Stevia liquida fatta in casa: benefici e come prepararla

Ecco i passaggi da seguire per preparare in casa la stevia liquida, un dolcificante che può sostituire lo zucchero in molte preparazioni.
Stevia liquida fatta in casa: benefici e come prepararla

Ultimo aggiornamento: 04 giugno, 2022

La stevia liquida è un dolcificante che può essere fatto in casa. In questo modo si ottiene un prodotto che permette di migliorare il sapore di molte preparazioni senza aggiungere calorie aggiuntive.

Questo può essere utile quando si pianifica una dieta con l’obiettivo di perdere peso, poiché è necessario generare un deficit che consenta la mobilitazione e l’ossidazione del grasso. Pertanto, lo stato della composizione corporea sarà migliorato.

Prima di iniziare, va notato che la stevia è un dolcificante naturale. Normalmente si utilizzano gli edulcoranti di tipo artificiale che hanno un impatto più severo sull’organismo.

I dolcificanti artificiali potrebbero essere correlati allo sviluppo di patologie a medio termine, anche se su questo punto esiste ancora molta polemica. È chiaro che è meglio non abusare di questa classe di prodotti, includendoli con moderazione.

Coltivare la stevia e preparare il dolcificante

È fondamentale specificare che la stevia deriva dall’omonima pianta. La sua foglia è dolce e da lì si può estrarre l’additivo dolcificante.

Il primo passo per ottenere la vostra stevia liquida fatta in casa è, quindi, coltivare la pianta. Per fare ciò, basterà piantare i semi in un vaso che sistemerete su un terrazzo o in giardino.

Una volta che la pianta sviluppi le foglie, le potete tagliare ed estrarre i composti glicosidici che forniscono il gusto dolce. Naturalmente sarà necessario lavare bene il prodotto per assicurarsi che eventuali tracce di terra o polvere presenti sulla superficie vengano adeguatamente rimosse.

Tagliate le foglie a julienne con un coltello e lasciatele asciugare per alcuni giorni al sole. Per velocizzare l’operazione potete usare un disidratatore. Mettete quindi le foglie in un contenitore, coprendole con la vodka.

Si possono utilizzare diversi liquori, ma la vodka ha meno sapore, quindi non influirà molto sulla qualità organolettica del prodotto finale. Coprite il barattolo e lasciatelo riposare in un luogo buio per almeno 24 ore. Trascorso questo tempo, eliminate le foglie e raccogliete l’alcol.

dolcificante artificiale
Coltivate la pianta di stevia a casa e usate le foglie per preparare la stevia liquida.

Mettete il liquido a scaldare in un pentolino, evitando di farlo bollire. Cuocete per circa 30 minuti fino a formare uno sciroppo. Sistemate la vostra stevia liquida fatta in casa in un contenitore scuro e conservatela per un massimo di 3 mesi in frigorifero.

Benefici della stevia

Il consumo di stevia può essere utile per aiutare a migliorare lo stato della composizione corporea, riducendo così le calorie nella dieta. Gli zuccheri semplici non sono solo energetici, ma possono anche favorire problemi come l’insulino-resistenza e il diabete. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata sulla rivista Current Diabetes Reports. Ridurre l’assunzione è la chiave per raggiungere una buona salute.

Ora, per consolidare il suo effetto positivo, sarà necessario accostare una serie di buone abitudini. Ad esempio, è fondamentale promuovere la pratica dell’esercizio fisico su base regolare, ponendo particolare enfasi sul lavoro di forza.

In questo modo viene stimolata l’ipertrofia muscolare, che consente una maggiore efficienza nell’utilizzo dei substrati energetici. Inoltre, causerà un maggiore dispendio energetico a riposo, secondo uno studio pubblicato su Frontiers of Hormone Research.

L'eritritolo è dannoso per la salute?
Usate la stevia con parsimonia, proprio come fate con lo zucchero e altri dolcificanti.

Tuttavia, non è tutto oro ciò che luccica. L’abuso di dolcificanti potrebbe generare cambiamenti dannosi a livello del microbiota intestinale. È stato dimostrato che il consumo regolare di questi elementi riduce la densità e la diversità dei microrganismi che popolano il tubo digerente. Il risultato è un aumento del rischio di sviluppare patologie infiammatorie e di avere problemi in termini di utilizzo dei nutrienti.

Pertanto, la soluzione migliore è moderare il consumo di cibi dal sapore dolce, indipendentemente dal fatto che contengano al loro interno zuccheri semplici o dolcificanti. Soprattutto, sarà necessario favorire l’assunzione di cibi freschi, che normalmente hanno un’elevata densità nutritiva.

Potrebbe interessarvi anche: Additivi alimentari: quanti tipi ne esistono?

Preparare la stevia liquida a casa

Come avete visto, è possibile realizzare in casa la stevia liquida in modo semplice, ottenendo così un additivo che può essere utilizzato per migliorare le caratteristiche organolettiche di alcuni prodotti. Non ha calorie al suo interno, quindi non influirà negativamente sul bilancio energetico della dieta. Ovviamente va consumata con moderazione per evitare alterazioni nella composizione del microbiota a medio termine.

Per finire, tenete presente che molti degli additivi inclusi nei cibi industriali sono di bassa qualità. Di solito sono contrassegnati dalla lettera E e un numero. Se nell’elenco degli ingredienti compaiono molti di questi elementi, ciò potrebbe indicare che è meglio non includere l’alimento nella dieta regolare. È meglio dare sempre la priorità agli alimenti freschi e di stagione.

Potrebbe interessarti ...
Additivi alimentari: come agiscono nel nostro organismo
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Additivi alimentari: come agiscono nel nostro organismo

La OMS definisce gli additivi alimentari come sostanze che vengono aggiunte ai cibi per mantenere o migliorare la loro sicurezza,



  • Yoshida, Y., & Simoes, E. J. (2018). Sugar-Sweetened Beverage, Obesity, and Type 2 Diabetes in Children and Adolescents: Policies, Taxation, and Programs. Current diabetes reports18(6), 31. https://doi.org/10.1007/s11892-018-1004-6
  • Moghetti, P., Bacchi, E., Brangani, C., Donà, S., & Negri, C. (2016). Metabolic Effects of Exercise. Frontiers of hormone research47, 44–57. https://doi.org/10.1159/000445156
  • Suez, J., Korem, T., Zeevi, D., Zilberman-Schapira, G., Thaiss, C. A., Maza, O., Israeli, D., Zmora, N., Gilad, S., Weinberger, A., Kuperman, Y., Harmelin, A., Kolodkin-Gal, I., Shapiro, H., Halpern, Z., Segal, E., & Elinav, E. (2014). Artificial sweeteners induce glucose intolerance by altering the gut microbiota. Nature514(7521), 181–186. https://doi.org/10.1038/nature13793