Dolcificanti e malattie cardiache: sono collegati?

Alcuni studi recenti associano il consumo di dolcificanti al rischio di contrarre malattie cardiache. Perché succede? Ne parliamo in questo articolo.
Dolcificanti e malattie cardiache: sono collegati?
Maria Patricia Pinero Corredor

Scritto e verificato da la nutrizionista Maria Patricia Pinero Corredor.

Ultimo aggiornamento: 11 novembre, 2022

Negli ultimi anni, i dolcificanti sono stati nell’occhio del ciclone per il loro possibile legame con il rischio di contrarre malattie cardiache. I dolcificanti sono sostanze che conferiscono un sapore dolce a cibi e bevande. Sebbene il più noto sia lo zucchero o il saccarosio, esistono versioni artificiali per lo stesso scopo.

Lo svantaggio è che l’assunzione regolare è risultata non sicura come si pensava una volta. In questo momento, quando si parla di salute, il consiglio è di limitarne il più possibile la presenza nella dieta. Vediamo cosa dice la scienza sul suo rapporto con la salute del cuore e su come ridurne il consumo.

Cosa sono i dolcificanti e come sono classificati?

I dolcificanti sono sostanze che conferiscono ai prodotti un sapore dolce, prendendo come standard di riferimento la dolcezza fornita dallo zucchero. Possono essere sintetici o naturali. Inoltre, ci sono tipi nutrizionali e non nutritivi. Questi ultimi forniscono poche o nessuna caloria, mentre quelli nutrienti le contengono.

Dolcificanti naturali

  • Saccarosio o zucchero di canna.
  • Zucchero di cocco.
  • Fruttosio.
  • Glucosio.
  • Zucchero invertito.
  • Sorbitolo.
  • Maltosio.
  • Stevia.
  • Estratti di frutta Luo Han Guo.

Sintetici o artificiali

  • Aspartame.
  • Sucralosio.
  • Saccarina.
  • Neotame.
  • Acesulfame.
  • Anticipami.

Sebbene esista questa classificazione, il termine “dolcificanti” di solito si riferisce a prodotti artificiali. E sebbene il suo scopo sia ridurre il rischio di problemi di salute associati al consumo eccessivo di zucchero o saccarosio, come l’obesità o la propensione alla carie , la sua presenza regolare nella dieta è stata controversa.

dolcificante artificiale
I dolcificanti artificiali sono usati per sostituire lo zucchero. Tuttavia, nuovi studi associano il suo consumo a malattie cardiache.

Leggi anche: Edulcoranti cheto: le scelte migliori e peggiori

Dolcificanti e malattie cardiache: effetti sulla salute

Da anni sono stati condotti studi sui diversi dolcificanti per conoscerne gli effetti sulla salute. La Food and Drug Administration (FDA) ha dichiarato che la maggior parte delle sostanze di questo tipo sono sicure.

Infatti, dopo diverse indagini è stato stabilito che la sua tossicità e incidenza su varie malattie è relativamente bassa. Pertanto, la sua commercializzazione è stata approvata.

Tuttavia, nuovi rapporti parlano di una possibile relazione tra l’uso di edulcoranti e un aumentato rischio di malattie cardiache. In uno studio pubblicato nel 2022 attraverso la rivista BMJ, i ricercatori hanno stabilito che, in effetti, un’assunzione abituale di queste sostanze aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

Lo studio, condotto in Francia con la partecipazione di 103.388 volontari, di cui il 79,8% donne, ha valutato l’assunzione con la dieta e il consumo di dolcificanti artificiali. Hanno analizzato i risultati con i registri dietetici, nonché i prodotti industriali consumati da ciascuno.

L’assunzione media di dolcificanti artificiali in un gruppo era di circa 78 milligrammi al giorno. Ce n’erano altri a basso consumo, circa 8 milligrammi al giorno. C’era anche il gruppo di persone che non consumavano queste sostanze.

Si è scoperto che l’assunzione totale di dolcificanti artificiali era associata a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, poiché si sono verificati 1.502 eventi. Infatti, erano più associati al rischio di malattie cerebrovascolari, con 777 casi.

L’assunzione di aspartame era associata ad un aumentato rischio di eventi cerebrovascolari. Inoltre, acesulfame potassio e sucralosio erano correlati con un aumentato rischio di malattia coronarica.

Lo studio è stato osservazionale, quindi non è stato possibile stabilire le cause. Tuttavia, gli scienziati hanno tenuto conto di varianti come altri fattori della vita che potrebbero causare un aumento della mortalità per malattie cardiache.

Da questo punto di vista, essi sostengono che, nonostante questi aggiustamenti, vi fosse ancora un segnale di un aumento dell’uso dei dolcificanti. Altri scienziati che hanno analizzato lo stesso fenomeno hanno le loro ipotesi al riguardo.

