Mantenere pulito lo spazzolino con alcuni semplici consigli

Gli strumenti che utilizziamo per l'igiene orale possono essere contaminati tra un uso e l'altro. Vi mostriamo cosa dovreste fare per mantenere pulito lo spazzolino da denti.
Mantenere pulito lo spazzolino con alcuni semplici consigli
Vanesa Evangelina Buffa

Scritto e verificato da l'odontoiatra Vanesa Evangelina Buffa.

Ultimo aggiornamento: 07 giugno, 2022

Mantenere pulito lo spazzolino da denti è essenziale per garantire una corretta igiene orale. Il contatto con batteri, residui di cibo e dentifricio, oltre all’umidità, può far sì che lo strumento non garantisca una corretta igiene orale.

Usando lo spazzolino tutti i giorni, rimuoviamo la placca batterica che si accumula su denti, gengive e lingua. E sebbene la dentatura risulti più pulita dopo l’igiene orale, lo strumento utilizzato raccoglie i germi e i residui che erano in bocca.

Inoltre, l’umidità ambientale e la conservazione in bagno incoraggiano i batteri a utilizzare le setole come luogo di proliferazione. In questo modo, da accessorio per l’igiene può diventare un terreno fertile per i germi e il suo utilizzo può essere rischioso.

Mantenere pulito lo spazzolino da denti è fondamentale per evitare effetti indesiderati sulla salute. Inoltre, con la cura adeguata, la sua durata aumenterà.

1. Lavare lo spazzolino da denti per mantenerlo pulito

Dopo aver usato lo spazzolino, è meglio lavarlo sotto l’acqua corrente. Sotto il getto, strofinate energicamente le setole con il pollice.

L’uso di acqua calda può aiutare a rimuovere più facilmente i resti di dentifricio e cibo che sono rimasti intrappolati tra le setole.

Una volta che lo spazzolino è stato pulito, deve essere scosso per rimuovere l’umidità. Quindi deve essere sistemato in un portabicchieri o portaspazzolino con la testina rivolta verso l’alto per asciugare.

Un buon trucco per usare lo spazzolino pulito e asciutto in ogni lavaggio è tenerne due e alternare l’utilizzo.

Prima di utilizzare lo spazzolino e applicare la pasta dentifricia, è conveniente risciacquarlo. In questo modo vengono eliminati i nuovi batteri dall’ambiente che potrebbero essersi accumulati.

Di solito il lavaggio con acqua è sufficiente per mantenere pulito lo spazzolino da denti. Un’ulteriore misura preventiva è lavarsi le mani prima e dopo la pulizia della bocca. Ciò riduce le possibilità di contaminazione.

2. Conservare lo spazzolino da denti in un luogo adatto

Quando si tratta di mantenere pulito lo spazzolino da denti, il modo in cui lo si conserva è un aspetto importante da considerare. Come dicevamo, l’ideale è appoggiarlo su un supporto che permetta alle setole di asciugare.

Evitate di tenere lo spazzolino in un cassetto, in una borsa o una custodia da viaggio. Né dovrebbero essere posti dei cappucci che racchiudano la testina.

Il luogo in cui viene conservato lo spazzolino dovrebbe essere il più pulito e asciutto possibile. L’umidità, infatti, favorisce la crescita di muffe e la proliferazione di batteri non naturali della bocca.

Inoltre, nel riporre lo spazzolino, è importante che questo non entri a contatto con gli altri spazzolini per evitare la trasmissione di microrganismi patogeni.

Sebbene sia comune conservare lo spazzolino in bagno, questo luogo non è il più conveniente. Lo svuotamento del wc può diffondere batteri nocivi che si depositano su tutte le superfici della stanza. Compresi gli accessori per l’igiene orale.

Spazzolini da denti in bagno.
Gli spazzolini sono esposti ai batteri nel bagno, quindi è meglio non sistemarli vicino al wc.

3. Verificare le condizioni dello spazzolino e sostituirlo se necessario

Osservare regolarmente lo stato delle setole e del manico dello spazzolino permette di capire quando è gravemente danneggiato. E quindi non è più in grado di svolgere la sua funzione.

Lo spazzolino dovrebbe apparire pulito e intatto. Le setole aperte o sfilacciate e uno strumento scolorito o con residui che non possono essere rimossi indicano che è il momento di sostituirlo.

Ogni produttore indica la frequenza con cui sostituire lo spazzolino. Ma secondo l’American Dental Association (ADA), si consiglia di farlo ogni tre o quattro mesi. O prima se è molto consumato.

È inoltre opportuno sostituire gli spazzolini da denti di tutta la famiglia se qualcuno ha sofferto di una malattia infettiva. In questo modo si evita la trasmissione e il contagio agli altri familiari.

