4 erbe medicinali per alleviare il dolore dell’artrite

8 ottobre 2015
La coda cavallina è utile per ridurre il liquido in eccesso che si forma durante il processo infiammatorio; inoltre, favorisce la formazione del collagene ed evita, così, la degenerazione delle articolazioni.

L’artrite è una malattia caratterizzata dall’infiammazione dei punti in cui le ossa si uniscono, vale a dire le articolazioni. Questo problema di salute provoca molti dolori e può compromettere in maniera significativa la qualità di vita di chi ne soffre.

In questo articolo vi parleremo di alcune piante o erbe medicinali che, grazie alle loro proprietà curative, riducono l’infiammazione e il dolore causato dall’artrite.

Perché fa male?

L’artrite è una malattia che può diventare molto dolorosa ed obbligare chi ne soffre a ricorrere a farmaci molto potenti.

Il dolore che si prova è una conseguenza dell’infiammazione e della rigidità nei punti di giuntura tra due ossa a causa della graduale scomparsa della cartilagine.

Quando la cartilagine è normale e intatta, ha la funzione di proteggere l’articolazione, di favorire i movimenti e di ammortizzare la pressione e l’impatto dei movimenti stessi.

Oltre al dolore e all’infiammazione, l’artrite limita anche la capacità di movimento, causa rigidità e, in alcuni casi, può anche provocare un arrossamento delle pelle.

Non dimenticate di leggere l’articolo “Dolore articolare notturno: come alleviarlo?

Artrite2

Rimedi naturali per il dolore

Le persone che soffrono di una forma lieve di artrite o che non trovano sollievo con i farmaci possono ricorrere ad alcune erbe medicinali che hanno proprietà antinfiammatorie ed analgesiche, per questo sono in grado di ridurre l’infiammazione e il dolore.

Il trattamento sarà molto più efficace se accompagnato da altri cambiamenti nello stile di vita:

  • Attività fisica personalizzata in base allo stadio della malattia.
  • Alimentazione equilibrata e alcalinizzante.
  • Terapia del caldo e del freddo, applicazione di cerotti o cataplasmi antinfiammatori.
  • Massaggi e altre terapie manuali.

A seguire vi parleremo di quattro rimedi naturali, in particolare infusi, per combattere il dolore causato dall’artrite. Bisogna bere dalle due alle tre tazze di infuso al giorno per almeno tre mesi.

Ovviamente, è necessario sottoporsi a questo trattamento sempre sotto la supervisione del medico, soprattutto in caso di assunzione di farmaci.

La salsapariglia

La salsapariglia è un eccellente diuretico grazie al suo contenuto di saponine. L’eliminazione dei liquidi in eccesso, in particolare gli accumuli di siero nelle articolazioni, migliora i sintomi delle malattie reumatiche.Di conseguenza, la mobilità migliora e il dolore diminuisce.

Questa pianta, inoltre, possiede le seguenti proprietà:

  • Aiuta a tenere il peso sotto controllo.
  • Depura l’organismo dalle tossine e pulisce il sangue.
  • Tratta le malattie della pelle.
  • Riduce i livelli elevati di colesterolo.
  • Allevia le malattie respiratorie.

Il tè verde

Te-verde-2

Questa bevanda è tipica di molti paesi ed è sempre più popolare in tutto il mondo. Il tè verde è ricco di antiossidanti e flavonoidi, che aiutano a ridurre l’infiammazione. Il tè verde, inoltre, è un potente anti-cancerogeno, quindi lo potete bere tutti i giorni come prevenzione.

Vi consigliamo di berlo lontano dai pasti, specialmente in caso di anemia, perché ostacola l’assimilazione del ferro presente negli alimenti.

Bisogna anche assicurarsi di scegliere un tè verde di qualità, possibilmente biologico.

Volete saperne di più su questa meravigliosa bevanda? Allora leggete l’articolo: “Come accelerare il metabolismo con il tè verde e il peperoncino di Cayenna“.

La coda cavallina

Coda-cavallina

La coda cavallina è una pianta che combina due proprietà eccellenti per il trattamento dell’artrite.

Da una parte, ha un effetto diuretico per cui elimina il liquido in eccesso legato all’infiammazione, dall’altra, ha un’azione remineralizzante, il che contribuisce a prevenire la degenerazione della cartilagine.

Si caratterizza per l’alto contenuto di silicio, un minerale che interviene nella formazione del collagene e che, nel caso della coda cavallina, si presenta a un livello di biodisponibilità ideale per l’organismo. La coda cavallina è ricca anche di potassio e di magnesio.

Si tratta di una pianta silvestre, la si può trovare fresca nei pressi di zone acquose.

La curcuma

Curcuma

La curcuma è una spezia conosciuta e usata soprattutto nell’ambito gastronomico. Tuttavia, è uno dei rimedi medicinali più efficaci che esistano.

Ha proprietà antiossidanti, anti-cancerogene e antidepressive e soprattutto è uno dei più importanti alimenti antinfiammatori.

La curcumina presente nella curcuma ha un’azione antinfiammatoria molto potente, quindi è ideale per trattare l’artrite e qualsiasi tipo di dolore, reumatismi, fibromialgia o stanchezza cronica, etc.

Si può assumere la curcuma tramite infusi oppure aggiungerla come spezia alle pietanze.

In questo caso, non bisogna dimenticare che la curcuma serve a insaporire i piatti e dona un colore giallognolo al cibo, ma la si può aggiungere tranquillamente a qualsiasi tipo di minestra, vellutata, arrosto, riso, pasta o salse. Allo stesso modo, la curcuma può conferire sapore anche a ricette dolci e dessert come pasticcini, frullati, budini, crema cotta, etc.

Guarda anche