Possibili cause

Un’altra indagine che ha analizzato i rischi del consumo di dolcificanti, assicura che il suo possibile legame con le malattie cardiovascolari è dovuto al fatto che gli alimenti che li contengono portano ad un aumento di peso. In questo modo, sovrappeso e obesità diventano i fattori scatenanti.

Questo studio è stato condotto solo sulle bevande con l’aggiunta di dolcificanti.

L’analisi ha inoltre concluso che il consumo eccessivo di dolcificanti è legato a una maggiore incidenza di ictus solo tra gli obesi. Tuttavia, è stato riscontrato che la mortalità per tutte le cause aumenta anche tra i consumatori frequenti il cui peso era normale.

Oltre a quanto sopra, continua a essere mantenuta l’ipotesi secondo cui il consumo di dolcificanti artificiali è causa di voglie e dipendenza da zucchero. A sua volta, influisce sulla stimolazione dell’appetito e sull’aumento di peso, che è strettamente legato alle malattie cardiache.

Come controllare l’assunzione di dolcificanti?

I dolcificanti artificiali sono ampiamente utilizzati nell’industria alimentare. Non solo per sostituire lo zucchero, ma perché alcuni sono più dolci del saccarosio. Gli alimenti trasformati che lo contengono sono i seguenti:

  • Miscele di bevande in polvere.
  • Dolci in genere.
  • Cibo in scatola.
  • Marmellate e gelatine.
  • Latticini.
  • Dolci, prodotti da forno e pasticceria.

Quindi, le etichette degli alimenti nominati dovrebbero essere lette attentamente. Il consumo dei tre edulcoranti di particolare interesse dovrebbe essere regolamentato; acesulfame potassio, sucralosio e aspartame. Tuttavia, dal 2018, la FDA ha un’assunzione indicata per questi tre dolcificanti

  • Acesulfame: Limitato a 15 milligrammi.
  • Sucralosio: 5 milligrammi.
  • Aspartame: 50 milligrammi.

Il consumo di dolcificanti dovrebbe essere monitorato.

dolcificanti artificiali
A causa del rapporto tra consumo di dolcificanti e malattie cardiache, è ideale ridurne il più possibile la presenza nella dieta.

Leggi anche: Stai consumando troppo zucchero? 7 consigli

Altri tipi di dolcificanti

Esistono altri tipi di dolcificanti naturali che sono sicuri per la salute. Ad esempio, estratti di frutta Luo Han Guo, miele, stevia e zucchero di cocco. La FDA non ha un limite per il consumo di estratti di frutta Luo Han Guo. Per la stevia, l’assunzione sicura è di 4 milligrammi.

A seconda del tipo di preparazione, la dolcezza naturale di molti alimenti può essere sfruttata anche per evitare l’uso di dolcificanti e zucchero. Ed è che, sebbene gli studi siano ancora in corso, questi risultati sono una ragione sufficiente per cercare di limitarne l’assunzione.

Potrebbe interessarti ...
Edulcoranti cheto: le scelte migliori e peggiori
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Edulcoranti cheto: le scelte migliori e peggiori

Non tutti gli edulcoranti cheto hanno la stessa qualità e sono ugualmente sicuri per il corpo se consumati regolarmente.



  • Sharma A, Amarnath S, Thulasimani M, Ramaswamy S. Artificial sweeteners as a sugar substitute: Are they really safe? Indian J Pharmacol. 2016 May-Jun;48(3):237-40. doi: 10.4103/0253-7613.182888. PMID: 27298490; PMCID: PMC4899993.
  • Saraiva A, Carrascosa C, Raheem D, Ramos F, Raposo A. Natural Sweeteners: The Relevance of Food Naturalness for Consumers, Food Security Aspects, Sustainability and Health Impacts. Int J Environ Res Public Health. 2020 Aug 28;17(17):6285. doi: 10.3390/ijerph17176285. PMID: 32872325; PMCID: PMC7504156.
  • Charlotte Debras y col. Artificial sweeteners and risk of cardiovascular diseases: results from the prospective NutriNet-Santé cohort. BMJ 2022378 doi: https://doi.org/10.1136/bmj-2022-071204 (Published 07 September 2022)
  • Hannah E. Gardener y col. Artificial sweeteners, real risks. Stroke. Author manuscript; available in PMC 2020 Mar 1. doi: 10.1161/STROKEAHA.119.024456
  • Mark A. Pereira.  Sugar-Sweetened and Artificially-Sweetened Beverages in Relation to Obesity Risk. Adv Nutr. 2014 Nov; 5(6): 797–808. Published online 2014 Nov 3. doi: 10.3945/an.114.007062
  • FDA. Additional Information about High-Intensity Sweeteners Permitted for Use in Food in the United States. https://www.fda.gov/food/food-additives-petitions/additional-information-about-high-intensity-sweeteners-permitted-use-food-united-states