Come ridurre il dolore alle ossa in modo naturale

18 novembre 2015
Oltre al latte, esistono altri cibi consigliati per alleviare il dolore alle ossa grazie alle loro proprietà antinfiammatorie e al loro apporto di vitamine e minerali

Il dolore alle ossa può essere meno comune rispetto ai dolori di tipo articolare o muscolare, ma, esattamente come questi, fanno diminuire la qualità di vita e possono impedire la realizzazione di diverse attività quotidiane.

Le origini di questo sintomo possono essere molteplici. Può essere infatti provocato da un’infezione, da una malattia cronica o da qualche lesione o frattura. In ogni caso, indipendentemente dalla sua causa, questo problema influisce molto sulla nostra vita e, alla lunga, può generare disturbi ancora più pericolosi.

Qualsiasi dolore o tensione in una o varie ossa, deve essere sottoposto all’attenzione del medico, affinché ne venga determinata l’origine e riceva un trattamento adeguato. In ogni caso, possiamo anche tenere in considerazione alcuni consigli per ridurlo in modo naturale.

Tè all’ortica

tè-all'ortica

Grazie al suo alto contenuto diuretico, l’ortica è una pianta che aiuta a far diminuire i problemi alle ossa facilitando l’eliminazione dei liquidi trattenuti nelle articolazioni infiammate.

Contiene quantità importanti di calcio e magnesio, minerali essenziali per rafforzare la salute ossea.

Questa tisana, inoltre, è benefica anche per il sangue, lo stomaco, l’intestino, i reni e i polmoni.

Come si prende?

Cuocere la radice secca dell’ortica in un litro d’acqua e berne 3 tazze al giorno.

Vi consigliamo di leggere: Le 15 migliori erbe medicinali

Infuso di olmaria

Questa favolosa erba ha un’importante azione sul sistema circolatorio e agisce anche come diuretico e antinfiammatorio naturale.

Bere da tre a quattro tazze al giorno di questo infuso può essere un ottimo metodo per prevenire e far diminuire i fastidiosi dolori alle ossa.

Come si prende?

  • Prendere un pugno di foglie di olmaria secche e farle bollire per 7 minuti in mezzo litro d’acqua. Berne una tazza dopo ogni pasto principale.
  • Questo infuso non è indicato per i minori di 15 anni, le persone con problemi di coagulazione e le donne in stato di gravidanza.

Acidi grassi omega 3

grassi-omega-3

Gli acidi grassi omega 3, presenti in grande quantità in alimenti come il pesce azzurro, i semi, la frutta secca e l’olio d’oliva, hanno un’azione positiva sul trattamento del dolore e dell’infiammazione ossea.

Come assumerli?

  • Per assorbire la quantità sufficiente di omega 3, si consiglia di mangiare, come minimo, 2 porzioni di pesce alla settimana.
  • Un’altra opzione consiste nell’assumere degli integratori di alta qualità.

Latte

Secondo l’Istituto Nazionale di Artrite e Malattie Muscoloscheletriche e della Pelle, il latte è una fonte di calcio e vitamina D, principi nutritivi che giocano un ruolo determinante nella prevenzione della perdita di massa ossea e dello sviluppo di malattie croniche come l’osteoporosi.

¿Come prenderlo?

  • Per prima cosa bisogna capire se si è intolleranti al lattosio. Se così fosse, si deve scartare a priori questo rimedio.
  • In assenza di problemi con il latte, se ne possono bere uno o due bicchieri al giorno. Bisogna cercare di prediligere latte povero di grassi.

Frullato di fragola e arancia

fragola-e-arancia

La vitamina C presente sia nella fragola sie nell’arancia è essenziale per la prevenzione dell’infiammazione e per il rafforzamento delle cartilagini che ricoprono le ossa.

In questo frullato naturale verranno potenziati gli effetti di questi due frutti con l’aggiunta del latte di soia arricchito, il quale fornirà un apporto importante di calcio e magnesio, minerali essenziali per mantenere la densità ossea.

Ingredienti

  • 8 fragole
  • 2 cucchiai di succo d’arancia (20 ml)
  • ⅔ di tazza di latte di soia arricchito (170 ml)

Come prenderlo?

  • Per prima cosa bisogna lavare per bene le fragole e metterle nel frullatore insieme agli altri ingredienti.
  • Quando il frullato è pronto, possiamo berlo senza filtrarlo a qualsiasi ora del giorno.

Spezie

La curcuma o lo zenzero sono perfetti per ridurre il dolore e l’infiammazione grazie alle loro proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

Come assumerle?

Sia la curcuma che lo zenzero possono essere aggiunti ai vari succhi, alle insalate e a diversi piatti. Tuttavia, affinché faccia diminuire il dolore ancora più efficacemente, si consiglia di assumerli sotto forma di infusi.

Leggete anche: La curcuma per combattere i dolori e il cancro

Cavolo ricciocavolo-riccio

Il consumo frequente di questo vegetale fornisce un grande sostegno per rafforzare le ossa, specialmente se assumere latticini non è una strada praticabile per noi.

Il cavolo riccio contiene importanti quantità di calcio e vitamina K, entrambi essenziali per la prevenzione dell’osteoporosi e di altre malattie delle ossa.

Come prenderlo?

Si può includere alle nostre insalate, ai frullati naturali o bollirlo semplicemente.

Guarda anche