Segnali del tumore della pelle da non sottovalutare

· 25 aprile 2017
Per poter combattere il tumore della pelle nelle sue fasi iniziali, è fondamentale prestare attenzione ai possibili cambiamenti che interessano i nei e se ne compaiono di nuovi

Quando si tratta di proteggere la pelle dai danni del sole, non sempre prendiamo le giuste precauzioni. Tra gli aspetti da non sottovalutare per evitare che si presenti il tumore della pelle, quello più importante è sicuramente fare attenzione all’esposizione ai raggi UV.

Questi, infatti, possono causare seri danni alla pelle, oltre a rughe e macchie.

Tipi di tumori della pelle

Prima di parlarvi dei segnali che indicano la presenza di un tumore alla pelle, è importante che sappiate che ne esistono due tipi: il melanoma e il non-melanoma.

  • Il melanoma è il tumore della pelle più aggressivo, ma anche quello più raro. Di solito si sviluppa a partire dagli strati più profondi della pelle. Quando questo tumore fa la sua comparsa, può estendersi anche ad altre zone o organi del corpo.
  • Il non-melanoma, invece, genera dei cambiamenti sulla base cellulare ed è il tumore della pelle più comune e meno aggressivo. Di solito interessa lo strato medio e superiore della pelle, dunque è piuttosto semplice notarlo.

Il tumore non-melanoma viene trattato tramite un piccolo intervento chirurgico che elimina tutte le cellule tumorali. Si tratta di un procedimento relativamente semplice.

Vi consigliamo di leggere anche: Imparate a identificare un possibile cancro alla pelle

Segnali della presenza di un melanoma

Tutti abbiamo nei sulla pelle, indipendentemente dal colore della nostra carnagione, perciò non c’è di che preoccuparsi. I nei sono considerati lesioni benigne formate dalle cellule che sintetizzano il colore della pelle.

Tuttavia, se notate che all’improvviso iniziano a comparirvi molti nei o che quelli che avete da sempre sono cambiati nella forma o nel colore, sarebbe bene consultare un dermatologo.

I cambiamenti da tenere sotto controllo corrispondono alle lettere A, B, C, D ed E:

“A” di “asimmetria”

Può essere un po’ complicato verificare se un neo sia asimmetrico, ma si può provare a “dividerlo” a metà con un nastro.

Confrontate le due metà. Se non sono uguali, potrebbe trattarsi di un segnale di tumore della pelle.

“B” di “bordi irregolari”

Un neo normale ha i bordi lisci e regolari. Se i bordi, invece, sono irregolari, frastagliati e non uniformi, allora considerate anche gli altri aspetti che vi illustriamo.

È molto importante non trascurare questa caratteristica.

“C” di “colore”

Ci sono nei di tanti tipi: rossi, bianchi, marroni e neri. Se li avete fin dalla nascita, il colore non ha molta importanza.

Tuttavia, se la tonalità cambia in parte o del tutto, allora dovete consultare il vostro medico, perché non è una cosa normale.

“D” di “diametro”

Se il neo supera i 6 millimetri di diametro, conviene farlo esaminare da un dermatologo.

I melanomi di solito hanno un diametro che supera questa misura.

“E” di “evoluzione”

Qualsiasi cambiamento coinvolga un neo o una macchia va esaminato con cura.

Questo significa variazioni nella dimensione, forma, colore o se il neo sanguina senza motivo. A volte il neo o la macchia possono iniziare a scomparire.

Il tasso di cambiamento è relativo, quindi è importante che sappiate cos’è normale ed, eventualmente, individuare possibili segnali di un tumore della pelle.

Segnali della presenza di un tumore non-melanoma

Prima abbiamo detto che il melanoma è la varietà più pericolosa di tumore alla pelle. Questo non significa che si possano trascurare i non-melanomi.

Quando si tratta della salute, bisogna fare attenzione a qualsiasi sintomo per evitare che eventuali problemi si complichino.

Tra i sintomi del tumore non-melanoma che non dovete trascurare vi sono:

  • Piccoli brufoletti di colore pallido con sangue ben visibile.
  • Macchie o zone arrossate e irritate sul petto e sulla schiena.
  • Ulcere aperte che sanguinano o che formano una crosta.
  • Lesioni bianche simili a cicatrici che compaiono senza motivo.
  • Un’escrescenza di colore rosa leggermente incavata al centro.
  • Verruche che si incrostano sulla parte superiore senza che siano state limate o raschiate.
  • Zone arrossate che causano bruciore.

Leggete anche: Crema naturale per riparare la pelle e ridurre le dimensioni delle cicatrici

Quali precauzioni prendere per evitare il tumore della pelle

Sappiamo che non possiamo proteggerci al 100% da tutte le malattie, soprattutto quando sono legate a fattori esterni, come il clima o il sole.

Fortunatamente, però, si possono prendere alcune misure di precauzione per evitare che i problemi peggiorino.

In caso di tumore della pelle bisogna:

Evitare l’eccessiva esposizione al sole

L’ideale è non trascorrere più di due ore esposti al sole. Se passate molto tempo fuori casa, assicuratevi di cercare un luogo all’ombra.

Usare sempre la protezione solare

Esiste un’ampia gamma di protettori solari che si adattano ad ogni preferenza o scopo. Vi consigliamo, pertanto, di applicare sempre la crema solare prima di uscire.

Ricordate che bisogna rinnovare l’applicazione ogni due ore e che è preferibile optare per un fattore di protezione almeno di 45.

Controllare la pelle per verificare la presenza di cambiamenti

La precauzione più importante è di fare attenzione a qualsiasi cambiamento. Conoscete il vostro corpo, dunque esaminatelo costantemente.

Non appena notate un cambiamento tra quelli che vi abbiamo indicato, non esitate a consultare il vostro dermatologo.

Ora che sapete quali sono i segnali di un tumore della pelle, è vostra responsabilità fare attenzione alle possibili alterazioni della pelle. Anche se è una malattia che spaventa, la prevenzione è possibile.

Guarda anche