5 consigli per prevenire i crampi alle gambe

24 Febbraio 2019
Sia un eccesso sia una carenza di esercizio fisico possono essere determinanti quando si soffre di crampi. Cercate di fare esercizi di stretching tutti i giorni per mantenere in muscoli in forma

Conosciuti anche come “spasmi muscolari”, i crampi sono contrazioni involontarie che possono provocare dolori lievi o più intensi e un irrigidimento del muscolo.

Anche se i crampi colpiscono più spesso gli sportivi o le persone più anziane, in realtà questo fenomeno può accadere a chiunque. Per questo motivo, nel nostro articolo di oggi vi spieghiamo come fare per evitarli.

Perché si soffre di crampi?

i crampi muscolari possono essere provocati da un eccesso di esercizio fisico

Chi si è svegliato, almeno una volta, nel cuore della notte per un forte dolore al polpaccio, al piede o alla coscia, sa che non esiste  modo più orribile di interrompere il proprio riposo.

Nella maggior parte dei casi, i crampi notturni non sono nocivi per la salute ed è possibile alleviarli e, soprattutto, prevenirli grazie a degli esercizi di stretching e cambiando qualche semplice abitudine quotidiana.

Se, invece, i crampi muscolari sono un problema regolare e compaiono anche durante il giorno, vi consigliamo di consultare un medico. Sarà poi lui a spiegarvi a cosa sono dovuti e come risolvere il problema. Gli spasmi muscolari possono avere diverse cause, ma le principali sono collegate a:

  • I movimenti (o carenza di movimento)
  • Il consumo insufficiente o eccessivo di certi nutrienti

Per quanto riguarda la prima categoria, possiamo dividere i crampi in due gruppi:

  • Quelli che compaiono perché si fa troppo esercizio fisico o sforzo (per esempio, come accade agli atleti che non fanno stretching dopo l’allenamento o se si eseguono molte faccende domestiche in modo intenso durante il fine settimana).
  • Quelli che si presentano quando si resta fermi per molte ore durante la giornata (come accade alle persone che lavorano in un ufficio o che hanno abitudini troppo sedentarie).

Per quanto riguarda i nutrienti, bisogna sapere che la disidratazione, per esempio, è una causa di questo problema, proprio come lo è non assumere la giusta quantità di magnesio, calcio o potassio.

Tuttavia, attenzione, poiché i crampi possono comparire anche se si assumono certi medicinali, come i farmaci diuretici, quelli contro l’ipertensione e i betabloccanti.

Tra gli altri motivi che spiegano gli spasmi muscolari, sia diurni sia notturni, possiamo sottolineare alcune malattie, come il diabete e quelle che colpiscono la tiroide, poiché in entrambi i casi il metabolismo del corpo si altera.

Leggete anche: I 6 migliori esercizi per combattere lo stress

Cosa fare per prevenire i crampi?

Si può avere un crampo per qualche secondo, o persino per qualche minuto, e per ottenere sollievo dal fastidio e dal dolore bisogna strofinare il muscolo colpito per riuscire a stirarlo e a rilassarlo.

Quando il crampo colpisce i polpacci, mettersi in piedi rappresenta un rimedio molto efficace. In generale, lo stretching è molto utile e anche applicare del ghiaccio o un cuscinetto termico in questi casi è un ottimo rimedio.

Se avete sofferto di crampi più di una volta e non volete che ricompaiano mentre dormite, allora fate attenzione a questi consigli per prevenirli.

Idratare bene il corpo

idratare il corpo è importante per prevenire i crampi

Bere i due litri di acqua giornalieri consigliati non è un capriccio. Questa quantità di liquido, infatti, aiuta a idratare il corpo e le cellule e, così, gli organi possono lavorare come devono. Lo stesso accade con i muscoli, i tendini e il sangue.

Per prevenire la disidratazione, potete anche scegliere di assumere altri liquidi come, per esempio, tisane alle erbe o succhi naturali. Nel caso in cui facciate attività fisica o durante le giornate estive più calde, vi consigliamo di aumentare la dose minima giornaliera a 3 litri d’acqua.

Potete anche aumentare il consumo di cibi che contengono molti liquidi come, per esempio, i pomodori, i cetrioli e gli spinaci.

