Quali sono i rischi della rimozione di un tatuaggio con il laser?

Oggi, migliaia di persone decidono di cancellare i tatuaggi con il laser. C'è anche chi usa la tecnologia laser per eliminare i disegni che non vuole più sfoggiare sulla propria pelle. È possibile cancellare i tatuaggi senza essere in pericolo?
Quali sono i rischi della rimozione di un tatuaggio con il laser?

Ultimo aggiornamento: 19 luglio, 2022

L’incisione della pelle con l’inchiostro “dura per sempre”. Questo concetto ormai è diventato obsoleto, perché ora è possibile realizzare la rimozione di un tatuaggio con il laser. Il processo non è così semplice, ma la tecnica promette efficacia.

Un tatuaggio prevede l’introduzione di coloranti sotto l’epidermide attraverso un ago. Chi decide di intervenire sulla pelle con quest’arte lo fa considerando che è per sempre.

Tuttavia, oggi molta gente decide di rimuovere o coprire i tatuaggi, utilizzando tecnologie poco invasive e indolori. Sebbene ci sia un’alternativa, è importante essere consapevoli dei potenziali pericoli di sottoporsi a sessioni di energia pulsata ad alta intensità.

Come si cancella un tatuaggio con il laser?

Un articolo su Chirurgia Plastica Ibero-latinoamericana evidenzia che cancellare un tatuaggio con il laser è un grande passo verso il raggiungimento di risultati estetici, con un minimo di effetti collaterali.

A tal fine devono essere utilizzati dispositivi approvati dalla Food and Drug Administration (FDA). I moderni dispositivi agiscono con emissione di impulsi in picosecondi e nanosecondi, frazionando il pigmento mediante fotoacustica, in modo che l’organismo rilasci l’inchiostro.

Tuttavia, è il colore del tatuaggio che definisce il tipo di laser da utilizzare. Secondo la rivista citata, alternative ai laser a impulsi ultracorti sono i laser Q-Switch, nelle loro varianti “rubino”, “alessandrite” e “Nd-YAG”.

La classificazione si basa sull’intensità, poiché le sfumature dell’inchiostro assorbono la luce a diverse lunghezze d’onda. A volte, è obbligatorio utilizzare più di un tipo di dispositivo, poiché ci sono pigmenti molto complicati da cancellare.

Tatuaggio colorato da rimuovere dalla pelle.
I tatuaggi colorati sono più difficili da rimuovere con la tecnica laser.

Quante sessioni sono necessarie per rimuovere un tatuaggio con il laser?

Alcune persone riescono a cancellare i loro tatuaggi in 2 sessioni; altri richiedono più tempo. Il numero di visite dal dermatologo per cancellare un tatuaggio è condizionato dai seguenti aspetti:

  • Colore.
  • Dimensione.
  • Posizione.
  • Antichità del tatuaggio.
  • Tonalità della pelle.
  • Incisione amatoriale o professionale.

Anche il fumo influisce sulla procedura, come indica una pubblicazione sul Wall Street Journal. L’argomento è che il fumo ostacola la guarigione delle ferite.

Da parte sua, l’Accademia Spagnola di Dermatologia e Venereologia raccomanda che trascorrano dalle 6 alle 8 settimane tra le sessioni, in modo che il corpo abbia il tempo di liberarsi del pigmento e recuperare la pelle.

La pazienza è essenziale. Soprattutto perché ogni parte del corpo reagisce in modo diverso.

Quello che succede è che le cellule che combattono gli elementi estranei si concentrano in punti specifici, come l’inguine, le ascelle e il collo. Quando l’incisione è lontana da dette parti, rimuoverla è più difficile.

Rischi durante la rimozione di un tatuaggio con il laser

La procedura è delicata, ma sicura se eseguita da un professionista con l’attrezzatura adeguata. Se avete intenzione di utilizzare il laser per rimuovere un tatuaggio, ecco i possibili rischi ai quali sarete esposti.

Strumenti inadeguati

Molti centri estetici offrono il servizio di rimozione dei tatuaggi. Ma è essenziale che questo lavoro venga svolto da un professionista. Il dermatologo è il principale responsabile della manipolazione dei macchinari e della conoscenza dettagliata della tecnologia.

