Rimuovere l’acqua dalle orecchie: 4 trucchi

12 Dicembre 2019
Anche se all'inizio può non dare troppo fastidio, eliminare l'acqua dalle orecchie è essenziale per evitare problemi di udito e persino infezioni.

È successo a tutti di andare in piscina o in spiaggia e, per qualche motivo, l’acqua entra nelle orecchie. Questa sensazione è una delle più spiacevoli, dal momento che non si percepiscono bene i suoni e si sente un ronzio costante davvero opprimente. Ma come facciamo a rimuovere l’acqua dalle orecchie?

Ciò che rende snervante questa situazione risiede proprio nella difficoltà a rimuovere l’acqua dall’orecchio. Di fatto, dovete prestare la massima attenzione alla faccenda, in quanto non tutti i metodi  sono sicuri. In realtà, alcuni potrebbero persino peggiorare la situazione.

Trucchi per rimuovere l’acqua dalle orecchie

Ci sono diverse ragioni per cui l’acqua può rimanere intrappolata nell’orecchio. Incluso il sudore può rimanere intrappolato nelle orecchie se si usano dispositivi come gli auricolari. Lo svantaggio è che, se il problema non viene risolto in tempo, può tradursi nel fattore scatenante di infezioni come l’orecchio del nuotatore, come indicato in una pubblicazione dell’American Academy of Otolaryngology – Head and Neck Surgery Foundation.

Tuttavia, non si tratta solo di provare trucchi e rimedi popolari per far uscire l’acqua dall’orecchio. È fondamentale farlo in sicurezza, evitando di esporre il condotto uditivo a possibili lesioni. Inoltre, è necessario prestare una maggiore attenzione nel caso di pregressi problemi nel timpano o a qualsiasi parte dell’orecchio.

Ma allora, come rimuovere correttamente l’acqua dall’orecchio? Quali metodi è meglio evitare? Per chiarire il tutto, nelle prossime righe ve ne parleremo nel dettaglio.

1. Effetto vuoto

Quando l’acqua entra nell’orecchio, capita spesso che ci spaventiamo e iniziamo a colpire con una mano il lato opposto della testa.

Sebbene questa tecnica possa funzionare, un’opzione più pratica è quella di posizionare il palmo della mano sull’orecchio interessato ed esercitare una certa pressione per creare una sorta di vuoto che aiuti l’acqua a scendere lungo il condotto uditivo.

È molto importante che la testa sia inclinata e che non si eserciti molta pressione per impedire all’acqua di entrare ancora più in profondità.

2. Testa inclinata su un lato

Esistono diversi modi per realizzare questo metodo:

  • Si può inclinare la testa e dare dei colpetti sulla parte posteriore del collo o sull’altro orecchio affinché l’acqua “si sblocchi” ed esca.
  • Quando l’acqua è penetrata in profondità, un altro modo è saltare con la testa inclinata. Così facendo, la pressione esercitata dal salto aiuterà a espellere l’acqua.
  • Se volete un aiuto in più, potete tirare il lobo dell’orecchio per aprire di più il condotto uditivo. Ciò faciliterà l’espulsione dell’acqua in uno qualunque dei due modi elencati.

Leggete anche: 5 benefici psicologici del nuoto

3. Sdraiarsi su un fianco sul letto

Donna che dorme

Questo trucco per rimuovere l’acqua dalle orecchie è davvero efficace e molto facile. Dovete solo sdraiarvi sul lato dell’orecchio interessato e lasciare che la gravità agisca da sola.

Potete inclinare leggermente la testa per renderla parallela al letto, in questo modo il condotto uditivo sarà dritto e l’acqua scenderà da sola.

Leggete anche: Rimedi naturali contro l’otite

4. Asciugacapelli per rimuovere l’acqua dalle orecchie

L’utilizzo di un asciugacapelli è l’ideale per far evaporare l’acqua all’interno dell’orecchio. È consigliabile impostare la potenza più bassa, tenere l’asciugacapelli a una distanza di sicurezza per evitare ustioni e lasciarlo in funzione per alcuni minuti.

Ciò farà sì che l’acqua esca grazie al flusso d’aria calda dell’asciugacapelli o che si asciughi e evapori per il calore.

Cosa assolutamente da evitare per rimuovere l’acqua dall’orecchio

I metodi appena citati possono essere utili per rimuovere l’acqua dall’orecchio. Tuttavia, esistono altre soluzioni popolari che sono spesso pubblicizzate. Lo svantaggio è che possono graffiare il condotto uditivo o compattare il cerume all’interno del condotto stesso. Di conseguenza, aumentano anche le possibilità d’infezione.

  • Cotton fioc: più che rimuovere l’acqua dall’orecchio, rischiano di spingere il cerume e lo sporco nel condotto uditivo, provocando irritazione, fastidio e un maggiore rischio di infezione.
  • Inserire le dita o altri oggetti: non è corretto inserire un dito o le unghie nelle orecchie. Tantomeno pinzette o altri oggetti. La pelle del condotto uditivo è delicata e può lesionarsi.
  • Acqua ossigenata e aceto: spesso per ovviare al problema si utilizzano gocce di acqua ossigenata, aceto o alcool. Tuttavia, non esistono prove sulla sua sicurezza ed efficacia di tale metodo. Pertanto, non è del tutto sicuro e può persino avere conseguenze in alcuni casi, come nella lesione del timpano.

Quando consultare il medico?

Spesso, il fastidio associato all’acqua nell’orecchio migliora in poche ore. Tuttavia, se il sintomo persiste, è di tipo ricorrente o si verifica contemporaneamente ad altri fastidi, è fondamentale consultare il medico o l’otorinolaringoiatra per identificare il problema e iniziare il trattamento più adeguato.

  • Swimmer’s Ear (Otitis Externa). (2018). American Academy of Otolaryngology–Head and Neck Surgery Foundation. Last reviewed August 2018.
  • Ear infections. Paediatr Child Health. 2009;14(7):465–468. doi:10.1093/pch/14.7.465
  • InformedHealth.org [Internet]. Cologne, Germany: Institute for Quality and Efficiency in Health Care (IQWiG); 2006-. Middle ear infection: Overview. 2009 Jun 29 [Updated 2019 May 9]. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK279381/
  • Qureishi A, Lee Y, Belfield K, Birchall JP, Daniel M. Update on otitis media – prevention and treatment. Infect Drug Resist. 2014;7:15–24. Published 2014 Jan 10. doi:10.2147/IDR.S39637