Radice di zenzero alleata per perdere peso

15 Marzo 2019
Lo zenzero accelera il nostro metabolismo e migliora la digestione, oltre a favorire l'assorbimento dei nutrienti e l'eliminazione dall'organismo di sostanze di scarto, il che evita l'aumento di peso.   

L’uso della radice di zenzero in medicina non è una novità. Difatti, Galeno, uno dei padri di questa disciplina, lo utilizzava in diversi trattamenti. Lo zenzero è stato particolarmente apprezzato per molti secoli in Asia, grazie alle sue proprietà curative.

Anche se può essere utilizzato in molteplici modi, in ricette di dolci e come ingrediente di diversi piatti, il tè allo zenzero è un modo molto diffuso – e più delicato – di consumare questa radice.

Il desiderio di mantenere il peso sotto controllo non corrisponde solo all’interesse di vedersi più snelli, ma è un fattore molto importante per mantenere l’organismo pulito e libero da qualsiasi malattia.

In questo senso, è importante avere una vita attiva, esercitarsi regolarmente e mantenere una dieta equilibrata. E un ingrediente che può aiutarci a raggiungere quest’obbiettivo, ed evitare il sovrappeso, è la radice di zenzero. Vi interessa sapere come? 

Di seguito imparerete a prepararlo e in che modo aiuta a perdere peso.

Come preparare il tè con la radice di zenzero

Preparare il tè allo zenzero è molto semplice. Tutto ciò di cui avete bisogno è un po’ di zenzero e dell’acqua calda. Se volete, potete aggiungere anche un dolcificante; in questo caso, ve ne consigliamo uno naturale, come il miele.

  1. Fate scaldare 3 tazze d’acqua
  2. Lavate ed asciugate 90 gr di radice di zenzero
  3. Pelate lo zenzero; successivamente, tagliatelo a pezzetti
  4. Mettete lo zenzero in una teiera o in un contenitore simile munito di tappo
  5. Aggiungete l’acqua calda e lasciate riposare l’infuso, per circa 10 minuti
  6. Filtrate il tè e servite

Scoprite: 6 modi di assumere acqua per disintossicarsi e rinfrescarsi

Radice di Zenzero per combattere la gastrite

Il tè allo zenzero nell’organismo

Il tè allo zenzero favorisce il controllo e la perdita di peso in diversi modi. Alcuni studi, ad esempio, ricordano che lo zenzero riduce l’infiammazione e promuove la sensibilità al glucosio, fattori che intervengono nella perdita di peso.

Lo zenzero, inoltre, aumenta i livelli di serotonina, un neurotrasmettitore che, tra le tante funzioni, interviene sul controllo dell’appetito; quindi, il consumo di zenzero provoca una sensazione di sazietà che ci impedisce di continuare a mangiare.    

È utile a questo scopo anche grazie alle sue proprietà digestive. I componenti dello zenzero stimolano la produzione dei succhi gastrici, rafforzano i muscoli intestinali e incrementano le contrazioni muscolari, il che aiuta gli alimenti a muoversi attraverso l’organismo con maggiore facilità. Questo non solo riduce i problemi associati all’indigestione, ma favorisce anche l’assorbimento dei nutrienti e l’eliminazione delle sostanze di scarto dall’organismo, il che evita l’aumento di peso.

Come se non bastasse, due componenti presenti nello zenzero, il gingerolo e lo shogaol, migliorano il metabolismo, stimolando il consumo di energie e l’ossidazione dei grassi. Come succede durante l’attività fisica, il consumo di zenzero aumenta il calore del corpo e brucia calorie, facilitando e accelerando la perdita di peso.  

Leggete anche: Come accelerare il metabolismo (e perdere peso)

Perdere peso in modo naturale con lo zenzero

Assumere zenzero, sia sotto forma di  sia in qualsiasi altra preparazione, è un modo salutare per mantenersi sani e per perdere peso.

Come succede con qualsiasi altro alimento o rimedio naturale, è necessario fare attenzione quando lo si assume: lo zenzero non è indicato durante la gestazione né la fase di allattamento, così come per le persone che soffrono di coagulazione del sangue.  

Se volete perdere peso, includere lo zenzero nelle vostre diete – e praticare tutti i giorni attività fisica  – può portare risultati molto soddisfacenti.

Immagini per gentile concessione di Joana Petrova

  • Vasala, P. A. (2012). Ginger. In Handbook of Herbs and Spices: Second Edition. https://doi.org/10.1533/9780857095671.319
  • White, B. (2007). Ginger: an overview. American Family Physician.
  • Al-Amin, Z. M., Thomson, M., Al-Qattan, K. K., Peltonen-Shalaby, R., & Ali, M. (2006). Anti-diabetic and hypolipidaemic properties of ginger (Zingiber officinale) in streptozotocin-induced diabetic rats. The British Journal of Nutrition.
  • NCBI. (2013). Anti-Oxidative and Anti-Inflammatory Effects of Ginger in Health and Physical Activity: Review of Current Evidence. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3665023/
  • NCBI. (2016). Ginger consumption enhances the thermic effect of food and promotes feelings of satiety without affecting metabolic and hormonal parameters in overweight men: A pilot study. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3408800/
  • NCBI. (2019). Ginger in gastrointestinal disorders: A systematic review of clinical trials. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6341159/
  • NCBI. (2012). The Amazing and Mighty Ginger. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK92775/
  • Global Journal of Biotechnology & Biochemistry 7. (2012). Ginger Extract Defies Changes In Brain Serotonin Levels andEnzymes of Monoamine Metabolism During WithdrawalFollowing Chronic Ethanol Ingestion. https://pdfs.semanticscholar.org/6432/36d691018511f68a5bedd83997f39cd4c8e0.pdf