Piastrine basse: consigli e ricette

· 22 aprile 2018
Le piastrine sono responsabili della coagulazione del sangue. Numerosi fattori, però, possono abbassare il livello delle piastrine. 

Ricevere una diagnosi di piastrine basse può causare preoccupazione. Tuttavia, non allarmatevi. Il corpo riconosce come e quando avviene un calo di piastrine e cerca di compensare prontamente a questa situazione.

In questo articolo vi daremo tutte le informazioni necessarie al riguardo.

Cosa sono le piastrine?

Le piastrine sono cellule sanguigne che partecipano attivamente al processo di coagulazione del sangue.

È molto importante, dunque, stabilire le cause di un’alterazione dei loro valori normali, che variano tra 150.000 e 450.000 per millimetro cubo. Tra questi troviamo alcune infezioni virali, inclusi Dengue, Chikungunya e AIDS.

Anche alcune malattie del fegato, come la cirrosi, la mancanza di vitamina B12 e l’assunzioni di alcuni farmaci possono portarci ad avere le piastrine basse.

Piastrine basse: sintomi

Determinare la causa delle piastrine basse spetta solo al medico. Tuttavia, il corpo può avvertirci in anticipo di tale anomali tramite diversi sintomi che vediamo a seguire.

Stanchezza inusuale

Stanchezza visiva

Uno dei primi sintomi delle piastrine basse è sentirsi molto stanchi senza alcun motivo apparente. Soprattutto se questa stanchezza è sofferta quotidianamente e persiste tutto il giorno.

Tale sensazione è accompagnata anche a cambiamenti in quanto all’appetito.

Volete saperne di più? Leggete: 6 modi per combattere la stanchezza mentale

Esantemi ed ematomi

Un altro sintomo tipico delle piastrine basse potrebbe essere la comparsa di eruzioni cutanee, di solito su schiena, torso e braccia.

Possono essere facilmente riconosciute per la loro caratteristica forma rotonda e il loro colore rossastro o viola.

Se presentiamo bassi livelli di piastrine per molto tempo, è probabile che compaiano con facilità ematomi senza aver ricevuto alcun urto.

Debolezza muscolare

Calma i dolori articolari e muscolari

Un altro sintomo che può presentarsi quando si soffre di piastrine basse è un dolore muscolare acuto con conseguente difficoltà di movimento.

Questo di solito si traduce in un maggiore senso di stanchezza e debolezza in generale.

Cosa fare in caso di piastrine basse?

Se presentate i sintomi sopra indicati, dovreste andare dal vostro medico di fiducia che indicherà i test di laboratorio pertinenti. Una volta determinato che avete le piastrine basse, è consigliabile seguire le indicazioni mediche e adottare una dieta equilibrata.

È di grande aiuto consumare cibi ricchi di ferro come spinaci, lenticchie, fegato, vongole, mirtilli, more e germogli verdi. Includete anche alimenti come pepe rosso, pompelmo, arance, fragole e acqua di cocco, che sono importanti fonti di vitamine A, B, C, D e K.

Ricette per compensare le piastrine basse

Ecco alcune ricette per migliorare l’assorbimento dei nutrienti che aiutano a equilibrare i valori delle piastrine.

Leggete questo articolo: I 7 migliori alimenti per aumentare le piastrine nel sangue

Frullato ricco di ferro

Guaiava

Ingredienti

  • 5 guave mature (450 g)
  • 1 peperone rosso (200 g)
  • 1 bicchiere di acqua minerale o bollita (250 ml)

Preparazione

  • Lavate bene guava e peperone.
  • Tagliate e pelate la frutta in pezzi di medie dimensioni
  • Tagliate il peperone e rimuovete i semi
  • Aggiungete abbastanza acqua e frullate abbondantemente
  • Filtrate e servite.

Bevete un bicchiere di questo frullato al mattino, uno nel pomeriggio e un altro la sera.

Insalata ricca di nutrienti

Ingredienti

  • 1 carota (300 g)
  • 1 barbabietola media (300 g)
  • 8 cime di broccoli (400 g)
  • 1 peperone rosso (200 g)
  • 2 ciuffi di spinaci (120 g)
  • 2 ciuffi di crescione (120 g)
  • 1 spicchio d’aglio (5 g)
  • 1 cucchiaio di mandorle intere o a scaglie (100 g)
  • Succo di limone (50 ml)
  • 2 cucchiai di olio d’oliva (30 ml)
  • Un pizzico di sale (10 g)

Preparazione

  • Lavate accuratamente tutte le verdure.
  • Sbucciate la barbabietola e la carota e tagliate a pezzi di media grandezza.
  • Mettete la carota, la barbabietola e i broccoli in una pentola di acqua bollente per 5 minuti (per conservare le loro vitamine e proteine).
  • Toglieteli dall’acqua bollente e interrompete la cottura immergendoli in acqua fredda.
  • Tagliate la barbabietola e la carota in pezzi più piccoli e conservateli in un contenitore.
  • Tagliate il peperone a strisce e unitelo alla carota e alla barbabietola.
  • tagliate gli spinaci e il crescione e aggiungeteli nel contenitore.
  • Aggiungete il resto degli ingredienti: succo di limone, aglio tritato, olio d’oliva, mandorle e sale a piacere.
  • Mescolate e servite.

È essenziale che non vi automedichiate. In aggiunta alla cura prescritta, alcuni medici consigliano di ricorrere ai rimedi naturali per alzare i livelli delle piastrine.

Consumare cibi per aumentare l’apporto di ferro, vitamine e altri nutrienti è l’ideale. Oltre a mantenere una dieta equilibrata, è essenziale per prevenire e curare un’ampia varietà di malattie.

Guarda anche