Quanti tipi di identità di genere esistono?

Esistono molti tipi di identità di genere. In questo articolo ne presentiamo 10 e ne spieghiamo le caratteristiche.
Quanti tipi di identità di genere esistono?

Ultimo aggiornamento: 09 agosto, 2022

L’essere umano comprende meglio le idee e i concetti quando li assimila attraverso delle etichette. In alcuni casi le etichette possono essere limitanti, mentre in altri sono molto pratiche. L’esempio più calzante possiamo trovarlo nei tipi di identità di genere, che oggi sono decine e decine e che sono diventati popolari soprattutto negli ultimi anni.

Oggi parleremo dei tipi più comuni di identità di genere, delle loro caratteristiche e di alcune alternative per nominarli. Per questo abbiamo scelto la definizione generale, dal momento che non è raro che queste vengano utilizzate con certe sfumature dai suoi membri. Inoltre, esprimeremo alcune idee e faremo delle riflessioni per comprenderle meglio.

Differenza tra genere e sesso

Prima di passare in rassegna i tipi più comuni di identità di genere, dobbiamo prima chiarire la differenza tra sesso e genere. Per sesso si intende una serie di tratti fisici, biologici, genetici e ormonali che caratterizzano una persona. Il genere è il modo in cui le persone si identificano dal punto di vista psicologico e come lo esprimono all’esterno.

Una persona potrebbe non riuscire ad identificarsi psicologicamente nella dicotomia maschile/femminile. A loro volta, i tratti fisici o biologici di una persona possono differire l’uno dall’altro (come con l’intersessualità).

È bene chiarire anche la differenza tra identità di genere ed espressione di genere. Nel primo caso si fa riferimento alla percezione personale che si ha del proprio genere. Nel secondo caso, a come si manifesta esternamente nella società.

I tipi di identità di genere non sono necessariamente correlati all’orientamento sessuale. Quest’ultimo termine viene usato per descrivere l’attrazione fisica o emotiva verso membri dello stesso o diverso genere (eterosessualità, omosessualità, bisessualità, pansessualità e altri).

Tipi di identità di genere

L’etichetta di identità di genere è stata coniata dallo psichiatra americano Robert Stoller nel 1964. Questa idea è mutata nel corso della storia, al punto che si è parlato di disturbo dell’identità di genere o disforia di genere come sinonimo o concetto più completo.

In ogni caso, entrambi i termini sono usati solo in medicina, quindi i membri della comunità LGBT+ preferiscono il termine identità di genere. Poiché ci sono pregiudizi intorno ai tipi, in parte sviluppati dall’ignoranza, vi presentiamo i più accettati e conosciuti.

1. Cisgender

Cisgender è un termine usato per descrivere coloro la cui identità di genere corrisponde al sesso loro assegnato alla nascita. Altra definizione di questa etichetta è la corrispondenza che esiste tra identità di genere rispetto al fenotipo sessuale. Il termine è stato coniato dallo psichiatra tedesco Volkmar Sigusch.

Come abbiamo spiegato, l’identità di genere non è correlata all’orientamento sessuale. Pertanto, una persona gay, lesbica o bisessuale può essere cisgender nella misura in cui la sua identità corrisponde al sesso assegnato alla nascita. Cioè, si identificano come un uomo o una donna indipendentemente dalle loro preferenze sessuali o romantiche.

2. Transgender

Tipi di identità di genere e transessualità
Per fortuna, oggi molte persone transgender possono effettuare la transizione in sicurezza.

Transgender è un concetto opposto al precedente. Cis è un prefisso latino che significa “da questa parte” o “qui. Trans si traduce “dall’altra parte” o “oltre”. Pertanto, un transgender è qualcuno che non si identifica con il sesso assegnatogli alla nascita. In altre parole, la sua identità non coincide con il fenotipo sessuale.

Come nel caso precedente, questa percezione non è correlata all’orientamento sessuale. Un transgender può essere eterosessuale, bisessuale, omosessuale o asessuale; può anche fare a meno di queste etichette. Coloro che sono passati al sesso che corrisponde al loro genere sono spesso indicati come transessuali. Ma molti membri della comunità rifiutano questo termine.

3. Intersessuale

È molto comune che la parola intersex venga confusa con transgender e viceversa. Alcuni non considerano l’intersessualità come parte dei tipi di identità di genere, mentre altri lo fanno. Fatta eccezione per le controversie, un intersessuale è una persona le cui caratteristiche fisiche, biologiche, ormonali o genetiche impediscono di essere classificata come maschio o femmina.

Non è una condizione unica, ma raggruppa decine di manifestazioni con alcune caratteristiche in comune. Ad esempio, l’intersessualità delle gonadi. Questa è caratterizzata da individui che hanno sia il tessuto ovarico che quello testicolare dalla nascita. Le persone intersessuali possono avere genitali ambigui o mantenere una discrepanza tra loro e gli organi interni.

