Purificare l'aria in casa con 8 piante

Ci sono alcune piante che richiedono maggiori cure, per cui, a seconda delle nostre abilità di giardinaggio, conviene optare per una piuttosto che per un'altra
Purificare l'aria in casa con 8 piante

Ultimo aggiornamento: 28 gennaio, 2021

Le piante sono diventate elementi decorativi fondamentali non solo perché sono belle e colorate ma anche perché possono purificare l’aria in casa.

Alcuni preferiscono tenerle in giardino però c’è chi opta per averle in casa in modo da usufruire dei loro benefici.

Anche se alcune varietà non sono adatte agli ambienti chiusi, è stato dimostrato che altre sono molto benefiche e canalizzano le energie.

L’aspetto più interessante è che sono facili da far crescere e si mantengono in perfetto stato quando le curiamo a dovere.

Poiché sappiamo che molti di voi vogliono saperne di più, di seguito vi riveliamo le 8 migliori piante per purificare l’aria di casa.

Non perdetevele!

1. Palma areca per purificare l’aria in casa

palma per purificare l'aria in casa

L’areca è una meravigliosa pianta da interni le cui foglie contengono un fluido che riduce le energie negative in qualsiasi ambiente.

È facile da piantare e conservare, e serve ad eliminare le tossine che si accumulano in casa a causa della polvere e delle particelle volatili dell’ambiente.

2. Palma di bambù

Anche se potrebbe sembrare simile alla precedente, la palma di bambù è ben diversa e molto benefica per purificare l’aria in casa.

È stato provato che aiuta ad eliminare le sostanze ed i composti inquinanti.

Le si attribuisce anche la capacità di armonizzare l’ambiente e di apportargli la tranquillità necessaria ad una buona convivenza.

Come se non bastasse, è una pianta molto elegante e conferisce all’ambiente un aspetto tropicale, in qualsiasi luogo venga messa.

3. Felce comune

felce

La felce è una pianta molto popolare che cresce quasi come l’erba e le cui varietà sono davvero interessanti.

Si crede esista da tempi ormai remoti e che, grazie alla sua forma, sia una buona opzione per la decorazione della casa.

Le sue foglie sono delicate, leggere e servono a purificare l’aria da sostanze come il toluene e lo xilene, due sostanze disperse dalla colla vinilica, dagli smalti per le unghie e da altri prodotti chimici.

Anche se prendersene cura non è troppo complesso, è importante tener conto che ha bisogno di maggiori attenzioni rispetto ad altre piante.

4. Edera comune

L’edera comune è una delle piante che possono sopravvivere quasi in qualsiasi luogo e che, fortunatamente, è perfetta per gli spazi chiusi come la casa.

Tra i suoi vantaggi ricordiamo che cresce facilmente, che si adatta bene all’ambiente e che serve per armonizzare il  feng shui della casa.

Tuttavia, non si consiglia di situarla in spazi in cui la temperatura è troppo alta, perché tende a seccarsi.

5. Orchidee

orchidee

Nonostante le orchidee abbiano una brutta fama, perché si dice che siano difficili da coltivare, la situazione non è così critica come viene descritta.

Nonostante siano più delicate rispetto ad altri fiori, il segreto sta nel calcolare bene le dosi di acqua e sole che ricevono.

La loro presenza aiuta ad eliminare l’aria inquinata da un elemento sprigionato dalla pittura delle pareti e dei mobili: lo xilene.

Il dato più interessante è che respirano e rilasciano ossigeno durante la notte, per cui sono ottime per la stanza da letto.

6. Pothos

Questa pianta è molto conosciuta e può essere acquistata praticamente ovunque. Non richiede cure specifiche e può essere utilizzata per la decorazione di uffici, luoghi pubblici, sale d’esposizione e centri commerciali.

Si adatta facilmente agli ambienti con temperature tra i 17 ºC e i 30 ºC. L’unica cosa importante è tener conto che la sua terra deve rimanere sempre umida.

