Chiodi di garofano per migliorare la digestione

30 Luglio 2018
I chiodi di garofano aiutano a controllare i problemi digestivi, respiratori e calmano il mal di denti. Sono però da usare con moderazione e dopo aver consultato il medico.

I chiodi di garofano sono una spezia utilizzata talvolta in cucina, ma anche dalle proprietà curative e medicinali. Li avrete certamente utilizzati per profumare la frutta cotta, il vino o la carne, ma conoscete tutte le loro proprietà, specialmente per la digestione?

Ad esempio, i chiodi di garofano sono analgesici, antispasmodici e antibatterici. Oltre a trovare impiego nei rimedi per l’apparato digerente, calmano anche il mal di denti, combattono le infezioni, le infiammazioni e molto altro ancora.

Una tisana ai chiodi di garofano è capace di migliorare i sintomi dei più comuni disturbi di stomaco come la nausea, il bruciore o la presenza di gas. Questa azione è dovuta a una sostanza chiamata eugenolo, presente nella spezia.

Ragazza beve una tisana

Quali sono le proprietà dell’eugenolo?

L’eugenolo è la sostanza responsabile del profumo forte tipico dei chiodi di garofano. È un eccellente antiossidante, ritarda l’invecchiamento delle cellule e combatte l’acidità. Il suo olio essenziale è giallo, dall’odore intenso e ricco di flavonoidi.

È presente anche in altre piante come il basilico, la curcuma, l’alloro e la cannella, ma è nel chiodo di garofano che trova la massima concentrazione.

Ha uso sia interno che topico, ma il primo è più comune. Tra le numerose proprietà, ricordiamo che i chiodi di garofano sono soprattutto:

  • anestetico
  • antiedemigeno
  • antiacido
  • antiemetico
  • antiossidante
  • gastroprotettivo e gastro-rigenerativo
  • antivirale
  • antisettico

Nonostante i molti benefici, è consigliato un consumo accorto di eugenolo, poiché a grandi dosi ha un elevato livello di tossicità, soprattutto quando ingerito sotto forma di olio essenziale. È particolarmente controindicato alle donne incinte, ai lattanti e ai bambini con meno di sei anni.

Come usare i chiodi di garofano per migliorare la digestione?

Esistono diversi modi per sfruttare il chiodo di garofano nei rimedi digestivi, a seconda dei gusti personali e dal livello di tolleranza al sapore forte della spezia. Ecco alcune opzioni:

Tisana ai chiodi di garofano

La tisana al chiodo di garofano lubrifica e stimola il tratto digestivo, favorendone così il corretto funzionamento. Stimola, inoltre, l’afflusso di sangue e combatte l’alitosi.

Una delle cause più comuni dell’alito cattivo sono i disturbi digestivi. Il chiodo di garofano agisce direttamente su essi e grazie al suo aroma forte, la tisana dona immediatamente un alito fresco poiché combatte i batteri presenti nella bocca.

  • Per preparare la tisana è sufficiente tritare i chiodi di garofano e lasciare in infusione un cucchiaino scarso in una tazza d’acqua. 
  • Nei giorni in cui avvertite malessere di stomaco, potete berlo la mattina e la sera.

Leggete anche: Perché soffriamo di alitosi? Ecco come curarla in modo naturale

Chiodi di garofano interi

Potete usarli per profumare i cibi, le bevande oppure masticarli interi. Masticare un chiodo di garofano aumenta la produzione di saliva e dei succhi gastrici.

Chiodi di garofano

Olio essenziale ai chiodi di garofano

L’olio essenziale si ottiene lasciando macerare i chiodi di garofano in olio d’oliva per alcune settimane. Come abbiamo detto, non è consigliabile assumerlo puro o in grandi quantità, poiché potrebbe risultare tossico.

Per calmare la nausea e il senso di vomito, aggiungete 3 gocce di olio essenziale in un bicchiere d’acqua (200 ml).

Leggete anche: Olio di menta, i benefici per il corpo

Infuso al chiodo di garofano

Si prepara in maniera simile alla tisana, ma si utilizzano i chiodi di garofano interi. Aiuta a combattere la stitichezza e stimola la funzione digestiva. Potete prendere una tazza di infuso dopo i pasti fino a scomparsa dei sintomi.

La natura offre una quantità infinita di rimedi curativi; vi consigliamo di sfruttarli per integrare eventuali cure mediche. Sebbene il chiodo di garofano non sia in grado di curare i problemi digestivi alla radice, può certamente alleviare alcuni dei sintomi.

Non dimenticate di consultare il medico curante e di mantenere una dieta sana. Infatti, l’indigestione o l’acidità possono essere prevenute molte volte con uno stile alimentare bilanciato ed evitando di mangiare cibi poco tollerati dal nostro stomaco.

Prendete nota degli alimenti che vi creano malessere ed eliminateli dalla vostra dieta.

  • Srinivasan, K. (2005). Spices as influencers of body metabolism: An overview of three decades of research. Food Research International. https://doi.org/10.1016/j.foodres.2004.09.001.
  • Al-Okbi, S. Y., Mohamed, D. A., Hamed, T. E., & Edris, A. E. (2014). Protective Effect of Clove Oil and Eugenol Microemulsions on Fatty Liver and Dyslipidemia as Components of Metabolic Syndrome. Journal of Medicinal Food. https://doi.org/10.1089/jmf.2013.0033.
  • Vijayalakshmi, R., Quadri, S. S. Y. H., & Deosthale, Y. G. (1991). Effect of eugenol on gastric function in rats. Journal of Clinical Biochemistry and Nutrition. https://doi.org/10.3164/jcbn.10.161.
  • Ali, S. M., Khan, A. A., Ahmed, I., Musaddiq, M., Ahmed, K. S., Polasa, H., … Ahmed, N. (2005). Antimicrobial activities of Eugenol and Cinnamaldehyde against the human gastric pathogen Helicobacter pylori. Annals of Clinical Microbiology and Antimicrobials. https://doi.org/10.1186/1476-0711-4-20.