4. Queer

Queer è un neologismo che riunisce tutte quelle persone che non si sentono identificate con le idee della società riguardo al genere e alla sessualità. La definizione è mutata nel corso della storia, poiché all’inizio questa parola era usata in modo negativo per descrivere tutti gli omosessuali.

Oggi è associata a un forte impegno politico, o almeno a un impegno che cerca di cambiare i preconcetti della società. In ogni caso, i queer non si descrivono come maschi o femmine, ma neanche come una combinazione tra questi due generi.

5. Gender fluid

Gender fluid è un altro tipo di identità di genere che spesso comporta confusione. Una persona che si identifica come gender fluid passa attraverso transizioni temporanee, sporadiche o permanenti attraverso generi diversi.

Il numero di generi con cui si identifica varia a seconda dei casi. È possibile attenersi al binario maschio/femmina o, al contrario, esplorare altre possibilità. Il passaggio può essere effettuato senza un motivo specifico o al contrario a seconda degli stati d’animo o dell’interazione con l’ambiente.

6. Genderless

Un’etichetta che è diventata popolare negli ultimi anni è quella dei genderless agender . Essa designa tutti coloro che non si identificano con nessun genere particolare. Alcuni si definiscono gender neutral, gender white o gender free.

È importante sottolineare che non ha nulla a che fare con l’essere asessuale. Come abbiamo già spiegato più volte, i tipi di identità di genere non corrispondono all’attrazione sessuale. Esistono generi asessuati? Sì, naturalmente. Come gli asessuali binari o transgender asessuati. Tuttavia, non tutti sono classificati come tali.

7. Bigenere

Un termine che spesso viene confuso con la bisessualità, anche se, come fanno notare alcuni esperti, la distinzione è sufficiente per considerarli concetti diversi. Un bigenere è a suo agio sia come uomo che come donna.

In questo senso è possibile percepirsi come uomo, come donna o come entrambi con l’interdipendenza del sesso assegnato alla nascita. In altre parole, significa identificarsi con due generi.

8. Intergender

Molto simile al caso precedente, troviamo l’etichetta intergender. Come altri tipi di identità di genere, le differenze sono poche ma sufficienti per distinguere tra due concetti separati. Come indica il termine, intergender definisce coloro che non si sentono né uomini né donne, ma in una fase intermedia tra i due.

Possono cioè manifestare comportamenti, idee e modi di agire comunemente associati a uomini e donne, senza sentirsi a loro volta identificati con uno in particolare. Molte persone intersessuali usano questa etichetta, anche se troviamo migliaia che non lo sono e che simpatizzano con l’idea.

9. Terzo genere

I tipi di identità di genere includono il terzo genere
Molte persone che non si sentono a proprio agio nell’identificarsi con la tradizionale dicotomia dell’identità sessuale. Solo così possiamo comprendere il terzo genere.

Il terzo genere è un’etichetta dai molteplici significati. Alcuni Stati lo includono come alternativa legale durante lo svolgimento di una procedura legale, altri lo utilizzano per includere tutti i tipi di identità di genere. Allo stesso modo, c’è chi la usa per descrivere uno stato indefinito tra uomo e donna (in linea con gli intergender), sebbene anche come una categoria lontana da queste.

In questo senso, e vista la terminologia che fa riferimento ad una terza opzione, molti preferiscono usare quest’ultima definizione. Sebbene sia un concetto diventato popolare negli ultimi tempi, decine di civiltà nel corso della storia hanno riconosciuto un terzo genere indipendente dall’uomo e dalla donna.

10. Pangender

Infine, troviamo chi preferisce l’etichetta di pangender. Il prefisso greco pan indica un insieme, un tutto. Coloro che si identificano come pangender presumono che il loro genere comprenda tutti i generi, il che è immutabile e statico.

Questo nel senso stretto del termine, dal momento che alcuni che si definiscono tali possono passare attraverso episodi in cui vagano per generi specifici. La maggior parte delle persone che usano questa terminologia raccolgono l’intero spettro dei generi e li assumono nella loro vita.

Speriamo vivamente che questo articolo serva a chiarire questi concetti. La differenza è spesso sottile e la mancanza di consenso nella comunità non aiuta a risolvere il problema, ma per fortuna si possono sempre trovare degli elementi differenziali per distinguere tra i vari tipi di identità di genere.

Potrebbe interessarti ...
Prospettiva di genere: perché applicarla alla salute?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Prospettiva di genere: perché applicarla alla salute?

La prospettiva di genere consente di comprendere come gli stereotipi e i ruoli di genere influenzino la qualità della vita.



  • Blechner, M. J. Bigenderism and bisexuality. Contemporary Psychoanalysis. 2015; 51(3): 503-522.
  • Horn, S. S. Sexual Orientation and Gender Identity‐Based Prejudice. Child Development Perspectives. 2019; 13(1): 21-27.
  • Koh, J. The history of the concept of gender identity disorder. Seishin shinkeigaku zasshi= Psychiatria et neurologia Japonica. 2012; 114(6): 673-680.