Suggerimenti per pulire correttamente la lingua

Una corretta pulizia della lingua permette di avere una bocca sana e funzionale. Scopri come farlo nel modo giusto.
Suggerimenti per pulire correttamente la lingua

Ultimo aggiornamento: 15 settembre, 2022

Prendersi cura dell’igiene dentale è molto importante. Ciò significa non solo lavarsi i denti, ma anche pulire correttamente la lingua. Purtroppo, non tutti sanno come farlo.

Dimenticare la lingua durante la pulizia orale è abbastanza comune. E come vi diremo in questo articolo, trascurare questo organo porta inconvenienti per la salute e per il buon funzionamento della bocca.

Conoscere l’importanza di pulire correttamente la lingua ti aiuterà a non dimenticare questo momento di igiene orale. Vedrai che è abbastanza semplice e che ti porterà molti vantaggi. Continua a leggere.

L’importanza di pulire correttamente la lingua

La lingua è un organo mobile, ancorato al pavimento della bocca e costituito da vari gruppi muscolari ricoperti di tessuto mucoso. Svolge un ruolo fondamentale nel cavo orale. È coinvolto nella masticazione, nella formazione del bolo, nella deglutizione, nell’idratazione orale, nel linguaggio e nel senso del gusto.

La lingua ha terminazioni nervose e una grande irrigazione, che la fa male e sanguina molto se è ferita. Il suo aspetto normale è rosa, umido e mobile.

Inoltre il dorso è ricoperto da papille che conferiscono alla sua superficie un caratteristico aspetto vellutato. Alcune di queste strutture partecipano alla percezione del gusto. Altri hanno la capacità di toccare, avere funzioni linfatiche o produrre saliva.

Pulire correttamente la lingua è importante per mantenere questo organo sano e le sue funzioni per svilupparsi normalmente. In caso contrario, i batteri in bocca proliferano e i resti di cibo si accumulano sulla sua superficie.

Una lingua senza una corretta igiene predispone alla comparsa di diversi problemi:

  • Alitosi o alito cattivo.
  • Alterazioni nel senso del gusto.
  • Alterazioni della normale flora della bocca, con sviluppo di micosi.
  • Il suo aspetto è alterato dall’accumulo di sporco. La lingua appare bianca o nera e la sua superficie diventa più liscia.
  • Favorisce la sede di batteri patogeni che causano carie, gengiviti, malattie parodontali e altre infezioni.

Prendersi qualche minuto al giorno per pulire la lingua eviterà questi inconvenienti. Una lingua ben curata potrà continuare a svolgere le sue funzioni.

Inoltre, non sentirai alitosi, alterazioni del gusto o problemi a masticare, deglutire o parlare. Pertanto, vale la dedica. Quindi ti diciamo come dovresti farlo.

Come pulire correttamente la lingua?

Pulire correttamente la lingua ogni giorno ti permetterà di mantenere in salute questo organo. Questi sono alcuni suggerimenti e trucchi che dovresti considerare quando pulisci questa parte della bocca.

1. Includere l’igiene della lingua nella routine di pulizia dentale

La prima cosa da fare per pulire correttamente la lingua è includere la sua igiene nella routine di pulizia dentale. Se fai parte dello lavarsi i denti, ci sono meno possibilità di dimenticare o rimandare la pulizia dei denti.

Ogni giorno, dopo i pasti, dovresti lavarti i denti e le gengive per almeno 2 minuti. Per questo utilizzerai uno spazzolino a setole morbide e un dentifricio che contiene fluoro.

Inoltre, l’igiene deve essere completata utilizzando il filo interdentale. Questo rimuove i germi e i detriti di cibo che si accumulano tra i denti e che lo spazzolamento non può raggiungere.

Garantire una corretta igiene dei denti previene la permanenza di residui e batteri che potrebbero successivamente depositarsi sulla lingua. Iniziare dall’igiene degli elementi dentali è il primo passo per poi passare alla pulizia della lingua.

Spazzolatura dentale per prendersi cura della lingua.
Lavarsi i denti significa anche prendersi cura della lingua.

2. Pulire la lingua

Per pulire correttamente la lingua, l’ideale è avere un raschietto o un pulisci lingua. È uno strumento progettato per rimuovere batteri e detriti dalla superficie dell’organo.

Ma se non hai questo strumento, puoi comunque pulirti la lingua. L’uso delle setole della spazzola o del suo dorso può salvare la mancanza del raschietto e aiutarti.

Per pulire la linguetta, devi eseguire dei delicati movimenti di raschiatura dalla zona posteriore a quella anteriore, fino a raggiungere la punta. Il processo dovrebbe essere ripetuto più volte e anche i lati dell’organo dovrebbero essere puliti. Tra una passata e l’altra è conveniente sciacquare la bocca con acqua per rimuovere i residui sciolti.

