Pulire i reni in una settimana

· 4 settembre 2014
Oltre a prendervi cura della vostra alimentazione, per stare meglio ed essere più vitali è fondamentale che manteniate al caldo la zona dei reni.

I reni sono gli organi responsabili di pulire il sangue dalle sostanze potenzialmente pericolose attraverso l’urina; tra le tante funzioni, inoltre, regolano la quantità di liquidi all’interno del corpo. Sono organi vitali, vale a dire, fondamentali per la vita, per questo motivo bisogna prendersene cura.

In questo articolo vi spiegheremo come pulire i reni in modo semplice e naturale, depurandoli in una settimana. Potete realizzare questa pulizia una o due volte all’anno.

Alcune raccomandazioni

Durante la settimana di pulizia dei reni, cercate di non consumare i seguenti alimenti:

Se state assumendo farmaci, assicuratevi di consultare prima il vostro medico curante perché potrebbero esserci delle controindicazioni. L’ideale è effettuare la pulizia dei reni quando non state assumendo farmaci.

Infuso di coda cavallina (equiseto) e buccia d’ananas

Preparate tutti i giorni un litro di infuso di equiseto (o coda cavallina) e buccia d’ananas, quest’ultima va lavata e tagliata a pezzetti prima di essere messa in infusione. La coda cavallina deve bollire 10 minuti e riposare altri 5 minuti, mentre la buccia d’ananas deve bollire 20 minuti e riposare altri 10 minuti circa. Potete preparare i due infusi separatamente oppure insieme, rispettando però i tempi di cottura dei due ingredienti.

Ananas

Una volta intiepidito, se desiderate, potete dolcificare l’infuso con un po’ di stevia.

Dovete bere l’infuso durante l’arco della giornata, entro sera per evitare di andare in bagno durante la notte e sempre lontano dai pasti.

Questo infuso è ricco di minerali come il silicio e vi aiuterà ad eliminare i liquidi in eccesso, oltre a ridurre l’infiammazione dei reni.

Se solitamente avete problemi di infezioni urinarie, aggiungete all’infuso anche dell’uva ursina.

L’alimentazione indicata per la pulizia dei reni

Dovete fare molta attenzione all’alimentazione ed essere scrupolosi nel seguire questi consigli per ottenere i benefici desiderati. Prima e dopo la pulizia, cercate di curare la vostra dieta per evitare al vostro organismo un cambiamento troppo brusco e radicale.

Colazione

A colazione potete optare per un frullato di frutta e una bevanda vegetale, come il latte d’avena o di riso, oppure qualche fetta di pane integrale tostato con tahin (cioè pasta di semi di sesamo pestati), avocado, frittata o condite con aglio e olio.

Frullato-Foodmayhemcom

Pranzo

Il pranzo prevede brodo di cipolla tutti i giorni. Potete prepararlo facendo bollire una cipolla ogni mezzo litro d’acqua. Come condimento, potete usare un po’ di prezzemolo, limone e un pizzico di sale marino e peperoncino di Cayenna. (per avere maggiori informazioni a riguardo, cliccate qui).

Come secondo, scegliete una delle seguenti opzioni, alternandole di giorno in giorno:

  • Riso integrale e legumi
  • Carne bianca e insalata
  • Pesce e verdure alla piastra
  • Cereali (miglio, quinoa, avena) con il pesto (basilico fresco, pinoli o noci, aglio, olio e un pizzico di sale marino, il tutto ben pestato e macinato)
  • Frittata e salsa di guacamole con gallette di riso o mais
  • Pasta integrale con funghi e piselli
  • Insalata a base di pomodoro, rucola, avocado, cetriolo, frutta secca, mais, olive e uovo sodo con fette biscottate integrali.

Zuppa-di-cipolle-lablascovegmenu1

Cena

La cena prevede ogni giorno una vellutata o crema di verdure (a base di cavolo, porro, carote, zucca, zucchine, cipolla, etc.) a cui potete aggiungere un cucchiaio di curcuma in polvere o un cucchiaio di fiocchi d’avena in cottura.

Come dessert, una mela cotta al forno con frutta secca.

Tra un pasto e l’altro

Se avete fame a metà mattina o a metà pomeriggio, mangiate un frutto oppure della frutta secca (datteri, prugne, albicocche, etc.).

Bere acqua è fondamentale

È importante bere durante tutto l’arco della giornata, lontano dai pasti, secondo le vostre necessità, il vostro ritmo di vita o in base al periodo dell’anno, etc. Dovete mantenere il vostro corpo ben idratato, senza, però, abusare dell’acqua. Se, per esempio, i reni sono infiammati e non andate al bagno con la solita frequenza, è meglio non abusare dei liquidi fino a quando non starete meglio.

È particolarmente importante bere acqua tiepida a digiuno per mettere in funzione l’organismo.

Bisogna tenere i reni al caldo

Assieme al fegato, i reni sono gli unici organi che traggono beneficio dal calore diretto, in quanto tendono a raffreddarsi. Esiste, inoltre, una relazione tra i reni e i nostri livelli di energia, quindi il calore diretto non farà altro che aumentare il nostro benessere e la nostra vitalità.

Per mezz’ora al giorno potete riscaldare i vostri reni utilizzando un cuscino termico o una borsa dell’acqua calda, ricorrendo alla pratica della moxibustione, effettuando una massaggio sulla zona corrispondente oppure, semplicemente, coprendola con una coperta di lana. Tenete presenti questi suggerimenti, vi saranno utili soprattutto nei periodi più freddi dell’anno.

Immagini per gentile concessione di Foodmayhemcom e lablascovegmenu.

Guarda anche