4. Non condividere mai lo spazzolino da denti

Per mantenere pulito lo spazzolino è fondamentale non condividerlo con nessuno, mai. Prestarlo, comporta uno scambio di microrganismi e saliva.

Questo non solo altera la flora microbica della bocca, ma può anche favorire la trasmissione di patologie orali e sistemiche.

5. Trasportare correttamente lo spazzolino da denti quando si è in viaggio

Quando si viaggia è importante trasportare correttamente lo spazzolino da denti. Questo accessorio non deve essere lasciato sciolto e a contatto con gli altri oggetti del bagaglio al fine di evitare una contaminazione delle setole.

In questi casi è consigliabile riporre lo spazzolino o coprirne la testina utilizzando un apposito astuccio. È importante che i contenitori di stoccaggio siano puliti.

Per mantenere pulito lo spazzolino è necessario disinfettarlo?

I consigli per mantenere pulito lo spazzolino da denti sopraelencati sono sufficienti per mantenerlo in buone condizioni. Ma esistono diversi metodi che consentono di ottenere una pulizia molto più profonda.

Le normali abitudini di cura e manutenzione, infatti, permettono ad alcuni batteri della bocca di permanere tra le setole dello spazzolino. In una persona sana questo non rappresenta un problema. La presenza di flora batterica all’interno della cavità orale è un fatto normale ed è necessaria per mantenere l’equilibrio della mucosa.

Inoltre, il nostro corpo è regolarmente esposto a sostanze e germi potenzialmente dannosi, ma solitamente è in grado di difendersi.

Secondo l’ADA, non ci sono prove che la crescita batterica sugli spazzolini da denti causi problemi di salute specifici. Tuttavia, alcune persone preferiscono eseguire una pulizia più profonda che rimuova più germi. Ecco cosa utilizzare.

Collutorio alla clorexidina per mantenere pulito lo spazzolino da denti

Una volta che lo spazzolino è stato usato, un modo per uccidere i germi è usare un collutorio con clorexidina. Per fare questo, lo spazzolino deve essere immerso in un bicchiere contenente il collutorio antibatterico e lasciato a bagno a lungo. Quindi dovrebbe essere lavato e lasciato asciugare all’aria.

La clorexidina è un antisettico molto efficace contro i patogeni in bocca. In effetti, in studi in vitro che hanno confrontato l’efficacia di diverse sostanze nella pulizia delle setole dello spazzolino, si è rivelata l’opzione migliore.

Disinfettanti per mantenere pulito lo spazzolino

Esistono in commercio compresse effervescenti per protesi dentarie e apparecchi ortodontici per una pulizia profonda. Immergere lo spazzolino in un bicchiere d’acqua e una di queste pastiglie aiuta a igienizzarlo e disinfettarlo a fondo.

Si consiglia di effettuare questo tipo di pulizia ogni 15 giorni. È importante non riutilizzare la stessa soluzione detergente già utilizzata per igienizzare la protesi. Né pulire entrambi gli elementi insieme nello stesso contenitore.

Acqua bollente

Un altro modo per disinfettare lo spazzolino, più naturale e fatto in casa, è usare acqua bollente. L’alta temperatura dà buoni risultati quando si tratta di uccidere i batteri.

Per fare questo, lo spazzolino va immerso in un contenitore con acqua appena bollita, lasciandolo a bagno per 1 o 2 minuti. Quindi si può risciacquare con acqua fredda e far asciugare all’aria.

Aceto

Un altro metodo semplice per mantenere pulito lo spazzolino da denti è usare l’aceto, uno dei disinfettanti naturali più conosciuti ed efficaci, in grado di eliminare germi e cattivi odori.

Quando usate l’aceto per disinfettare lo spazzolino da denti, dovete prima bagnare le setole per alcuni minuti con acqua calda del rubinetto. Quindi la testina va immersa in un bicchiere con aceto bianco e lasciata riposare per non più di 2 ore. Infine si lava con acqua fredda e si fa asciugare all’aria.

L’azione dell’aceto può essere potenziata abbinandola al bicarbonato di sodio. Utilizzando entrambi i detergenti si ottiene un effetto più intenso.

In questo caso, si immerge lo spazzolino in un contenitore con una soluzione composta da due cucchiai di aceto e altri due di bicarbonato. Si lascia riposare per 1 o 2 ore e poi si risciacqua con abbondante acqua per eliminare ogni traccia di materiale.

Bicarbonato di sodio e aceto per pulire lo spazzolino.
Il bicarbonato di sodio e aceto è un classico duo detergente che ha anche il potere di disinfettare lo spazzolino da denti.

Perossido di idrogeno

Un’altra opzione economica ed efficace quando si tratta di disinfettare e mantenere pulito lo spazzolino da denti è utilizzare perossido di idrogeno al 3%. Per fare questo, la testina deve essere immersa in un bicchiere con acqua ossigenata per qualche minuto.

