7 sintomi dell’appendicite che dovreste conoscere

· 3 marzo 2017
Dato che i sintomi dell'appendicite possono essere confusi con quelli di altri disturbi digestivi, è importante consultare uno specialista per una diagnosi tempestiva ed evitare che l'appendicite si trasformi in peritonite

L’appendice è un piccolo organo a forma di tubo che è unito alla prima parte dell’intestino crasso. Si trova nella parte inferiore destra dell’addome e fino ad oggi sembra che non abbia alcuna funzione particolare.

L’appendicite si verifica quando qualcosa blocca questa piccola sacca, aumentando la pressione e ostacolando il flusso sanguigno fino a provocare un’infiammazione.

Questa condizione potrebbe avere conseguenze gravi, anche mortali, dato che l’organo potrebbe scoppiare e l’infezione potrebbe estendersi oltre l’addome.

Tuttavia, prima che questo accada, i medici possono intervenire con un intervento chirurgico e ridurre il rischio di complicazioni.

L’appendicite di solito si presenta tra i 10 e 30 anni di età, ma non si esclude che possa verificarsi anche ad altre età (a volte anche nei bambini di età inferiore ai due anni).

I dolori addominali sono il sintomo principale, anche se, man mano che l’infiammazione si sviluppa, si manifestano altri segnali di questa malattia.

Una diagnosi tempestiva è fondamentale per evitare disturbi più gravi. Per questo motivo, a seguire vi parleremo dei sintomi più comuni dell’appendicite che non dovreste trascurare.

Continuate a leggere per saperne di più!

Sintomi dell’appendicite

1. Dolore acuto

Il dolore causato dall’appendicite di solito interessa la parte inferiore destra dell’addome, con diversi gradi di intensità.

In molti casi, però, il primo segnale di dolore viene percepito all’altezza dell’ombelico e, a volte, nella parte bassa della schiena.

Questo sintomo tende a peggiorare quando si muovono le gambe o l’addome, ad esempio quando si starnutisce o tossisce.

Leggete anche: 8 alimenti per sgonfiare l’addome

2. Febbre e brividi

I sintomi di questa malattia possono essere simili a quelli causati dall’infezione di un virus allo stomaco, infatti oltre al dolore, possono manifestarsi febbre, brividi e tremori.

I medici consigliano di andare subito in pronto soccorso qualora ci fossero dei cambiamenti allarmanti a livello di temperatura corporea accompagnati da un forte dolore addominale, in modo da prevenire complicazioni come la peritonite.

Bisogna considerare che nella maggior parte dei casi, la temperatura è moderata, tra i 37,5°C e i 38°C.

3. Nausea, vomito ed inappetenza

La nausea, il vomito e l’inappetenza sono tre sintomi che di solito si manifestano in caso di appendicite.

Solitamente interessano il 90% dei casi e si presentano quasi sempre dopo l’insorgere del dolore nella parte inferiore dell’addome.

Il problema è che molti tendono ad ignorarli, dato che spesso sono tipici anche di altri disturbi meno gravi.

Se si presentano con una certa frequenza nell’arco della giornata, però, è essenziale andare dal medico per ricevere una diagnosi precisa e tempestiva.

4. Stitichezza o diarrea

Sia la stitichezza sia la diarrea sono comuni nei pazienti con appendicite.

Anche se non si tratta di sintomi allarmanti e non necessariamente indicano la presenza di un problema grave, la cosa migliore è consultare il medico, soprattutto se accompagnati da altri sintomi.

5. Aria ed infiammazione

Molte abitudini alimentari possono causare l’accumulo di gas intestinali e infiammazione.

Quando questi disturbi si manifestano senza un apparente motivo, è necessario fare attenzione e non trascurarli.

Un’infiammazione persistente, accompagnata da aria e dolori addominali, potrebbe dipendere proprio dall’appendicite.

6. Inappetenza

I pazienti che di solito non hanno problemi alimentari e che all’improvviso perdono l’appetito dovrebbero consultare un medico per verificare le  motivazioni alla base del problema.

La perdita d’appetito è legata a molte malattie croniche, tra le quali anche l’appendicite e il tumore al colon.

Anche se non sempre questo sintomo indica la presenza di un problema grave, la cosa migliore è non trascurarlo in nessuna circostanza.

Vi invitiamo a leggere anche: 4 frullati verdi per disintossicare il colon

7. Dolore di rimbalzo

Il dolore di rimbalzo è un sintomo che si verifica facendo pressione sulla parte inferiore destra dell’addome, proprio dove si concentra il dolore.

È molto importante evitare di fare pressione su questo punto, altrimenti potrebbero sorgere delle complicazioni a livello dell’appendice.

Quindi, se il dolore persiste, conviene consultare il medico.

Se sospettate di avere l’appendicite, rivolgetevi immediatamente ad uno specialista che si occuperà di sottoporvi agli esami necessari per ottenere una diagnosi corretta.

Se effettivamente il medico rilevasse la presenza di un’infiammazione dell’appendice, allora dovrete sottoporvi ad un intervento chirurgico che consiste in una piccola incisione sull’addome per estrarre l’appendice.

A seconda del caso, inoltre, bisognerà assumere farmaci antibiotici per via endovenosa così da evitare lo sviluppo di infezioni gravi.

Guarda anche