Come riconoscere i sintomi di un’ulcera allo stomaco?

1 dicembre 2015
Oltre all'abuso di farmaci antinfiammatori, tenete presente che le ulcere allo stomaco possono essere la conseguenza di una componente genetica. Se è questo il vostro caso, dovete potenziare le precauzioni.

Milioni di persone in tutto il mondo soffrono di ulcere allo stomaco. Nella maggior parte dei casi, si tratta di un’infezione dovuta al batterio Helicobacter Pylori e non a causa del cibo o delle tensioni emotive, come spesso si pensa.

In questo articolo potrete scoprire come individuare i sintomi di un’ulcera allo stomaco e scegliere un trattamento adeguato.

Informazioni importanti sulle ulcere allo stomaco

Si tratta di una lesione della membrana che ricopre lo stomaco e la prima parte dell’intestino tenue (duodeno). Queste ferite possono presentarsi negli uomini e nelle donne in ugual misura. Il sintomo principale di questo problema è la sensazione di bruciore allo stomaco e nella zona dell’ombelico, pur non avendo mangiato nulla.

Leggete anche: Si può depurare lo stomaco?

Come riconoscere un’ulcera allo stomaco?

È bene riconoscere i sintomi di queste lesioni della membrana per poter poi ricorrere ad alcuni rimedi naturali. Fate molta attenzione in caso di:

Dolore all’addome

Dolore-addominale

Senza aver fatto alcuno sforzo o aver mangiato troppo, si sente una specie di bruciore tra lo sterno e l’ombelico. L’intensità e la durata di questo dolore possono variare.

Solitamente questo fastidio si manifesta tra un pasto e l’altro, quando lo stomaco si svuota. La descrizione più corretta per i sintomi dell’ulcera è “bruciore al ventre”. È probabile manifestare il bruciore soprattutto durante la notte, quando si ha fame o quando è passato molto tempo dall’ultimo pasto.

Altri sintomi

Come vi abbiamo già anticipato, le ulcere allo stomaco sono accompagnate da sintomi diversi. È molto importante fare attenzione e non dimenticare che non sempre si presentano gli stessi sintomi insieme (alcuni potrebbero non manifestarsi mai). Tra i sintomi dell’ulcera ricordiamo:

  • Eruttazione eccessiva
  • Flatulenza eccessiva
  • Incapacità di bere liquidi
  • Sensazione di stomaco pieno pur non avendo mangiato
  • Sensazione di appetito dopo aver mangiato
  • Nausea leggera nelle prime ore del mattino
  • Perdita dell’appetito
  • Sensazione di malessere generale
  • Stanchezza
  • Perdita di peso.

Sintomi di un’ulcera grave

Se non prestate la giusta attenzione ai sintomi appena elencati e non seguite alcun tipo di trattamento, naturale o meno, le ulcere diventano croniche e provocano:

  • Vomito (anche con sangue)
  • Feci scure e pastose, di aspetto simile al catrame
  • Sangue nelle feci.

Propensione a sviluppare ulcere

Ulcera-stomaco

Anche se le ulcere sono causate da un batterio, ci sono alcune persone più vulnerabili di altre a sviluppare questo problema. Coloro che hanno più probabilità di sviluppare ulcere allo stomaco sono:

  • Persone già infette dal batterio H. Pyroli o altri batteri.
  • Persone che assumono farmaci antinfiammatori non steroidei con molta frequenza. Tra questi ricordiamo l’aspirina e l’ibuprofene.
  • Persone con precedenti in famiglia.
  • Persone che consumano alcol in eccesso.
  • Pazienti con malattie renali, polmonari o epatiche.
  • Persone di età superiore ai 50 anni.

Consigli per prevenire le ulcere allo stomaco

Se anche voi state iniziando a manifestare i sintomi di un’ulcera allo stomaco o rientrate nel gruppo di persone che hanno maggiori probabilità di svilupparla, è necessario cambiare alcune delle vostre abitudini. La soluzione migliore è la prevenzione. Assicuratevi di:

Smettere di fumare

Esiste una relazione tra l’abitudine del fumo e la formazione di ulcere, così come con la mancata cicatrizzazione delle ferite alla mucosa e la ricorrenza a presentarle nuovamente.

Evitare il consumo di alimenti nocivi per lo stomaco

Limone

Stiamo parlando degli alimenti che compromettono la salute dello stomaco e aumentano le possibilità di formazione di ulcere. Tra i cibi vietati per evitare lo sviluppo di queste lesioni ricordiamo:

  • Caffè
  • Cioccolato
  • Alcol
  • Menta
  • Pomodoro
  • Grassi
  • Cibi piccanti
  • Aglio crudo
  • Agrumi

Evitare l’assunzione di farmaci

Certe pillole possono aiutarvi a sopportare il dolore, ma non fanno altro che peggiorare altri sintomi nel caso dell’ulcera. Ad esempio, gli antinfiammatori per l’artrite o i dolori muscolari compromettono le mucose dell’apparato digerente. Consultate il vostro medico perché vi dia alternative o trattamenti naturali.

Vi consigliamo di leggere anche: 4 erbe medicinali per alleviare il dolore dell’artrite.

Frullati e rimedi contro le ulcere allo stomaco

Olio-extravergine-di-oliva

Se siete giunti alla conclusione di avere un’ulcera allo stomaco perché ne avete riconosciuto i sintomi, allora potete seguire alcuni di questi trattamenti casalinghi ideali contro questo problema:

  • Mescolate 2 albumi e 2 cucchiai di olio di oliva e bevete il composto a digiuno.
  • Preparate un succo con ½ cavolo verde e 1 gambo di sedano. Aggiungete acqua e dolcificate con del miele.
  • Mangiate una banana verde cotta tutti i giorni.
  • Preparate un frullato con 1 banana e 1 fetta di papaya e bevete il succo due volte al giorno.
  • Consumate crusca di frumento in diverse preparazioni.
  • Preparate un succo curativo con ½ kiwi e ¼ di melone. Aggiungete l’acqua necessaria e bevetelo al momento.
  • Fate bollire due cucchiai di camomilla e 2 di melissa in una tazza di acqua. Lasciate in infusione 5 minuti, filtrate il tutto e bevete l’infuso dopo cena.
  • Mescolate 1 cucchiaio di Althaea officinalis e 1 cucchiaio di zenzero in una tazza di acqua bollente. Lasciate riposare per qualche minuto e poi bevete l’infuso.
  • Preparate un infuso con 1 litro di acqua ogni 2 cucchiai di fieno greco. Filtrate e dolcificate con del miele.
  • Masticate bene e ingoiate un cucchiaio di semi di lino. Potete anche macinarli in un mortaio o con il frullatore.
  • Preparate un frullato con 2 carote sbucciate e 1 foglia di cavolo bianco. Filtrate il succo e bevetelo tra un pasto e l’altro.
  • Consumate miele d’api crudo in diverse ricette, ad esempio con il pane tostato o con i biscotti.
  • Mettete 2 cucchiai di aloe vera in un bicchiere di acqua e aggiungete 1 cucchiaio di miele. Bevete il succo ottenuto 15 minuti dopo pranzo e dopo cena.
  • Preparate un tè con 1 cucchiaio di camomilla, 1 cucchiaio di verbena e 1 di iperico (erba di San Giovanni) in una tazza di acqua calda. Filtrate l’infuso con un colino e bevetelo.
Guarda anche