Viene quindi risciacquato e fatto asciugare all’aria. Questo tipo di disinfezione può essere eseguita una volta alla settimana.

Igienizzante UV per spazzolini da denti

Se la crescita batterica sulle setole dello spazzolino da denti è una delle vostre preoccupazioni, un disinfettante a luce ultravioletta (UV) può essere un buon investimento. Questi prodotti sono offerti sul mercato come opzione per disinfettare gli strumenti per l’igiene orale.

Uno studio che confronta l’uso di questi dispositivi e altri metodi ritiene che l’azione della luce ultravioletta sia il modo più efficace per disinfettare gli spazzolini da denti.

Tuttavia, questi prodotti possono essere costosi e non sono essenziali per lavarsi i denti in modo sicuro. Ma nel caso in cui scegliate di acquistarlo, cercate un prodotto sicuro e certificato.

Come mantenere pulita la testina dello spazzolino elettrico?

Quando si tratta di tenere pulito lo spazzolino elettrico, bisogna tenere conto degli stessi consigli che vi abbiamo dato finora. Le misure igieniche descritte si applicano sia agli accessori manuali che a quelli elettrici.

È importante che durante il lavaggio o la disinfezione della testina, che questa sia scollegata e separata dalla base elettrica. Se ciò non è possibile, sarà sufficiente sciacquare le setole con acqua tiepida.

In caso di dubbio, cambiatelo

Uno spazzolino pulito e in buone condizioni consente una corretta ed efficace igiene orale. Seguendo i nostri consigli potrete utilizzare questo accessorio in sicurezza. E se avete dei dubbi sulle condizioni del vostro spazzolino, la scelta migliore è sostituirlo.

Potrebbe interessarti ...
Salute dentale: 5 sane abitudini
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Salute dentale: 5 sane abitudini

Le visite regolari dal dentista, così come la pulizia e gli sciacqui del cavo orale, sono abitudini fondamentali per la salute dentale.



  • Medina-Patruno, C., Bolaños-Rivero, M., Martín-Sánchez, A. M., Saavedra-Santana, P., & Vicente-Barrero, M. (2019). ¿ Cuál es el nivel de contaminación del cepillo de dientes almacenado en diferentes entornos sanitarios?. Avances en odontoestomatología35(2), 69-72.
  • Malmberg, E., Birkhed, D., Norvenius, G., Norén, J. G., & Dahlén, G. (1994). Microorganisms on toothbrushes at day-care centers. Acta Odontologica Scandinavica52(2), 93-98.
  • Johnson, D. L., Mead, K. R., Lynch, R. A., & Hirst, D. V. (2013). Lifting the lid on toilet plume aerosol: a literature review with suggestions for future research. American journal of infection control41(3), 254-258.
  • Ortiz Uribe, N. C. (2017). Desinfección de cepillos dentales inoculados con Streptococcus mutans usando vinagre, clorhexidina y cloruro de cetilpiridinio (Bachelor’s thesis, Quito: UCE).
  • Rojas Galvis, A. N., & Castro Gómez, E. V. (2021). Agentes desinfectantes efectivos en cepillos dentales: revisión sistemática.
  • Konidala, U., Nuvvula, S., Mohapatra, A., & Nirmala, S. V. S. G. (2011). Efficacy of various disinfectants on microbially contaminated toothbrushes due to brushing. Contemporary clinical dentistry2(4), 302.
  • Frazelle, M. R., & Munro, C. L. (2012). Toothbrush contamination: a review of the literature. Nursing research and practice2012.
  • Tomar, P., Hongal, S., Saxena, V., Jain, M., Rana, K., & Ganavadiya, R. (2014). Evaluating sanitization of toothbrushes using ultra violet rays and 0.2% chlorhexidine solution: A comparative clinical study. Journal of Basic and Clinical Pharmacy6(1), 12.
  • Fontana Mazara, C. J., & González Peña, S. R. (2020). Efectividad de diferentes agentes químicos en la desinfección de cepillos dentales inoculados con cepas de Streptococcus mutans. In vitro (Doctoral dissertation, Universidad Nacional Pedro Henríquez Ureña).
  • Bélanger-Giguère, K., Giguère, STEVE., & Bélanger, M. (2011). Disinfection of toothbrushes contaminated with Streptococcus mutans. American journal of dentistry24(3), 155.
  • Merchán, I., Merino-Alado, R. L., Briceño, E. N., Moronta, G., Oviedo, M. J., Ortega, A., … & Rodriguez, M. A. (2019). An in vitro effectiveness evaluation of chemical agents for toothbrushes disinfection. Pesquisa Brasileira em Odontopediatria e Clínica Integrada19.
  • Puicon Zapata, J. E. (2020). Efecto antimicrobiano del ácido acético y la clorhexidina al 0, 12% en la desinfección de cepillos dentales.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.