Realizzare un vaso pensile per le piante

Decorare gli spazi interni ed esterni di casa non è mai stato così facile. Imparate a realizzare voi stessi un vaso pensile per le vostre piante!
Realizzare un vaso pensile per le piante

Ultimo aggiornamento: 17 maggio, 2021

Le piante sono un elemento che è sempre bene introdurre nella propria casa, perché portano vita e colore negli ambienti. Tuttavia, è importante disporre di un luogo adatto. Perché non realizzare un vaso pensile fai da te?

Per realizzare i vostri vasi, non avete bisogno di molti materiali né di grande esperienza. Al contrario, basteranno alcuni elementi riciclabili ai quali donare una nuova vita.

Realizzare un vaso pensile non richiede una spesa considerevole. Grazie ad alcuni materiali, potrete collocare i vostri vasi pensili in qualunque punto della casa, sia dentro che fuori.

Come realizzare un vaso pensile fai da te?

Creare un vaso pensile: vaso con una felce.
I vasi pensili possono essere disposti in diversi ambienti per abbellirli con le felci.

Realizzare un vaso pensile è un ottimo modo per dare libero sfogo alla propria creatività. Cercate in casa gli elementi che potete riciclare e mettetevi all’opera.

Materiali necessari

  • Recipienti da riciclare: barattoli di vetro, vasetti dello yogurt, contenitori di plastica, ecc.
  • Corda o cordino: cotone, nylon, canapa.
  • Piante.
  • Sabbia per il drenaggio delle piante.
  • Terra per i vasi.
  • Forbici.
  • 1 gancio.

Passaggi da seguire

  • Prendete la corda o il cordino e tagliatene 8 pezzi uguali. Possono avere una lunghezza compresa tra i 60 e gli 85 centimetri. Dipende dalle dimensioni del recipiente.
  • Annodate tutte le estremità della corda, fino a ottenere un grosso nodo in una delle basi.
  • Stendete le corde su una superficie piana e dividetele in 4 coppie.
  • Annodate ogni coppia a 7 centimetri dalla base.
  • Prendete le due estremità (destra e sinistra) e legatele per completare il cerchio.
  • Continuate ad annodare tra 5 e 10 centimetri al di sopra della prima fila di nodi. Ricordate che le distanze dipendono dalle dimensioni del contenitore.
  • Proseguite: annodate due fili appartenenti a file alterne, in modo che la seconda fila di nodi sia formata dalla coppia di fili opposti.
  • Non dimenticate di prendere le due estremità che avanzano e di annodarle dopo ogni fila, per completare il cerchio.
  • Se lo desiderate, potete aggiungere dei nodi supplementari.
  • Sul fondo del contenitore aggiungete uno strato di sabbia e poi uno strato di terra per vasi.
  • Introducete la pianta che avete scelto e finite di riempire con la terra.
  • Inserite nel pensile il recipiente con la pianta al suo interno. Tirate delicatamente in direzione verticale.
  • Realizzate un nodo finale all’altra estremità del pensile.
  • Aggiungete un gancio che vi consenta di appenderlo dove desiderate.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Vasi fai da te: idee e consigli

6 idee per realizzare portavasi pensili con materiali riciclati

Una volta che avete preso la decisione di provare a realizzarlo, vedrete che creare un vaso di questo tipo è molto semplice. Potete utilizzare qualunque genere di materiale. Per esempio, si tratta di un’opportunità perfetta per riciclare capi di abbigliamento, stoffe o articoli che non usate più.

Di seguito vi proponiamo quindi un elenco contenente alcune idee per realizzare portavasi pensili con materiali riciclati di cui forse non eravate a conoscenza. Per decorare la casa con piante pensili, scegliete il modello che vi piace di più o che si adatta maggiormente al vostro stile.

Vasi realizzati in materiali riciclati.
Per realizzare da soli i vasi pensili, potete riutilizzare lattine, barattoli e qualunque altro materiale presente in casa.

1. Portavasi realizzato con una vecchia maglietta

Si tratta di una opzione molto semplice, poiché prevede l’uso di materiali che abbiamo tutti in casa. Basterà scegliere una maglietta che non usate più e ottenere diverse strisce.

A partire dalle strisce, iniziare a praticare di nodi come nell’esempio illustrato in precedenza e… ecco fatto! Una buona idea potrebbe essere quella di unire strisce di colori differenti, in modo da ottenere un risultato molto più originale.

