei grassi e del glucosio.

Lo zenzero ha anche un effetto termogenico che aiuta ad aumentare la temperatura corporea e allo stesso tempo stimola il metabolismo per bruciare calorie più facilmente.

È considerato un potete soppressore dell’appetito, quindi è utile per chi ha problemi di fame ansiosa e ingerisce più calorie di quelle necessarie. Bisogna sottolineare, però, che in alcuni casi lo zenzero può avere l’effetto contrario.

C’è da dire che questa spezia è molto indicata in casi di problemi digestivi e che, oltre ad alleviare la nausea e i capogiri, regola anche il transito intestinale e previene l’accumulo di tossine nel colon, una delle principali cause della stitichezza.

Chi soffre di ritenzione idrica o di infiammazione troverà sollievo grazie allo zenzero, perché ha un’azione diuretica che stimola la regolazione dei liquidi corporei.

A tutte queste proprietà, si aggiunge il fatto che lo zenzero è un’ottima fonte di antiossidanti, di fibre e di altri nutrienti essenziali, motivi sufficienti per includerlo più frequentemente nella dieta.

Vi consigliamo di leggere anche: Frullati per rafforzare la flora intestinale e combattere la stitichezza

Come utilizzare lo zenzero per perdere grasso addominale?

Infuso-di-zenzero grasso addominale

Preparare un infuso è il modo migliore per sfruttare appieno tutte le proprietà dello zenzero ed ottenere un ventre piatto.

Se aggiungete all’infuso anche un po’ di succo di limone, potete potenziarne gli effetti depurativi e raggiungere migliori risultati.

Ingredienti

  • 1 pezzetto di zenzero (3 centimetri)
  • ½ limone
  • 1 tazza di acqua (250 ml)

Preparazione

  • Riscaldate la tazza di acqua e, prima che cominci a bollire, aggiungete il pezzettino di zenzero e lasciate cuocere a fuoco basso per altri tre o cinque minuti.
  • Trascorso il tempo di cottura, togliete dal fuoco e lasciate riposare l’infuso da 8 a 10 minuti.
  • Al momento di berlo, aggiungete il succo di mezzo limone e, se desiderate, anche un cucchiaino di miele d’api per dolcificarlo.

Leggete anche: 8 consigli per un ventre piatto e una vita più sana

Quando e per quanto tempo va bevuto l’infuso di zenzero?

donna che beve l'infuso grasso addominale

Per portare a termine un processo di disintossicazione e di perdita di peso con la radice di zenzero, l’ideale è bere tutti i giorni una tazza di infuso a digiuno e un’altra prima di andare a dormire.

Il tempo minimo di assunzione è di un mese, bisogna interrompere per 15 giorni per poi riprendere.

Controindicazioni

Le donne incinte o in fase di allattamento, ad eccezioni dei casi ammessi dal medico, non devono bere l’infuso allo zenzero.

Questa spezia ha un effetto anche sul sangue, ovvero ne evita la coagulazione. Tuttavia, se vi state preparando ad un intervento chirurgico o state assumendo farmaci anticoagulanti. è meglio sospendere il trattamento con l’infuso.

In conclusione, chi sta lottando contro il grasso addominale può avvalersi dell’aiuto dello zenzero per eliminarlo più facilmente.

Tuttavia, non deve essere l’unico rimedio in vista di un miglioramento del peso corporeo, perché deve completare un buon programma di alimentazione e una routine di attività fisica quotidiana.

Gli effetti dell’infuso di solito variano da persona a persona, a seconda dell’attività del loro metabolismo e delle loro abitudini di vita.

Guarda anche