Alcune persone hanno spesso problemi a pulire la lingua a causa del riflesso del vomito che si verifica quando si posiziona il raschietto sulla schiena. Un respiro profondo prima di iniziare aiuta. Inoltre, man mano che il corpo si abitua all’abitudine, il disagio diminuirà.

Come accennato, il raschietto per lingua è lo strumento più comodo per pulire correttamente la lingua. In ogni caso, se non ne abbiamo uno, ci sono altri modi per garantire l’igiene di questa parte della bocca.

Pulisci lingua

È un piccolo strumento dentato progettato per pulire correttamente la lingua. È costituito da una barra curva, a forma di U o Y che raschia la superficie linguale. Sono di diverse dimensioni e materiali.

Il suo utilizzo è molto semplice. Come suggerisce il nome, la lingua dovrebbe essere raschiata delicatamente.

Per questo, i movimenti devono essere eseguiti da dietro in avanti, cioè dall’area più profonda della lingua alla punta. L’angolazione deve essere variata per raggiungere tutte le aree dell’organo.

Questa azione viene ripetuta più volte per garantire la pulizia dell’intera lingua. Ad ogni colpo, rimuove batteri, residui di cibo e cellule morte intrappolate nelle irregolarità del dorso della lingua.

Dopo ogni passaggio, è conveniente risciacquare il raschietto e la bocca con acqua. Al termine, il detergente deve essere lavato per mantenerlo igienico e in buone condizioni fino al suo prossimo utilizzo.

Spazzole per la lingua

Le spazzole per la lingua sono anche strumenti creati appositamente per la pulizia della lingua. Si differenziano dai raschietti perché hanno diversi filamenti che agiscono come una spazzola o una scopa.

Passandolo sulla lingua rimuove i detriti e i batteri accumulati. La sensazione che provoca nella persona è meno intensa di quella del raschietto, motivo per cui è più conveniente per le persone con molta sensibilità alla lingua.

Spazzolino classico

Lo spazzolino è uno strumento progettato per pulire le superfici dentali, che sono dure. Pertanto, non è lo strumento migliore per igienizzare la lingua, che è un organo molle.

Infatti, rispetto ai raschietti per lingua, non sono efficaci come questi ultimi quando si tratta di rimuovere i residui accumulati sul dorso della lingua.

Se non hai altre alternative per pulire la lingua, puoi usare uno spazzolino tradizionale. È preferibile farlo con questo strumento meno efficace che non igienizzare.

Dovreste optare per una con setole morbide e sarà riservata esclusivamente alla pulizia della lingua. Pertanto, sarà uno spazzolino diverso da quello utilizzato per i denti.

Spazzolino da denti con pulisci lingua integrato nella testina

Alcuni spazzolini da denti moderni hanno una superficie graffiante sul retro della testina destinata alla pulizia della lingua. Ma l’efficienza di questo accessorio è piuttosto limitata.

La testina dello spazzolino con pulisci lingua è utile solo per pulire la punta della lingua. Se lo strumento appuntito viene posizionato nella parte posteriore della bocca, di solito provoca molta nausea.

3. Usare il collutorio

Per completare correttamente il processo di pulizia della lingua, si consiglia di utilizzare un collutorio. Effettuare un risciacquo energico per alcuni minuti con questi liquidi permette di eliminare i residui rimasti sulla lingua.

Ricordati di sputare il prodotto una volta finito, poiché non può essere ingerito.

I collutori contengono diversi componenti che aiutano a proteggere la bocca dalla placca batterica e donano un alito fresco. Ci sono quelli con fluoro, antisettici o ingredienti naturali, in grado di tenere sotto controllo i germi. Il dentista saprà indicarti quello più adatto a te.

Collutorio per pulire bene la lingua.
I collutori completano l’igiene orale e lasciano la bocca fresca.

4. Pulire correttamente e frequentemente la lingua

Per pulire correttamente la lingua non è solo necessario farlo bene, ma è anche importante che sia un’abitudine frequente. Come abbiamo detto, incorporare l’igiene della lingua nella routine di pulizia dei denti ti consentirà di farlo più volte, ogni giorno.

È importante pulire la lingua almeno 2 volte al giorno. È molto importante farlo prima di andare a letto, perché durante la notte secerniamo meno saliva. In questo modo possiamo riposare con la bocca pulita e avere un maggiore controllo sui batteri nocivi.

In questo modo si evita l’accumulo di batteri, la formazione di placche di rivestimento biancastre e l’alitosi. Sperimentare il comfort di avere una lingua pulita è solitamente una motivazione sufficiente per continuare a prendersi cura di quest’area.

