Pulire l’acquario in modo semplice

28 Dicembre 2020
Se pensate che il modo migliore per pulire l'acquario sia togliere tutta l'acqua e lavarlo con sapone o detersivo, sappiate che non è la procedura corretta.

È molto importante mantenere pulito l’acquario per garantire la salute e il benessere dei suoi piccoli nuotatori. Se non sapete ancora come pulire l’acquario, prendete nota dei consigli che presentiamo nelle righe che seguono.

Come pulire l’acquario

I pesci sono animali molto sensibili, quindi è importante assicurarsi che l’acquario sia sempre pulito. Ciò nonostante, bisogna farlo nel giusto modo per evitare seri problemi di salute ai pesci. Vi invitiamo a scoprire alcuni consigli su come pulire l’acquario in modo semplice e corretto.

Non usare il sapone

Prodotti per la pulizia non adatti per pulire lo acquario.
Evitate l’uso di prodotti per la pulizia con sostanze a causa del contenuto tossico che può rimanere residuo.

È meglio non usare sapone, detersivi per stoviglie o altri prodotti per la pulizia che si hanno in casa. Questi potrebbero lasciare residui chimici che possono risultare fatali per i piccoli abitanti dell’acquario.

Vi raccomandiamo di leggere: Pulire e disinfettare la casa: ecco come fare

Usare un raschietto

Alghe e muschi, di solito di colore verdastro, possono depositarsi sulle pareti o sugli oggetti dell’acquario. I microrganismi e i batteri possono concentrarsi su di essi, quindi è necessario pulirli con un raschietto e una spazzola almeno una volta alla settimana. Ma ricordate di non usare sapone o prodotti per la pulizia.

Pesci pulitori

Pesci pulitori per la pulizia dell'acquario.
Alcuni pesci si nutrono delle alghe e dei microrganismi che si depositano sulle pareti dell’acquario.

Probabilmente sapete già che esistono dei pesci pulitori. Si tratta di specie specifiche che si nutrono di rifiuti e sporcizia, quindi mantengono l’acquario pulito in modo naturale ed ecologico. Ciò nonostante, bisogna tenere in considerazione due aspetti riguardo a questi pesci:

  • La presenza di pesci pulitori in un acquario non significa che non si debba mai pulirlo. Sebbene aiutino a mantenerlo pulito, producono escrementi e rifiuti.
  • Doveste assicurarvi che i pesci pulitori che introducete siano compatibili con le specie già presenti nell’acquario.

Pulire il filtro

Se avete l’acquario è dotato di filtro, dovrete pulirlo a fondo almeno ogni quindici giorni. I centri specializzati vi daranno le dovute istruzioni e vi forniranno gli strumenti e gli utensili appropriati per la sua pulizia. Ricordate che dovete pulirlo accuratamente, preferibilmente non insieme al resto dell’acquario.

Come pulire l’acquario passo dopo passo

Pulire un acquario passo a passo.
Per pulire l’acquario non è necessario eliminare completamente l’acqua. Basta toglierne tre quarti.

Molte persone credono erroneamente che per pulire l’acquario si debbano togliere i pesci, svuotarlo completamente e poi lavarlo con acqua e sapone. Niente di più sbagliato!

L’acqua va cambiata ogni due o tre giorni, ma non è necessario svuotare del tutto l’acquario, basta cambiare solo circa tre quarti dell’acqua.

Insistiamo sul fatto che l’uso del sapone può sempre lasciare tracce che potrebbero essere tossiche e letali per i nostri piccoli nuotatori. Meglio ricorrere a prodotti naturali, come l’aceto.

Vi potrebbe interessare leggere: I benefici di avere un animale in casa

Passaggi da seguire per pulire l’acquario

  • Rimuovete tutti gli accessori (pietre, piante, ornamenti) dall’acquario e puliteli con abbondante acqua corrente. Se necessario, utilizzare un raschietto o una spazzola. Puliteli bene fino a quando l’acqua non esce pulita.
  • Versate l’acqua contenuta nell’acquario assieme ai pesci in un altro contenitore. Per questa operazione, usate un contenitore che non contenga tracce di sapone o detersivo. Trasferite, quindi, l’acqua e i pesci.
  • Raschiate le pareti dell’acquario facendo attenzione a rimuovere tutte le eventuali tracce di alghe o detriti incrostanti.
  • In seguito, pulite con un po’ di aceto e un panno. Dopo aver pulito a fondo l’acquario, rimuovete ogni traccia di aceto con abbondante acqua corrente. Dopodiché, Lasciate asciugare bene.
  • Rimettete i pesci nella vasca, ma solo con una parte dell’acqua (sufficiente per muoversi).
  • In un altro contenitore, aggiungere l’acqua nuova necessaria per riempire l’acquario. È giunto il momento di trattarla con prodotti specifici che la rendano adatta ai pesci; sono privi di cloro o altre sostanze chimiche nocive.
  • Seguite le istruzioni sul kit di trattamento dell’acqua e poi, assicurandovi che abbia raggiunto la stessa temperatura dell’acqua dove si trovano i pesci, aggiungetela all’acquario.

Conclusioni

Pulire l’acquario non è difficile e non bisogna cambiare tutta l’acqua, in quanto ciò causerebbe un trama per i pesci. Basta cambiare circa 3/4 e assicurarsi che tutti gli accessori e le pareti dell’acquario siano puliti e privi di alghe.

Infine, ricordate: non usate mai sapone o prodotti per la pulizia classici, perché potrebbero essere molto pericolosi per i vostri animali. Soprattutto, tenete presente che un acquario ben pulito è una garanzia per la salute dei vostri pesci.

  • Gómez, I. (2015). Así le afecta el cloro a nuestros peces. Retrieved May 17, 2019, from https://www.depeces.com/asi-le-afecta-el-cloro-nuestros-peces.html
  • García, F. M. (2018). 6 mascotas para niños que llevan poco trabajo. Retrieved May 17, 2019, from https://eresmama.com/6-mascotas-para-ninos-poco-trabajo/