Sia l’esperienza del medico che gli strumenti a sua disposizione sono fondamentali per il successo della cancellazione. Forse l’immagine richiede diversi laser; di più se è multicolore. Sarà l’esperienza dello specialista e la padronanza degli strumenti a garantire ottimi risultati.

Dolore

La maggior parte delle persone non prova dolore, ma ciò dipende dalla tolleranza alle pulsazioni. Il trattamento è regolato a un livello confortevole per il paziente.

Le testimonianze di coloro che hanno già sbiadito i loro tatuaggi stabiliscono una somiglianza tra il dolore e gli schizzi di grasso bollente o le forature con un elastico, come cita un testo pubblicato dalla FDA.

Per ridurre l’intensità, è possibile applicare una crema anestetica un’ora prima del trattamento e fornire aria fredda durante le emissioni luminose.

Cicatrici

Un errore nella tecnica avrebbe come conseguenze cicatrici o fibrosi. C’è anche il rischio di subire un’ustione, un’infezione o cambiamenti nella struttura della pelle. Tutto ciò ha a che fare con il sistema immunitario, poiché influenza la velocità o la lentezza della guarigione.

A tal proposito, la rivista Faculty of Medicine spiega che il processo di guarigione risponde all’azione cellulare che stimola la crescita, la riparazione e il rimodellamento del tessuto, al fine di ripristinarne le caratteristiche.

Cicatrice cheloide dopo la rimozione del tatuaggio laser.
Le persone con tendenza alla formazione di cheloidi saranno esposte a un rischio maggiore di sviluppare cicatrici.

Prurito, vesciche e orticaria

Ricordate che lo scopo della luce emessa è quello di sradicare le particelle di inchiostro impregnate nell’epidermide. La potenza rilasciata dal laser tende a provocare reazioni:

  • Sensibilità della pelle in generale.
  • Arrossamento.
  • Gonfiore
  • Vesciche.
  • Orticaria.
  • Prurito.

Si consiglia di lasciare che la condizione guarisca da sola per evitare effetti più gravi. Se il disagio non viene alleviato, il medico è l’unico autorizzato a prescrivere farmaci.

Alterazione della pigmentazione della pelle

L’iperpigmentazione o l’ipopigmentazione, cioè l’oscuramento o l’alleggerimento della pelle, è un altro rischio della rimozione del tatuaggio con la tecnologia laser.

Questi cambiamenti nella carnagione trattata sono rari. Se si verificano, sono reversibili in un periodo inferiore a 1 anno dal completamento della procedura.

Per precauzione, prima delle sedute per cancellare un tatuaggio sulla pelle abbronzata, si consiglia di applicare la protezione solare; per almeno 30 giorni prima del trattamento. Successivamente è necessario proteggere rigorosamente l’area in modo che i raggi solari non la raggiungano ; altrimenti non guarirà correttamente.

Rimedi poco raccomandati per rimuovere un tatuaggio

La FDA non autorizza creme o unguenti per rimuovere i tatuaggi, non essendo a conoscenza di studi clinici che ne dimostrino l’efficacia. L’uso di unguenti può causare reazioni cutanee impreviste.

Recentemente hanno immesso sul mercato un sistema di micropigmentazione che inietta  una sostanza a base di acido lattico sul disegno. Si ritiene che questo metodo causi infiammazione e che l’inchiostro rimanga intrappolato formando una crosta. Tuttavia, non ci sono ricerche a lungo termine su questo.

Infine, non dimenticate che sono i dermatologi a realizzare la rimozione di un tatuaggio con il laser. È possibile trovare centri autorizzati e naturalmente affidabili. In questo caso verificate che siano in possesso della relativa autorizzazione sanitaria e che il tecnico dimostri certificazione e competenza.

Potrebbe interessarti ...
Quali sono i rischi nell’utilizzo dell’henné nero?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Quali sono i rischi nell’utilizzo dell’henné nero?

Dopo un tatuaggio temporaneo con l'henné nero, i primi segni di reazione allergica includono prurito, bruciore, arrossamento e gonfiore.