Come sapere se la lingua è pulita?

Al termine della routine di pulizia orale, è consigliabile sporgere la lingua davanti a uno specchio e guardarla. Osservare la sua superficie permette di verificare che l’igiene sia stata eseguita correttamente.

Dopo aver pulito correttamente la lingua, la sua superficie appare rosa. Se invece si osservano zone bianche o giallastre è perché non è stata completamente igienizzata.

Il più delle volte, quando la lingua appare biancastra, è dovuto alla presenza di batteri accumulati sulla sua superficie. Ma altre volte può essere la manifestazione di condizioni orali, come la candidosi orale, per esempio.

Se dopo ripetute spazzolature, la lingua torna al suo solito colore rosa, non c’è motivo di preoccuparsi. Diversamente, se la tonalità biancastra persiste, è necessario consultare il dentista per valutare la situazione.

Quando andare dal dentista?

Affinché la lingua funzioni normalmente, è importante prendersi cura della sua igiene. Ma in più è necessario prendersene cura adeguatamente, visitando frequentemente il dentista.

Nelle consultazioni di routine, il dentista osserva l’aspetto della lingua e ne valuta la mobilità. In questo modo, sarai in grado di diagnosticare precocemente eventuali condizioni di presentazione.

È anche importante prestare attenzione all’aspetto della lingua. Come ti abbiamo detto, osservare questo organo quando finisci di pulirlo ti consente di rilevare eventuali cambiamenti insoliti.

È opportuno visitare il dentista o il medico se una di queste manifestazioni appare sulla lingua:

  • Dolore.
  • Gravi ustioni.
  • Macchie rosse.
  • Aree della lingua più lisce.
  • Lingua nera.
  • Ferite che non guariscono dopo pochi giorni.
  • Superficie con colorazione gialla o nera.
  • Macchie bianche che non scompaiono con la pulizia.
  • Piaghe o grumi che non scompaiono dopo alcune settimane.

Per una lingua pulita e sana

Pulire correttamente la lingua è abbastanza semplice e ne vale la pena. Avere questo organo sano è essenziale affinché i compiti comuni, come mangiare, parlare e gustare, vengano svolti senza difficoltà.

Potrebbe volerci del tempo prima che tu prenda l’abitudine di includere la lingua nell’igiene orale. Quando noterai il comfort di sentire questa parte della bocca pulita e fresca, sicuramente non lo dimenticherai.

Potrebbe interessarti ...
Pulisci lingua: cos’è e come si usa?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Pulisci lingua: cos’è e come si usa?

Il pulisci lingua è uno strumento poco costoso ma molto utile che aiuta a rimuovere tutti i detriti e batteri dalla lingua.



  • Barba, L., & Valerio, I. (2020). Halitosis: Principios básicos sobre su origen y tratamiento Revisión narrativa. Odovtos International Journal of Dental Sciences22(1), 47-59.
  • Singh, S., Singh, D., & Macedo, M. B. L. (2022). Dispositivos para remoção da saburra lingual: revisão de literatura. Research, Society and Development11(6), e54411629554-e54411629554.
  • Gallego, A. P. (2022). La patología lingual. FMC-Formación Médica Continuada en Atención Primaria29(5), 256-260.
  • Félix Corrales, C. A. (2018). Relación entre la remoción del cubrimiento lingual y los niveles de compuestos volátiles sulfurados utilizando un limpiador lingual vs un cepillo dental.
  • Pedrazzi, V., Sato, S., de Mattos, M. D. G. C., Lara, E. H. G., & Panzeri, H. (2004). Tongue‐cleaning methods: a comparative clinical trial employing a toothbrush and a tongue scraper. Journal of periodontology75(7), 1009-1012.
  • Jiménez, A. I. V., & Bolaños, F. J. (2016). Lengua vellosa negra. Reporte de caso clínico. Odovtos-International Journal of Dental Sciences18(1), 29-33.
  • Villalobos, O. J., Salazar, C. R., & Ramírez de Sánchez, G. (2001). Efecto de un enjuague bucal compuesto de aloe vera en la placa bacteriana e inflamación gingival. Acta odontológica venezolana39(2), 16-24.
  • Van Tornout, M., Laleman, I., Dadamio, J., Degeest, S., Vancauwenberghe, F., & Quirynen, M. (2014). Halitosis y cubrimiento lingual. Periodoncia y osteointegración24(1), 17-21.
  • Danser, M. M., Gómez, S. M., & Van der Weijden, G. A. (2003). Tongue coating and tongue brushing: a literature review. International journal of dental hygiene1(3), 151-158.