Rimuovere brufoli e punti neri senza danneggiare la pelle, ecco come fare

In generale, è bene evitare di rimuovere brufoli e punti neri spremendo con le dita. Ma se decidete di farlo, meglio farlo correttamente.
Rimuovere brufoli e punti neri senza danneggiare la pelle, ecco come fare

Ultimo aggiornamento: 15 febbraio, 2022

Cominciamo con il dire che rimuovere brufoli e punti neri non è il modo migliore per risolvere il problema dell’acne. Però la tentazione è spesso forte. Quindi, è possibile farlo senza danneggiare la pelle?

Utilizzando la tecnica corretta, ci sono meno possibilità di causare lesioni, ma non esiste una garanzia assoluta. In generale, non è consigliabile rimuovere brufoli e punti neri spremendoli con le dita. Esistono diversi modi, senza ricorrere alla rimozione manuale diretta.

Ma se preferite usare le dita, è meglio farlo correttamente. Vediamo come.

Brufoli e acne

È un dato di fatto che gli inestetismi dell’acne influiscono sull’autostima ed è naturale voler eliminare il problema.

Tuttavia, ci vuole del tempo prima che un brufolo guarisca da solo. Questo è il motivo per cui si tende a usare le dita. Il rischio, è che quando li schiacciamo, parte del contenuto esce, ma un’altra parte viene spinta nel poro. La pressione può anche causare dilatazione del poro sotto la pelle.

Allo stesso tempo, rimuovere manualmente brufoli e punti neri, aumenta il rischio di generare cicatrici da acne. Per questo è meglio preferire altri metodi.

Rimuovere brufoli e punti neri con le dita.
Quando schiacciamo i brufoli con le dita, c’è il rischio che parte del pus si espanda sotto la pelle.

Quando è meglio lasciar perdere

La prima cosa da considerare è se sia effettivamente conveniente schiacciarli. Come regola generale, è meglio lasciar perdere se:

  • il brufolo è rosso e non ha la testa bianca. È una papula ed è scomodo rimuoverla.
  • Il brufolo è molto grande, infiammato e profondo. Meglio non premere.
  • La pelle presenta una zona arrossata estesa e sensibile al tatto. È possibile che si tratti di un foruncolo infiammato ed è meglio non provare a rimuoverlo.

Negli altri casi, è comunque bene valutare altre tecniche prima di spremere con le dita. Si può provare, ad esempio:

  • un impacco caldo, tamponando con una garza imbevuta di acqua calda, da sostituire non appena si raffredda. Questo può aiutare a drenare naturalmente. È utile per i brufoli bianchi, ma non per i punti neri.
  • Rimozione professionale – Un dermatologo o un’estetista sa come rimuovere brufoli e punti neri senza causare danni.
  • Trattamento da banco: sul mercato sono disponibili diversi prodotti per questo scopo. Basta applicarli e aspettare che agiscano. Leggete le istruzioni riportate sulla confezione.

Rimuovere brufoli e punti neri senza danneggiare la pelle

Se scegliete di rimuovere manualmente brufoli e punti neri, meglio usare una tecnica che riduca al minimo il rischio di danni. La prima cosa da fare è lavare bene le mani con acqua e sapone. La seconda, disinfettare l’area da trattare con alcol.

Con un ago

L’ago o lo spillo devono essere disinfettati con alcool. Quindi, pungete molto delicatamente la parte superiore del brufolo.

L’obiettivo è bucare la pelle e sollevare il tappo. Questa operazione non dovrebbe causare dolore o disagio. Se fa male, significa che è stato fatto nel modo sbagliato.

Ora è possibile svuotare il brufolo con un fazzolettino di carta o uno strappo di carta igienica, con un movimento verso l’esterno, cioè contrariamente alla pressione. Terminate lavando l’area con sapone e disinfettando con alcol.

Con due cotton fioc

Se bucando con un ago, non esce fuori nulla, potete usare due bastoncini di cotton fioc e applicare una leggera pressione ai lati del brufolo. È importante sottolineare il concetto di leggera pressione. In nessun momento dovrebbe essere forte. Quindi, lavate l’area e applicate l’alcol.

Con le dita, dopo la doccia

Un buon momento per rimuovere brufoli e punti neri è dopo la doccia, poiché il calore e il vapore aprono i pori. Questo facilita il drenaggio. Usate della carta pulita o del cotone.

Applicate una leggera pressione sui due lati, facendo un movimento di spinta verso l’alto. Questo non dovrebbe essere continuo, ma più simile a un dondolo: una leggera pressione verso l’alto e poi una pausa.

Potrebbe volerci un po’ di tempo, ma può funzionare. È necessario ripetere fino a quando non esce più il pus e senza premere mai con forza. Alla fine, lavate e applicate il disinfettante.

Rimuovere brufoli e punti neri dopo la doccia.
Dopo la doccia è il momento ideale per rimuovere i brufoli manualmente, poiché c’è meno rischio di causare danni alla pelle.

Qualche consiglio

Se con questi metodi non riuscite a rimuovere il brufolo, è meglio lasciarlo stare. Significa che per qualche motivo non è pronto per essere estratto. Forzare significherebbe lesionare la pelle.

In genere i brufoli guariscono dopo 5-7 giorni, anche senza il nostro intervento. Un brufolo è pronto per essere estratto quando raggiunge quel “punto critico” in cui la punta è bianca o gialla. L’acne cistica, invece, genera papule rosse, senza punti di altro colore. È molto più profonda e deve essere vista da un dermatologo.

This might interest you...
5 erbe che aiutano a combattere l’acne lieve
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
5 erbe che aiutano a combattere l’acne lieve

Grazie alle loro proprietà, alcune erbe medicinali aiutano a purificare la pelle e a combattere l'acne lieve. Scoprite come utilizzarle!



  • Javier, L., & Cardiel, C. (2004). Reflexiones acerca del lavado de manos. Rev Med IMSS, 42(6), 519-524.
  • Olivera, M. E., García, M. C., & Manzo, R. H. (2020). El alcohol como antiséptico y desinfectante.
  • Fisiológico, E. Elección del mejor tratamiento para el acné activo y sus cicatrices en Medicina Estética (Doctoral dissertation, Universidad Autónoma de Barcelona).