Strategie mentali che aiutano a dimagrire

· 29 Gennaio 2019
Scoprite le migliori strategie mentali per dimagrire con meno sforzo e mettetele subito in pratica!

Forse perché cominciamo a sentirci in sovrappeso o perché vogliamo avere un rapporto migliore con il nostro corpo, perdere peso può essere necessario e sano. Naturalmente non dobbiamo mettere a rischio la salute. Per facilitare questo difficile compito, possiamo ricorrere ad alcune strategie mentali che aiutano a dimagrire.

Per capire se ci stiamo allontanando dal nostro peso ideale, prima di tutto occorre calcolare l’indice di massa corporea (IMC). Questo valore si ottiene dividendo il nostro peso, espresso in kg, per il quadrato della nostra altezza espressa in metri. Sul sito del Ministero della Salute trovate un programmino molto veloce, basta inserire altezza e peso.

Avete superato l’IMC consigliato per la vostra altezza, ma non riuscite a perdere peso? È qui che entrano in gioco le strategie mentali che aiutano a dimagrire. Ecco le più efficaci, perché non sfruttarle?

5 strategie mentali che aiutano a dimagrire

1. Non andare a fare la spesa si ha fame

Ragazzi al supermercato mangiano patatine seduti per terra

Una delle prime strategie mentali che aiutano a dimagrire è quella di non andare mai a fare la spesa quando si è affamati. È un consiglio che ci sentiamo dare spesso, ma poche volte lo mettiamo in pratica.

È un grave errore, invece, perché porta a comprare più cibo del dovuto. Ci si farà tentare, soprattutto, dai biscotti o da quei cibi per niente sani che remano contro la dieta.

2. Non tenere in vista alcuni alimenti

Vorreste dimagrire, ma appena vedete il cioccolato non riuscite a resistere alla tentazione? Ebbene, non tenetelo in bella vista.

Se è il cioccolato il vostro punto debole, sarebbe meglio non comprarlo. Se, però, ve lo hanno regalato, mettetelo in fondo alla dispensa. Come si dice, lontano dagli occhi lontano dal cuore.

Leggete anche: Differenze tra fame fisiologica e fame nervosa

3. Mangiare lentamente, senza fretta

Mangiare lentamente, tra le strategie mentali per perdere peso

In alcune circostanze non abbiamo scelta, dobbiamo mangiare in fretta. Ma se possiamo evitarlo, tanto meglio. Se mangiamo lentamente e con calma, inganniamo il nostro stomaco che si sentirà sazio prima. Evitiamo, in questo modo, di sentirci appesantiti dopo mangiato e favoriamo il dimagrimento.

Avete l’abitudine di fare la colazione “al volo”? Provate ad alzarvi un po’ prima: vi toglierà qualche minuto di sonno, ma andrà a vantaggio della dieta.

4. Scacciare l’ansia

L’ansia è uno dei motivi per cui mangiamo senza avere fame. Se è questo ciò che sta provocando il vostro aumento di peso, cominciate ad adottare alcune abitudini per contrastarla.

Uno dei modi più semplici è fare attività fisica. Se potete farlo a fine giornata, meglio perché così scioglierete tutto lo stress accumulato. Nel fine settimana, invece, approfittate del tempo libero per passeggiare nella natura, una pratica ottima per sconfiggere l’ansia.

Leggete anche: Abitudini da evitare quando si soffre di ansia

5. Non mangiare fino a sentirsi pieni

Ragazza mangia la pizza appoggiata sul wc

Vi sentite sempre troppo pieni dopo mangiato o fate fatica a riprendere il lavoro dopo la pausa pranzo? Una delle strategie mentali che aiutano a dimagrire consiste nell’evitare di appesantirsi. Ecco una serie di azioni utili:

  • Riempite meno il piatto.
  • Non fate il bis.
  • Evitate il dessert.
  • Mettete nel piatto cibi leggeri (sapete bene quali sono).

Tendiamo, in genere, a mangiare a sazietà, ma non è necessario. Durante il pasto, si raggiunge un punto oltre il quale ci sentiremo troppo pieni e la digestione sarà lenta.

Avete deciso di mettervi a dieta? Non sottovalutate il potere delle strategie mentali che aiutano a dimagrire. Metterle in pratica vi aiuterà a raggiungere il vostro obiettivo. Non dimenticate, infine, di fare attività fisica in modo regolare e  di includere frutta e verdura in una dieta equilibrata.