È in grado di assorbire il formaldeide, lo xilene e il benzene.

7. Lo spatafillo

piante-e-vasi-bianchi

Uno dei motivi per i quali molte persone optano per questa pianta è perché i suoi fiori non appassiscono facilmente e perché resiste anche all’ombra e alle basse temperature.

È molto decorativa, non richiede cure speciali e serve a depurare l’aria dagli elementi tossici come:

  • L’acetone
  • L’acetato di etile
  • L’ammoniaca
  • Il benzene
  • L’alcol metilico
  • Lo xilene
  • Il formaldeide
  • Il tricloroetileno

8. Lingua di suocera

Di solito si utilizza per decorare gli interni e ha il vantaggio di sopravvivere praticamente a qualsiasi temperatura.

Coltivata all’esterno, sopporta fino ai 40 ºC  e sopravvive anche a climi freddi fino ai -5ºC.

È in grado di ridurre i livelli di benzenolo, cilene e toluene presenti nell’aria.

Vi sono piaciute queste piante? Mettetele nel vostro vaso preferito e godetevi tutti i loro benefici per armonizzare e purificare la vostra casa.

Potrebbe interessarti ...
Piante in casa: 7 motivi per tenerle
Vivere più saniLeggilo in Vivere più sani
Piante in casa: 7 motivi per tenerle

Le piante in casa decorano l'ambiente e apportano diversi benefici fisici ed emotivi. Scegliete quelle più adatte alle vostre esigenze.



  • Arreguín-Sánchez, María de la Luz, Fernández-Nava, Rafael, Quiroz-García, David Leonor, & Acosta-Castellanos, Salvador. (2009). Análisis de la distribución de las especies de helechos y afines del valle de México, notas ecológicas y florísticas. Polibotánica, (28), 15-36. Recuperado en 31 de enero de 2019, de http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1405-27682009000200002&lng=es&tlng=es.
  • Benítez, Bárbara, & Soto, F. (2010). EL CULTIVO DE LA PALMA ARECA (Dypsis lutescens, H. Wendel). Cultivos Tropicales31(1), 00. Recuperado en 31 de enero de 2019, de http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0258-59362010000100009&lng=es&tlng=es.
  • González Minero, Francisco José, & Bravo Díaz, Luis. (2017). Estudio botánico y farmacéutico de productos con aplicación en cosmética y cuidado de la piel. Ars Pharmaceutica (Internet)58(4), 175-191. https://dx.doi.org/10.4321/s2340-98942017000400005
  • González Tamayo, Roberto. (2006). Las orquídeas de México. Acta botánica mexicana, (75), 101-103. Recuperado en 31 de enero de 2019, de http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0187-71512006000200005&lng=es&tlng=es.
  • Grijalba, PE, & Palmucci, HE. (2007). Cylindrocladium spathiphylli, a causal agent of root and crown rot of Spathiphyllum wallisii in Buenos Aires, Argentina. Phyton (Buenos Aires)76, 79-84. Recuperado en 31 de enero de 2019, de http://www.scielo.org.ar/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1851-56572007000100007&lng=es&tlng=en.
  • Pérez-León, Gerardo, Chavarría-Pérez, Lourdes, Araya-Quesada, Julio, & Gómez-Alpízar, Luis. (2013). Identificación del agente causal de la antracnosis de Sansevieria spp. en Costa Rica. Agronomía Costarricense37(1), 39-50. Retrieved January 31, 2019, from http://www.scielo.sa.cr/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0377-94242013000100003&lng=en&tlng=es.
  • Sánchez Medrano, María Teresa, Espuna Mújica, José Adán, & Roux Gutierrez, Rubén Salvador. (2016). El bambú como elemento estructural: la especie Guadua amplexifolia. Nova scientia8(17), 657-677. Recuperado en 31 de enero de 2019, de http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S2007-07052016000200657&lng=es&tlng=es.