Superare la dipendenza dal cibo per iniziare una dieta

18 maggio 2018

Una delle più grosse difficoltà quando si inizia una dieta, è rinunciare a determinati alimenti. Essere costanti in una dieta è complicato, soprattutto all’inizio. Per questo motivo, vi mostreremo oggi alcuni consigli da seguire su come superare la dipendenza da cibo all’inizio di una dieta.

Non seguite diete miracolose

Pasti equilibrati

Questo tipo di diete promettono risultati sorprendenti in poco tempo e senza molti sforzi. Solitamente vengono messe in pratica all’inizio dell’estate e sono parte della famosa prova costume.

Di  certo, la maggior parte dei consigli dispensati da queste diete sono falsi e spesso pericolosi per la salute.

Alcune di queste diete sono:

  • La dieta dissociata o dieta Hay: iniziò a diffondersi negli anni ’20 e consigliava di non associare proteine e carboidrati nello stesso pasto. Siamo di fronte a un esempio di disinformazione, anche se le sue conseguenze sono innocue.
  • Dieta di Atkins: questa dieta consiste nel ridurre al massimo il consumo di carboidrati, eliminando alimenti come cereali, latte, legumi e prodotti zuccherati.

Per quanto una dieta sana raccomandi di non consumare carboidrati in eccesso, questi sono un tipo di nutrienti essenziali che non dobbiamo eliminare.

  • Dieta Dukan: questo tipo di dieta si basa sull’assunzione di proteine attraverso il consumo di alimenti come la carne, il pesce e le uova. Il problema principale di questa dieta è che non è affatto equilibrata, per cui può risultare dannosa per la salute.

In generale, le diete miracolose fanno sì che l’organismo immagazzini grassi in grandi quantità non appena cambiamo alimentazione, con un effetto “boomerang”. In questo modo, il nostro corpo cercherà di compensare il deficit alimentare sperimentato durante la dieta e vanificheremmo quindi i risultati ottenuti.

Non saltate la colazione

Cibi sani per colazione

Saltare la colazione è un errore molto comune nell’alimentazione quotidiana di molte persone. Se volete perdere peso e tenere sotto controllo l’alimentazione, è fondamentale non saltare la prima colazione.

Così facendo, l’unica cosa che otterrete sarà al contrario arrivare all’ora di pranzo con tanta fame e ansia e non controllare bene quanto cibo state assumendo in quel momento.

  • Alla luce di questo, invece di ridurre o persino di saltare la colazione, la raccomandazione è sostituire i grassi saturi, come il formaggio e i dolciumi, con altri alimenti, quali frutta o cereali.
  • Fare questo vi aiuterà a mantenere una dieta equilibrata e un apporto nutrizionali migliore.

Fate cinque pasti al giorno

La dipendenza da certi cibi è particolarmente difficile da superare quando siamo affamati. Per questo motivo, è consigliabile fare diversi pasti durante il giorno, preparando tre pasti abbondanti e due più leggeri.

Fare questo vi permetterà di consumare alimenti distribuendoli in maniera bilanciata nell’arco della giornata, riducendo quindi il senso di fame e la voglia di spizzicare tra un pasto e l’altro. Per seguire questo consiglio, la cosa migliore da fare è organizzare i vostri orari in modo tale da poter fare cinque pasti.

Pasti sani e donna con taccuino

Non vietate a voi stessi di mangiare determinati alimenti

L’unica cosa che otterrete proibendo a voi stessi di ingerire degli alimenti in particolare, sarà sviluppare un’ossessione proprio per questi cibi. A meno che non seguiate una dieta vegetariana o vegana, o a meno che non assumiate determinati cibi per una vostra convinzione morale, la cosa più giusta è non proibirvi nulla.

Piuttosto, quel che dovreste fare è semplicemente ridurre il consumo di prodotti poco salutari, come caramelle, cioccolato, gelati, dolciumi e così via.

Un buon modo per limitare il consumo di tutti quegli alimenti che ci piacciono, ma di cui dobbiamo tenere sotto controllo le quantità che assumiamo è, ad esempio, limitare il consumo a un determinato giorno della settimana. In questo modo potremmo anche autopremiarci per aver fatto dei sacrifici durante la settimana.

Mangiate a tavola, dal vostro piatto e lentamente

Mangiare seduti a tavola e servire il cibo su un piatto, vi aiuterà a essere più consapevoli delle quantità che state ingerendo. Servire il pasto in un piatto permette di calcolare meglio le porzioni, sia che resti cibo, sia che vorremmo fare il bis.

D’altra parte, mangiare seduti e lentamente aiuta a sentirsi sazi più velocemente. Mangiare troppo in fretta farà sì che, alla fine, le quantità consumate siano maggiori.

Se siete tra quelle persone che all’ora di pranzo arrivano affamate e nervose, seguire questo consiglio è molto importante, in quanto vi permetterà di tenere sotto controllo la vostra alimentazione.

Guarda anche