2. Fioriera pensile di legno e cordino

Se in casa avete un pezzo di tronco di legno, potete realizzare senza alcun problema una fioriera pensile. In questo caso, l’idea consiste nell’utilizzare il tronco come base e sostenerlo con una serie di cordini grazie ai quali sarà possibile appenderlo.

Praticate alcuni piccoli buchi in diverse zone del legno e introducete all’interno di ognuno di essi i cordini. Poi praticate un nodo nella parte inferiore. Appendete il vostro elemento e collocatevi sopra la pianta che preferite con il suo vaso.

3. Realizzare un portavasi pensile con un telaio da ricamo

Un altro oggetto che forse tenete in casa e per il quale non avete ancora trovato un impiego è il telaio da ricamo. L’unica cosa che dovete fare è cercare un telaio usato delle dimensioni desiderate e trovare una vaso che possa essere contenuto al suo interno.

L’idea è quella di incollare il vaso al telaio, per evitare che possa cadere. Una volta che avete eseguito questa operazione, introducete la pianta che desiderate e appendetelo. Si tratta di un elemento ornamentale delicato, in grado, però, di fare la differenza.

4. Fioriera pensile di pneumatici riciclati

Questa alternativa è una delle più consigliate per gli spazi esterni. Se il vostro cortile ha perso un po’ di vita oppure desiderate dargli un tocco di creatività, provate con questa fioriera fatta di pneumatici riciclati.

Scegliete quella vecchia pianta ormai dimenticata in un angolo e appendetela a un albero. Poi aggiungete le piante che desiderate. Inoltre, all’interno della pianta potete anche aggiungere qualche elemento ornamentale da esterni, che ne migliori notevolmente l’aspetto.

5. Vaso pensile con una strobosfera

Non tutti tengono in casa una vecchia strobosfera da discoteca, ma, se siete tra quelle poche persone fortunate, non potete trascurare la possibilità di creare un vaso pensile utilizzando questo elemento. Senza alcun dubbio, si tratta di un’idea adatta alle persone dallo stile audace.

Il procedimento consiste nel dividere in due parti la strobosfera. Una di queste parti fungerà da vaso: per legare i cordini, dovrete quindi praticare due buchi sui lati.

Una volta che avete fissato i cordini, appendete la vostra creazione e collocate al suo interno il tipo di pianta che preferite. Si tratta di un’idea molto creativa, utile per creare installazioni sia dentro che fuori di casa.

6. Realizzare un vaso pensile con un’asse di legno

Come ultima proposta, ma non meno importante delle altre, troviamo la possibilità di realizzare una fioriera pensile a partire da una lunga asse di legno. Se avete a vostra disposizione una tavoletta di questo tipo, potete utilizzarla come giardino pensile.

Tutto ciò che dovete fare è praticare un cerchio sul legno, corrispondente alle dimensioni del vaso della vostra pianta. Poi bisogna tagliare questa forma fino a ricavare un buco. Utilizzare un’asse lunga vi consente di ottenere diverse aperture, in ognuna delle quali potete inserire una pianta.

Poi assicuratevi di praticare due buchi alle estremità dei quali fissare i cordini, che vi serviranno per appendere la vostra creazione. Alla fine, potrete collocare questo vaso dove preferite.

Mettetevi all’opera

Creare un vaso pensile per le vostre piante è più facile di quanto pensate. Per dare vita a creazioni uniche e originali, non vi servono che un po’ di immaginazione, creatività e pazienza.

Riunite gli oggetti che potrebbero esservi utili e riciclateli. Fornire loro un nuovo impiego sarà fonte di grande piacere. In fin dei conti, si tratta di un’attività positiva per il pianeta e per la decorazione della vostra casa. Che cosa aspettate?

Potrebbe interessarti ...
Coltivare piante sul balcone: 10 consigli
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Coltivare piante sul balcone: 10 consigli

Sono sempre più le persone che decidono di coltivare piante sul balcone. All'inizio si commettono diversi errori, ma è possibile prevenirli.



  • Escuelas idea sana Eroski. La importancia de reciclar. Fundación EROSKI (2006).
  • Plantas L. Clasificación de las plantas. (2011).
  • Barrionuevo V, Planchuelo A, Fuentes E. Evaluación de plantas nativas para decorar nuestros jardines. Agro Sur (2006).
  • Cabrera R. Propiedades, uso y manejo de sustratos de cultivo para la producción de plantas en maceta. Revista Chapingo Serie Horticultura (1999).