Sciroppo d'acero: proprietà e usi in cucina

Se vi piacciono i dolci, non potete perdervi questo articolo sullo sciroppo d'acero, un prodotto capace di migliorare le caratteristiche organolettiche di molti dolci.
Sciroppo d'acero: proprietà e usi in cucina
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 24 dicembre, 2022

Lo sciroppo d’acero è un dolcificante naturale che viene utilizzato come sostituto dello zucchero da tavola e deriva dalla linfa dell’omonimo albero. L’acero è una pianta originaria dell’area nordamericana, sebbene il Canada sia oggi il più grande produttore mondiale.

Questo dolcificante, può essere trovato in quasi tutti i supermercati e offre numerosi benefici per la salute, soprattutto se confrontato con altri tipi di dolcificanti.

Prima di iniziare, è importante notare che la presenza di sapore dolce nella dieta dovrebbe essere ridotta affinché il corpo funzioni in modo ottimale. La maggior parte delle diete, attualmente, presenta una predominanza di questa caratteristica organolettica, che può essere dannosa nel medio termine. La presenza del sapore dolce in bocca potrebbe innescare la produzione di insulina, che genererebbe stress pancreatico.

Cos’è lo sciroppo d’acero?

Lo sciroppo d’acero è un prodotto dorato, viscoso, dolce e aromatico che viene utilizzato per addolcire le preparazioni culinarie. Potrebbe essere paragonato al miele o ad altri sciroppi vegetali, come nel caso degli sciroppi di frutta. Normalmente viene utilizzato nelle ricette di dolci, anche se può essere aggiunto anche a bevande, toast e latticini.

La sua preparazione è abbastanza semplice. La prima cosa da fare è prelevare la linfa dagli aceri. Per fare questo, viene praticato un taglio sulla corteccia del tronco e al di sotto viene posizionato un recipiente.

Dopo un po’ si riempirà di uno sciroppo denso. Lo sciroppo viene quindi filtrato e classificato per sapore e colore prima dell’imbottigliamento. Si possono anche avviare alcuni processi di osmosi inversa per rimuovere l’acqua in eccesso.

È importante notare che esistono diversi tipi di sciroppo d’acero. Gli sciroppi di grado A sono di altissima qualità. Non hanno quasi imperfezioni all’interno. Il colore è uniforme e il gusto molto puro. In genere hanno caratteristiche organolettiche molto intense.

Si può poi parlare di grado 0. In questo caso, potrebbero esserci delle impurità o un colore un po’ torbido; la qualità è inferiore.

Infine, ci sono quelli chiamati Substandard. Questi sono più simili a uno sciroppo dolce in quanto tale, senza le tipiche note di sapore e aroma dello sciroppo d’acero. È il prodotto di qualità più bassa e potrebbe aver subito un intenso processo di raffinazione.

Potrebbe interessarvi anche: Maltodestrina: cos’è e a cosa serve?

monte Fuji e acero giapponese
Gli aceri hanno una distribuzione mondiale varia, sebbene richiedano determinate condizioni climatiche per la loro crescita.

Proprietà nutrizionali dello sciroppo d’acero

Lo sciroppo d’acero è composto principalmente da saccarosio e acqua. Per questo motivo, provoca un impatto significativo sui livelli di glucosio nel sangue. Occorre prestare attenzione, poiché è stato dimostrato che il consumo regolare di zuccheri semplici aumenta il rischio di sviluppare patologie metaboliche, come il diabete di tipo 2. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata sulla rivista Current Diabetes Reports.

Per ogni 100 grammi di prodotto, lo sciroppo d’acero fornisce circa 265 kcal, di cui il 67% proveniente da carboidrati semplici. È vero che lo zucchero bianco ha un indice glicemico più alto, ma ai fini pratici l’impatto di entrambi gli alimenti sull’organismo è abbastanza simile. Non bisognerebbe abusare di nessuno dei due per garantire il corretto funzionamento del metabolismo a medio termine.

Tuttavia, lo sciroppo d’acero contiene alcuni fitochimici con capacità antiossidante. Questi elementi neutralizzano la formazione di radicali liberi e il loro successivo accumulo nei tessuti dell’organismo, come confermato da uno studio pubblicato sulla rivista Infectious Disorders Drug Targets . Tuttavia, questo non è sufficiente per compensare l’effetto degli zuccheri liberi.

zucchero da tavola
Lo sciroppo d’acero può sostituire lo zucchero, ma ne basta una quantità minore, in quanto ha un elevato potere dolcificante.

Come usare lo sciroppo d’acero in cucina?

Lo sciroppo d’acero è un prodotto in grado di migliorare il risultato finale di molte preparazioni dolci. Viene inserito nelle ricette come sostituto di altri dolcificanti per conferire note aromatiche molto caratteristiche.

Sebbene sia possibile servirlo crudo come condimento, c’è anche la possibilità di utilizzarlo in diversi piatti che subiranno processi di cottura. Può anche dare un bell’aspetto alle preparazioni che verranno cotte.

Ovviamente bisogna tenere presente che si tratta di un edibile con un potere dolcificante maggiore rispetto allo zucchero. Pertanto, la quantità utilizzata nelle ricette dovrebbe essere corretta se utilizzata in sostituzione di altri dolcificanti. In genere, si dovrebbe aggiungere un totale di 3/4 tazza di sciroppo d’acero per ogni tazza di zucchero.

Quando si conserva questo prodotto, occorre assicurarsi che sia conservato in un luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce solare. Può avere una lunga durata, anche superiore a 2 anni. Naturalmente, una volta aperta la confezione, è meglio conservarla refrigerata, in frigorifero. In queste condizioni potete conservarlo per un anno senza problemi.

Potrebbe interessarvi anche: Sucralosio: è un edulcorante sano?

Un dolcificante dal sapore molto gustoso

Come abbiamo visto, lo sciroppo d’acero è un dolcificante dalle caratteristiche note aromatiche che può essere ottimo per migliorare il risultato finale di diversi dessert.

Viene spesso utilizzato mescolato al burro, aggiunto ai cereali, sotto forma di condimenti e anche come parte della glassa per piatti salati, come la carne arrosto. La sua vita utile è lunga e ci sono diversi tipi di qualità disponibili sul mercato.

Per finire, ricordate che bisogna moderare la presenza di dolci nella dieta. Questi di solito hanno un impatto sulla glicemia generando un lavoro eccessivo per il pancreas.

È vero che se si fa esercizio fisico regolarmente i pericoli sono minori, ma anche così il consumo di questo tipo di alimenti deve essere limitato. Soprattutto bisogna guardare le etichette nel caso siano di origine industriale per escludere la presenza di grassi trans.

Potrebbe interessarti ...
Quanto possono nuocere gli edulcoranti?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Quanto possono nuocere gli edulcoranti?

Effetti negativi degli edulcoranti sulla nostra salute.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.