Fare stretching

Non importa se siete degli sportivi o meno: fa sempre bene stirare i muscoli almeno una volta al giorno, poiché in questo modo riuscirete a prevenire i crampi notturni e i dolori muscolari in generale. Vi consigliamo di seguire una routine di stretching prima di andare a dormire, ma sempre tenendo in considerazione i vostri limiti fisici.

  • Sedetevi sul letto, stendete le gambe e scendete con il busto. L’obiettivo è toccare la punta dei piedi con le mani, o almeno arrivare il più vicino possibile.
  • Un altro esercizio che può esservi molto utile si realizza stando in piedi. Mettete la gamba destra sopra il letto e tenete quella sinistra ben tesa. Piegate il busto in direzione del piede destro e poi ripetete lo stesso esercizio con l’altra gamba.

Fare più attività fisica

lo stretching aiuta a prevenire i crampi muscolari

Anche se si tratta di una semplice camminata al parco o di una passeggiata per strada con il vostro cane, può bastare per evitare i crampi. Anche andare in bicicletta, fare una camminata veloce o praticare yoga possono essere attività molto utili.

In questo modo, i muscoli si manterranno più forti e si muoveranno di più. Non dimenticatevi di fare stretching dopo aver svolto attività fisica e, se possibile, aumentate gradualmente l’intensità della stessa.

Seguire un’alimentazione corretta

l'attività fisica è fondamentale per prevenire i crampi

La nutrizione è alla base della salute. Per questo motivo, se mangiate bene, correrete un rischio minore di soffrire di spasmi muscolari. Scegliete cibi che siano ricchi di potassio (come le banane) e di magnesio (i semi sono una fonte molto ricca di questo nutriente) per evitare il dolore durante la notte.

Dovreste anche assumere più alimenti sani, come frutta, verdura e frutta secca, e dimenticarvi delle farine raffinate, dello zucchero e dei cibi fritti.

Vi consigliamo di leggere anche: 4 sintomi che indicano una carenza di potassio

Usare le calzature giuste

la nutrizione è alla base della salute

Molto spesso i crampi ci colpiscono perché camminiamo nel modo sbagliato. Per esempio, le donne che trascorrono molte ore sui tacchi o chi non usa calzature giuste per l’attività fisica. Cercate sempre di indossare scarpe che vi permettano di appoggiare bene la pianta dei piedi e che non sforzino troppo il polpaccio.

Evitate di usare le zeppe, le scarpe pesanti o quella dalla suola troppo sottile. Inoltre, è meglio scegliere scarpe chiuse o che, almeno, fascino bene il piede e gli impediscano di spostarsi quando si cammina.

Fate attenzione anche ai calzini. Se sono troppo stretti, vi bloccheranno la circolazione sanguigna e stringeranno troppo intorno ai muscoli, il che aumenta il rischio di soffrire di crampi.

Immagine di copertina per gentile concessione di © wikiHow.com

  • Lawrence E. Armstrong; Douglas J. Casa; Mindy Millard-Stafford; Daniel S. Moran; Scott W. Pyne; Wiliam O. Roberts. 2007. Complicaciones por calor asociadas al esfuerzo durante el entrenamiento y la competencia. Medicine & Science in Sports & Exercise. https://www.acsm.org/docs/default-source/default-document-library/acsm-positions-and-policy/translated-position-stands/spanish/s_exertional_heat_2007.pdf?sfvrsn=5e21998a_2
  • Maquirriain, J., & Merello, M. (2007). El deportista con calambres musculares: enfoque clínico. Journal of the American Academy of Orthopaedic Surgeons (Edición en español). http://www.aaot.org.ar/revista/2005/n4_vol70/art13.pdf
  • Iglesias Rosado, C., Villarino Marín, A. L., Martínez, J. A., Cabrerizo, L., Gargallo, M., Lorenzo, H., Quiles, J., Planas, M., Polanco, I., Romero de Ávila, D., Russolillo, J., Farré, R., Moreno Villares, J. M., Riobó, P., & Salas-Salvadó, J. (2011). Importancia del agua en la hidratación de la población española: documento FESNAD 2010. Nutrición Hospitalaria, 26(1), 27-36. Recuperado en 09 de diciembre de 2020, de http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0212-16112011000100003&lng=es&tlng=es.
  • Calambre muscular. Mayo Clinic. https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/muscle-cramp/symptoms-causes/syc-20350820
  • Alimentación sana. 2018. Organización Mundial de la Salud. https://www.who.int/es/news-room/fact-sheets/detail/healthy-diet