La speranza delle persone frantumate

Lungi dall’essere deboli, le persone frantumate sono forti e sono state in grado di andare avanti, anche se la bellezza della vita è rimasta in secondo piano

Sono proprio come voi e come me, ma l’unica differenza è che hanno l’anima spezzata. Forse penserete che hanno perso ogni speranza. Eppure, le persone frantumate possono rimettere insieme i propri pezzi e andare avanti.

Non perdetevi anche: Anime spezzate: la realtà delle persone psicologicamente maltrattate

Certo, la vita non sarà più la stessa. Le esperienze del passato ci segnano e il modo in cui esse si ripercuotono su di noi determina un’influenza positiva o negativa sul nostro futuro.

Nonostante ciò, c’è sempre speranza per un’anima spezzata.

Le persone frantumate non hanno scelto il proprio destino

Un’anima spezzata è vittima di quelle circostanze che noi esseri umani non possiamo controllare. Parliamo di persone che sono state violentate, maltrattate, oltraggiate, ferite nel più profondo del loro essere.

È molto peggio quando si porta il dolore dentro e ci frantuma in mille pezzi. Nessuno può rimettere insieme quei frammenti. Nessuno, eccetto noi stessi.

Come si fa a sopravvivere dopo una violenza? Come si fa a recuperare la fiducia nelle persone dopo una relazione basata sui maltrattamenti? In questi casi, chiedere l’aiuto di un professionista è la cosa migliore da fare. Questo esperto sarà in grado di fornirci le linee guida e i consigli che ci permetteranno di andare avanti.

Nonostante ciò, la nostra vita non sarà più quella di una volta, quella precedente all’accaduto.

Non abbiamo fatto niente, non è colpa nostra se abbiamo dovuto affrontare una situazione simile. Nonostante ciò, possiamo diventare più forti e resistenti se abbiamo la volontà di farlo.

Poter contare su persone che ci restano accanto, che ci amano e che ci sostengono è fondamentale. Ora più che mai, abbiamo bisogno di spalle forti che possano aiutarci a rialzarci.

Leggete anche: Cadi sette volte, rialzati otto

Poco a poco, lentamente, ci rimetteremo in piedi, affrontando tutta quella frustrazione, quella rabbia e la triste consapevolezza che non capiremo mai perché una cosa del genere è accaduta proprio a noi.

La storia di Nadia Murad

In relazione al conflitto degli ultimi anni in Siria, oggi raccontiamo la storia di Nadia Murad che, come molte altre donne, è stata salvata dopo essere stata rapita e resa una schiava sessuale.

Nonostante tutto quello che le è accaduto, Nadia Murad, che ha solo 23 anni, è diventata un’attivista che difende i diritti umani e che dice, a parole sue:

“Ho visto come migliaia di rifugiati devono affrontare la stessa situazione che ha colpito me e la mia famiglia. Siamo dispersi ovunque. So anche che lo Stato Islamico sta cercando di sterminarci. Penso a tutto ciò ed è proprio questo a darmi la forza necessaria, tutta la forza di cui ho bisogno per andare avanti”.

Senza alcun dubbio, ciò che l’ha sottomessa, che l’ha distrutta dentro, è ciò che ora le dà la forza e il coraggio di andare avanti e di lottare contro ciò che le è accaduto.

La consapevolezza che ci sono ancora molte persone che stanno vivendo quello che lei e le altre donne hanno dovuto affrontare è ciò che la spinge a trovare giustizia. Infatti, lei conosce meglio di chiunque altro quella sofferenza e quanto può spezzare un’anima.

Scoprite anche: A volte abbiamo bisogno di un abbraccio che ci avvolga l’anima

Eppure, ciò la rende davvero felice? Ovvero, cosa succederà quando tutto sarà finito e non ci sarà più nessuno per cui lottare?

La felicità delle persone frantumate

La felicità è molto diversa per un’anima spezzata, rispetto a chi, invece, è ancora tutto d’un pezzo. Infatti, basta pensare all’esempio di Nadia Murad, che si impegna al massimo per questa causa. Nonostante ciò, questo la rende davvero felice?

In questo video, possiamo vedere Nadia stessa pronunciare un discorso che è fondamentale per comprendere questo punto:

Al minuto 1:18, vediamo un giornalista chiedere a Nadia: “Ti piace la tua nuova vita?”. E la ragazza risponde, in modo diretto e sincero: “No”.

Per nessuno è facile rendersi conto di quanto può essere cruda la realtà e di quante persone devono affrontare ciò che abbiamo dovuto vivere anche noi.

Un’anima spezzata non è una persona debole, bensì una persona forte che lotta. Nonostante ciò, forse la felicità e la bellezza della vita sono ormai due concetti che appartengono ad un passato molto lontano.

Prima di andare, non perdetevi: I 4 rituali della felicità da conoscere

Le persone frantumate hanno la speranza di poter costruire un futuro e di riprendere in mano la propria vita, anche se in modo diverso.

Nonostante ciò, anche se ci impegniamo, nulla tornerà ad essere ciò che era e questa è una realtà che dobbiamo accettare.

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche