Realizzare dischetti struccanti riutilizzabili

Struccarsi è un passaggio essenziale nella routine di cura del viso. Un'alternativa ecologica per rimuovere il trucco dal viso sono i dischetti struccanti riutilizzabili. Come possiamo realizzarli?
Realizzare dischetti struccanti riutilizzabili

Ultimo aggiornamento: 12 luglio, 2021

L’utilizzo di dischetti o salviette usa e getta provoca l’accumulo di residui che contribuiscono all’inquinamento ambientale. Realizzare dischetti struccanti riutilizzabili è un’ottima idea, in quanto prodotti sostenibili e rispettosi dell’ambiente.

In particolare, rappresentano perfettamente la “legge delle 3R”, ovvero ridurre, riutilizzare e riciclare. Non solo contribuirete a ridurre l’impatto ambientale, ma vi prenderete anche cura della pelle senza spendere in prodotti monouso. Volete saperne di più? Continuate a leggere!

Perché realizzare dischetti struccanti riutilizzabili?

Includere prodotti sostenibili nella propria routine di bellezza offre vantaggi interessanti. In primo luogo, rappresentano un’alternativa ecologica, poiché non generano tanto inquinamento quanto quelli usa e getta.

Oltre a ciò, faranno risparmiare e miglioreranno la cura della pelle. Vediamo nel dettaglio perché realizzare dischetti struccanti riutilizzabili.

Rimozione del trucco

Per la routine di pulizia serale, l’uso del solo sapone per il viso non sarà sufficiente per rimuovere completamente il trucco.

Prima di tutto, l’ideale è rimuovere il trucco in eccesso con l’aiuto di dischetti riutilizzabili. Sono perfetti per rimuovere mascara, rossetto e altri prodotti cosmetici. Basta inumidirli con dell’acqua micellare.

Struccarsi dischi di cotone.
Una volta inumiditi con un po’ di acqua micellare o latte detergente, questi dischetti sono l’ideale per la pulizia serale del viso.

Sono raccomandati dai cosmetologi

Le salviette struccanti sono state in voga per anni. Tuttavia, nel tempo, i dischetti sono diventati l’opzione preferita. Alcuni cosmetologi li consigliano, in quanto delicati, non irritano la pelle e contribuiscono alla pulizia profonda del viso. 

Eco-friendly

In un mese, si utilizzano circa 60 dischetti di cotone usa e getta, che vengono buttati e si convertono in spazzatura subito dopo l’uso. Al contrario, i dischetti struccanti riutilizzabili proteggono l’ambiente per i seguenti motivi:

  • Poiché sono riutilizzabili, hanno una lunga vita utile, riducendo quindi il volume dei rifiuti.
  • Il riutilizzo creativo di vecchi vestiti o asciugamani per realizzare dischetti struccanti, consente di riciclare e dare nuova vita a materiali che altrimenti sarebbero finiti nella spazzatura. In questo modo, viene concessa essi una seconda possibilità.

Sono economici

Se rimuovete il trucco dal viso con i dischetti usa e getta, probabilmente utilizzerete 2-4 dischetti al giorno. In cifre, questa abitudine rappresenta un consumo annuale di circa 730-1460 dischetti.

Sarà possibile riutilizzare più volte questi dischetti struccanti, per mesi o addirittura anni. Ciò eviterà la spesa costante per l’acquisto di dischetti usa e getta.

Per tutti i tipi di pelle

La loro morbidezza è ideale per pelli grasse, miste o secche. Inoltre, sono perfetti per la pulizia del viso e per quella del collo.

Facili da lavare

I dischetti riutilizzabili assorbono il trucco e le impurità, dunque bisogna lavarli dopo l’uso. Come fare? Molto semplice! Potete lavarli a mano con acqua e sapone, oppure metterli in un sacchetto di stoffa per il lavaggio in lavatrice.

Come realizzare dischetti struccanti riutilizzabili?

Realizzare i dischetti struccanti riutilizzabili è piuttosto semplice. Avete solo bisogno di alcuni materiali di base, che di solito sono facilmente reperibili in giro per casa.

  • Un pezzo di tessuto di flanella e spugna di cotone. 
  • Una penna o pennarello a punta fine.
  • Filo del colore preferito.
  • Un bicchiere, o un oggetto circolare rigido, da utilizzare come stampo per dare la forma al dischetto. La dimensione è a vostra scelta.
Dischetti struccanti tessuto.
È necessario lavare i dischetti dopo l’uso, poiché accumulano tracce di trucco e sporco.

Avete tutti i materiali? Se la risposta è sì, potete iniziare. La procedura da seguire è la seguente:

  • Posizionate il bicchiere o l’oggetto che avete deciso di utilizzare sopra il tessuto.
  • Con l’aiuto della penna, tracciate il contorno del cerchio. Il numero di cerchi che traccerete sul tessuto dipenderà da quanti dischetti vi servono durante la settimana per struccarvi.
  • Quindi, ritagliate i cerchi con le forbici.
  • Unite un cerchio di tessuto di flanella a un cerchio di spugna di cotone.
  • Infine, cucite l’intero bordo del cerchio per chiuderlo.
  • Riponete i dischetti in un contenitore di vetro, per mantenerli puliti e usarli quando volete.

Dischetti struccanti riutilizzabili: un’alternativa sostenibile

Ogni giorno vengano buttati più di nove milioni di salviette o dischetti usa e getta, dunque sostituire questi ultimi con dischetti riutilizzabili rappresenta una piccola azione che può tradursi in un grande risultato. Questo cambiamento può avere un impatto positivo sull’ambiente, sull’estetica e sul budget di ogni persona.

I dischetti struccanti riutilizzabili, sebbene abbiano una lunga vita utile, non durano per sempre. Ma in casa troverete sempre diversi tipi di tessuto che, nel tempo, smetterete di usare.

Proprio in queste situazioni, dovrete ricordarvi di applicare “la legge delle 3R” per realizzare questi dischetti, un’alternativa sostenibile che contribuisce alla riduzione dei rifiuti.

Potrebbe interessarti ...
8 consigli per una casa ecosostenibile
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
8 consigli per una casa ecosostenibile

Spesso commettiamo piccoli errori che non rendono la nostra casa ecosostenibile



  • Walters RM, Mao G, Gunn ET, Hornby S. Cleansing formulations that respect skin barrier integrity. Dermatol Res Pract. 2012;2012:495917. doi:10.1155/2012/495917
  • Draelos ZD. Facial skin care products and cosmetics. Clin Dermatol. 2014 Nov-Dec;32(6):809-12. doi: 10.1016/j.clindermatol.2014.02.020. Epub 2014 Oct 29. PMID: 25441474.
  • Cantarellas, V. Del caldo casero al Tacobell. Aproximación etnoarqueológica a la gestión de desechos domésticos. España: Universitat de les Illes Balears; 2019.
  • Chacon, M, Pacheco, A, Cendejas M, Ortega, F. Tendencia del crecimiento en la cultura del reciclaje. Revista de Ciencias Ambientales y Recursos Naturales. 2016; 2 (5): 63-72.
  • Lara, J. Reducir, reutilizar, reciclar. Elementos: Ciencia y cultura. 2008. 15 (69), 45-48.